29 settembre 2020 16:30

La pandemia è il tema che ha ispirato più riflessioni: ha svelato la complessità del mondo che abitiamo, le sue logiche sociali, politiche, economiche, interpersonali e psicologiche. E combatterla richiede uno sforzo di fantasia. A Ferrara ne parlerà Paolo Giordano presentando il suo libro Nel contagio (Einaudi 2020).

Annamaria Testa, con il libro Il coltellino svizzero (Garzanti 2020), offrirà uno strumento per leggere il presente. Spiegherà perché abbiamo bisogno di un nuovo, ideale coltellino svizzero per poter di volta in volta avvitare un pensiero, limare una percezione, “stappare” un punto di vista originale, perché esplorare nuovi orizzonti è diventata una necessità. Stefano Liberti racconterà Terra bruciata (Rizzoli 2020), un viaggio nell’Italia colpita dagli effetti del riscaldamento globale: dalle spiagge del litorale laziale, dove si cerca di resistere all’avanzata del mare con i sacchi di sabbia, alla Sicilia che reinventa produzioni agricole. L’inchiesta di Olivier Van Beemen Heineken in Africa (Add editore 2020) si occupa della multinazionale europea che ha più di quaranta birrifici in Africa e che sostiene di favorire lo sviluppo economico nel continente. Ma è davvero
così?

Virginie Raisson racconterà com’è nato 2038. Atlante sui futuri del mondo (Slow food 2020), che con mappe, grafici e collage cerca di illustrare il destino del pianeta. In Storia di un figlio (Baldini+Castoldi 2020) Fabio Geda racconta, insieme al protagonista, il viaggio di Enaiatollah Akbari, un rifugiato afgano che, dodici anni dopo il suo arrivo in Italia, parte alla ricerca della famiglia. Infine Joe Sacco presenterà Tributo alla terra (Rizzoli Lizard 2020), il suo reportage a fumetti dedicato al popolo dei dene, che vive nel Canada nordoccidentale da tempo immemorabile. Per generazioni i dene hanno vissuto seguendo le leggi della natura, sentendosi sempre figli della terra e mai suoi padroni. Fino a quando sono arrivate le industrie minerarie e petrolifere a sfruttare i loro territori.

Il primo appuntamento dell’edizione 2020 del festival di Internazionale a Ferrara è per il 3 e 4 ottobre. Ecco il programma.

Questo articolo è uscito sul numero 1377 di Internazionale. Compra questo numero | Abbonati