03 ottobre 2020 16:04

Nel 2003 Lorenzo Mattotti intraprende un lungo viaggio in Patagonia, insieme allo scrittore argentino Jorge Zentner. I due partono in macchina da Buenos Aires e si dirigono a sud, attraversando per un mese steppe e montagne fino alla Terra del Fuoco.

In quei giorni l’illustratore tiene un diario di viaggio, facendo degli schizzi veloci a pastello sul suo taccuino oppure usando foto e video.

Tornato a Parigi, dove vive dal 1998, aspetta sei mesi prima di rielaborare l’esperienza argentina. Le sue suggestioni prendono vita su un taccuino di carta nepalese, fatto a mano e dalla forma allungata, dove concepisce una serie di tavole affidandosi semplicemente a un pennello e a della china. Decide di sfruttare a pieno lo spazio del taccuino e di disegnare su due pagine. In questo modo il suo tratto può restituire l’intensità dei panorami che l’hanno incantato.

Patagonia. (Lorenzo Mattotti)

“Laggiù mi sono confrontato con spazi, distese che mi hanno enormemente scosso: è lo spazio a perdita di vista, lo spazio infinito, ma dove l’armonia delle forme apre spazi, dà profondità” racconta l’autore. “Con l’aiuto del pennello ho cercato di ritrovare l’armonia dello sguardo che avevo sentito mentre viaggiavo. Era una specie di musica e ho cominciato a disegnare una sorta di spartito paesaggistico”.

Lorenzo Mattotti è nato a Brescia nel 1954. Il suo esordio avviene negli anni settanta con i fumetti, disegnando strisce in bianco e nero. Nel 1983 arriva a Bologna e fonda Valvoline insieme ad altri disegnatori: Daniele Brolli, Giorgio Carpinteri, Igort, Marcello Jori e Jerry Kramsky. Valvoline era un inserto della rivista Alter Alter, che pubblicava fumetti d’avanguardia, italiani e stranieri. In quel periodo firma Fuochi, una delle sue opere più importanti. Da allora Mattotti è diventato un illustratore di fama internazionale.

Patagonia. (Lorenzo Mattotti)

Le tavole del suo viaggio saranno esposte nella mostra Patagonia, che verrà inaugurata il 4 ottobre negli spazi di Mutty a Castiglione delle Stiviere, in provincia di Mantova, e resterà aperta fino al 28 novembre. Patagonia è anche un libro, edito da Lazy Dog Press.