27 gennaio 2022 10:37

Ucraina-Russia-Stati Uniti
Il 26 gennaio il governo statunitense ha respinto ufficialmente una delle principali richieste di Mosca, rifiutando di chiudere le porte della Nato all’Ucraina. Washington sostiene però di aver proposto al Cremlino una “soluzione diplomatica seria” per evitare un conflitto. Nelle scorse settimane la Russia ha schierato più di centomila soldati alla frontiera ucraina.

Siria
Il 26 gennaio le forze curde, sostenute da soldati statunitensi, hanno ripreso il controllo della prigione di Ghwayran, nel governatorato nordorientale di Al Hasaka, dove un numero imprecisato di miliziani del gruppo Stato islamico si era asserragliato insieme ai detenuti. I jihadisti si sono arresi dopo aver trascorso due giorni senza cibo né acqua. I combattimenti degli ultimi giorni hanno causato 181 vittime – 124 jihadisti, 50 combattenti curdi e sette civili – e costretto 45mila persone a lasciare le loro case.

Cuba
La procura dell’Avana ha affermato il 25 gennaio che 710 persone – 55 delle quali di età compresa tra 16 e 18 anni – sono attualmente perseguite per aver partecipato alle manifestazioni antigovernative dell’11 luglio 2021, mentre altre 172 sono già state condannate. Le accuse sono “vandalismo” e “violazione grave dell’ordine pubblico”.

Bahamas-Stati Uniti
Il 26 gennaio la guardia costiera statunitense ha proseguito le ricerche in mare dopo il naufragio di un’imbarcazione carica di migranti tra le Bahamas e la Florida. Finora il bilancio è di una vittima accertata e trentotto dispersi. L’unico sopravvissuto ha raccontato che l’imbarcazione è partita sabato sera dal distretto di Bimini, alle Bahamas.

Stati Uniti
La portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha dichiarato il 26 gennaio che il presidente Joe Biden “onorerà la sua promessa di nominare una giudice afroamericana alla corte suprema”. Lo stesso giorno alcuni mezzi d’informazione hanno scritto che a giugno si dimetterà il giudice progressista Stephen Breyer, 83 anni, nominato da Bill Clinton nel 1994.

Penisola coreana
Il 27 gennaio le forze armate sudcoreane hanno affermato che la Corea del Nord ha lanciato un missile non identificato nel mare dell’Est (o mar del Giappone). Si tratta del sesto test missilistico nordcoreano dall’inizio dell’anno. La settimana scorsa Pyongyang ha minacciato di riprendere anche i lanci di missili balistici intercontinentali, sospesi dal 2017.

Francia
L’assemblea nazionale ha approvato il 25 gennaio, con 142 voti a favore e nessuno contrario, un progetto di legge che vieta le “terapie di conversione”. Il testo, che era già stato approvato dal senato, sarà ratificato dal presidente Emmanuel Macron entro quattordici giorni. Prevede pene fino a tre anni di prigione e multe fino a 45mila euro. Le terapie di conversione sono pratiche pseudoscientifiche che puntano a modificare l’orientamento sessuale e l’identità di genere delle persone omosessuali, bisessuali o transgender per farle diventare eterosessuali.