28 aprile 2021 10:56

Burkina Faso
Il 27 aprile le forze di sicurezza hanno confermato che due spagnoli e un irlandese dati per dispersi lunedì dopo un attacco jihadista nell’est del paese sono stati uccisi. Si tratta del documentarista David Beriain, del cameraman Roberto Fraile e di un attivista irlandese di un’ong, che stavano realizzando un reportage sul bracconaggio. Nell’attacco sono stati feriti anche sei burkinabé e un altro risulta disperso.

Ciad
Almeno cinque persone sono state uccise il 27 aprile durante una serie di manifestazioni spontanee nella capitale N’Djamena e nel sud del paese contro la giunta militare che ha assunto il potere dopo la morte la settimana scorsa del presidente Idriss Déby Itno. Il leader della giunta, Mahamat Idriss Déby, figlio dell’ex presidente, ha annunciato che le elezioni si svolgeranno al termine di un periodo di transizione di diciotto mesi.

Israele-Palestina
Il 27 aprile l’ong Human rights watch (Hrw) ha accusato Israele di attuare una politica di “apartheid” nei confronti degli arabi che vivono nel paese e dei palestinesi nei Territori occupati. Prima ancora della pubblicazione del rapporto di Hrw, il ministero degli esteri israeliano l’ha definito un “volantino di propaganda”.

Birmania
I ribelli dell’Unione nazionale karen (Knu) hanno annunciato il 27 aprile di aver assunto il controllo di una base militare nello stato di Karen, nel sudest del paese, vicino al confine con la Thailandia. Poche ore dopo le forze armate birmane hanno condotto un raid aereo nella regione. Le tensioni tra i militari e vari gruppi etnici sono aumentate dopo il colpo di stato del 1 febbraio.

Albania
Il 27 aprile la commissione elettorale ha annunciato che il Partito socialista al potere ha vinto le elezioni legislative di domenica scorsa con il 48 per cento dei voti. La formazione guidata dal premier Edi Rama ha ottenuto la maggioranza assoluta dei seggi in parlamento (74 su 140). L’opposizione di centrodestra non ha riconosciuto la sconfitta e ha denunciato gravi irregolarità.

Grecia
L’eurodeputato Ioannis Lagos, del partito neonazista Alba dorata, è stato arrestato il 27 aprile a Bruxelles dopo la revoca della sua immunità. Nell’ottobre scorso, al termine di un maxiprocesso contro i dirigenti di Alba dorata davanti alla corte penale di Atene, Lagos era stato condannato a 13 anni e otto mesi di prigione per “direzione di un’organizzazione criminale”.

Cipro
Il 27 aprile si sono aperti a Ginevra tre giorni di “discussioni informali” sul futuro dell’isola sotto la supervisione del segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres. Sono presenti il presidente cipriota Nikos Anastasiades e il leader della Repubblica Turca di Cipro Nord, Ersin Tatar. Non ci sono grandi speranze di raggiungere un accordo per la riunificazione dell’isola, divisa dal 1974.