05 agosto 2020 14:46

Sono più 700mila i morti per coronavirus e più di 18,5 milioni i casi di covid-19 nel mondo, secondo l’ultimo aggiornamento della Johns Hopkins University. Negli Stati Uniti i decessi sono 156.806, in Brasile 95.819 e in Messico 48.869. Stati Uniti e Brasile sono anche i paesi con il maggior numero di contagi, 4.771.080 e 2.801.921, seguiti da India e Russia.

  • In Belgio è arrivata la seconda ondata dell’epidemia. Lo ha dichiarato Steven Van Gucht, presidente del comitato scientifico dell’Istituto di sanità belga. Secondo Van Gucht, il numero di infezioni in Belgio “è in crescita” e “non si tratta di un piccolo aumento”. “Non sappiamo quanto durerà e quanto saliranno le curve”, ha aggiunto. In Belgio, nella settimana dal 25 al 31 luglio, sono stati registrati in media 517,1 casi al giorno contro i 311,4 della settimana precedente.
  • In Libia aumenta il numero di casi di covid-19, che secondo le cifre ufficiali sono 4.224, con 161 infezioni confermate nelle ultime 24 ore. Registrate anche altre due vittime, per un totale di 95 morti dall’inizio della pandemia. Sono più di 3.350 le persone ricoverate in ospedale. Tra i contagiati c’è anche il sindaco di Misurata, una delle città più colpite dall’emergenza sanitaria. L’Unione europea ha annunciato l’invio di venti milioni di euro per far fronte alla crisi.
  • Circa 24mila operatori sanitari sono stati infettati dal nuovo coronavirus in Sudafrica, e da marzo ne sono morti 181. Lo ha detto il ministro della sanità sudafricano Zweli Mkhize, precisando che si tratta del cinque per cento del totale dei casi di covid-19. Con 521.318 casi confermati e ottomila decessi, il Sudafrica è il paese più colpito del continente africano e il quinto paese più colpito al mondo.
  • Negli Stati Uniti l’Istituto nazionale di sanità statunitense (Nih) ha annunciato che effettuerà un test clinico su vasta scala per sperimentare un farmaco contro il covid-19. Si tratta di un anticorpo, LY-CoV555, scoperto nel sangue di un paziente che è guarito dalla malattia.
  • In Perù sono più di ventimila le persone morte a causa del virus. Mentre il numero di contagi ha raggiunto 439.890, secondo il ministero della salute. Gli ospedali sono pieni, e in questo momento ospitano 13.798 pazienti ricoverati con il virus. La stampa locale sostiene che i morti siano largamente sottostimati. Il Perù è il terzo paese dell’America Latina più colpito dall’epidemia, dopo il Brasile e il Messico.
  • La compagnia aerea Virgin Atlantic, con sede nel Regno Unito, ha presentato un’istanza di bancarotta negli Stati Uniti a causa della pandemia di covid-19, chiedendo di poter sviluppare un piano di ricapitalizzazione nei prossimi 18 mesi. L’azienda aveva ricevuto il mese scorso 1,5 miliardi di dollari di aiuti per mantenere la solvibilità.
  • Il 41,8 per cento delle persone sottoposte a test sierologici nella bassa val Seriana, in provincia di Bergamo, ha sviluppato anticorpi al virus. Sono i risultati emersi dalla campagna di screening che si è conclusa in questi giorni. Lo ha reso noto la regione Lombardia. Solo l’1,7 per cento dei positivi è risultato positivo anche al tampone nasofaringeo. Fra centri maggiormente colpiti dall’epidemia ci sono le città di Nembro, con il 48,8 per cento delle persone sottoposte al test che è risultato positivo; Albino con il 42,6 per cento; e Alzano Lombardo con il 34,8 per cento.