26 maggio 2020 12:19

Germania
Il 25 maggio la corte di giustizia federale di Karlsruhe ha condannato la Volkswagen a rimborsare un cliente che aveva comprato un’automobile diesel con centralina per le emissioni truccata. La sentenza, che potrebbe aprire la strada a migliaia di procedimenti giudiziari, stabilisce che l’azienda deve garantire il rimborso parziale del prezzo d’acquisto dell’automobile, tenendo conto dell’usura e dei chilometri percorsi. Nel 2015 la Volkswagen aveva ammesso di aver truccato le centraline di undici milioni di automobili.

Russia
La procura di Mosca ha chiesto il 25 maggio una condanna a 18 anni di detenzione per Paul Whelan, un ex marine statunitense accusato di spionaggio. Whelan, che ha anche la nazionalità britannica, irlandese e canadese, è stato arrestato a Mosca nel dicembre 2018. Secondo i servizi di sicurezza russi dell’Fsb, era in possesso di segreti di stato. Whelan sostiene di essere vittima di un complotto. La sentenza sarà annunciata il 15 giugno.

Burundi
Il 25 maggio la commissione elettorale ha annunciato che il candidato del partito al potere Évariste Ndayishimiye, designato dal capo di stato uscente Pierre Nkurunziza, ha vinto le elezioni presidenziali del 20 maggio con il 68,72 per cento dei voti, contro il 24,19 per cento del leader dell’opposizione Agathon Rwasa. Il tasso di partecipazione è stato dell’87,71 per cento. Rwasa ha denunciato gravi irregolarità e ha annunciato un ricorso alla corte costituzionale.

Venezuela
Il 25 maggio il procuratore generale Tarek William Saab ha chiesto alla corte suprema di dichiarare “organizzazione terrorista” il partito Voluntad popular del leader dell’opposizione Juan Guaidó, accusato di essere coinvolto in un tentativo fallito di sbarco nel paese di un gruppo di mercenari all’inizio di maggio. Secondo Saab, Voluntad popular si è anche appropriato, con l’aiuto degli Stati Uniti, del denaro dello stato venezuelano depositato in alcuni conti all’estero.

Suriname
Gli elettori sono andati alle urne il 25 maggio per rinnovare i 51 seggi dell’assemblea nazionale, in uno scrutinio cruciale per il futuro del presidente Dési Bouterse. In Suriname il presidente è infatti eletto dal parlamento monocamerale. Bouterse, 74 anni, è stato condannato nel 2019 a 20 anni di prigione per l’esecuzione di 15 oppositori nel 1982, all’epoca della dittatura, ma è libero in attesa dell’appello. Nel 1999 è stato condannato in contumacia nei Paesi Bassi per traffico di cocaina.

Francia
Il 23 maggio una donna transessuale è stata eletta, per la prima volta, sindaca di un comune francese. Marie Cau, 55 anni, è stata eletta dal consiglio municipale di Tilloy-lez-Marchiennes, un comune di 550 abitanti nella regione dell’Alta Francia. Alle elezioni amministrative del 15 marzo i candidati della lista di Cau avevano ottenuto tra il 63,5 e il 73,1 per cento dei voti.