14 ottobre 2021 11:00

Cile
Il 13 ottobre l’opposizione ha lanciato alla camera dei deputati una procedura di destituzione del presidente Sebastián Piñera, sotto accusa per la vendita di un’azienda mineraria avvenuta in un paradiso fiscale (le Isole Vergini Britanniche) e svelata dall’inchiesta dei Pandora papers. Il deputato d’opposizione Tomás Hirsch ha affermato che Piñera ha “approfittato del suo ruolo per condurre affari personali”.

Stati Uniti-Iran
Il 13 ottobre il segretario di stato statunitense Antony Blinken ha ipotizzato il ricorso all’opzione militare per impedire all’Iran di dotarsi delle armi nucleari. Nel corso di una conferenza stampa congiunta a Washington con il ministro degli esteri israeliano Yair Lapid, Blinken ha precisato che il governo statunitense “predilige una soluzione diplomatica, ma i segnali che arrivano da Teheran non sono incoraggianti”.

Libano
Un consiglio dei ministri previsto il 13 ottobre è stato annullato a causa delle forti divergenze sull’inchiesta in corso sull’esplosione al porto di Beirut nell’agosto 2020, in cui sono morte 214 persone. I ministri delle formazioni sciite filoiraniane Hezbollah e Amal pretendono infatti la destituzione del giudice Tareq Bitar, che sta conducendo le indagini. Il giorno prima Bitar era stato costretto a sospendere per la seconda volta l’inchiesta, a causa delle pressioni politiche, dopo aver emesso un mandato d’arresto nei confronti del deputato ed ex ministro delle finanze Ali Hassan Khalil, del partito Amal.

Norvegia
Il 13 ottobre cinque persone sono morte e due sono rimaste ferite in un attacco con arco e frecce a Konsberg, nel sudest del paese. Poco dopo la polizia ha arrestato l’autore dell’attacco, un danese di 37 anni residente in città. Non sono ancora chiare le motivazioni dell’uomo, con il quale la polizia avrebbe avuto contatti dopo la sua conversione all’islam per paura di una sua radicalizzazione, scrive la Bbc.

Kosovo
Varie persone sono rimaste ferite il 13 ottobre negli scontri scoppiati tra poliziotti e gruppi di serbi a Mitrovica e a Zvečan, nel nord del paese. I manifestanti, appartenenti alla minoranza serba, hanno bloccato alcune strade per protestare contro i raid condotti dalla polizia per “contrastare il contrabbando”. Due settimane fa il Kosovo e la Serbia avevano raggiunto un accordo, con la mediazione dell’Unione europea, per mettere fine alle tensioni alla frontiera comune.

Unione europea-Regno Unito
Il 13 ottobre il vicepresidente della Commissione europea Maroš Šefčovič ha proposto al Regno Unito un alleggerimento dei controlli doganali su alcune merci destinate all’Irlanda del Nord per ridurre le difficoltà di approvvigionamento nella provincia e mettere fine alle tensioni con Londra. L’accordo sulla Brexit, contestato dagli unionisti nordirlandesi, ha reintrodotto i controlli doganali sulle merci in arrivo in Irlanda del Nord dalla Gran Bretagna per evitare il ritorno di una frontiera fisica tra Belfast e Dublino.