10 giugno 2022 10:32

Stati Uniti
Il 9 giugno una commissione d’inchiesta parlamentare ha stabilito che l’assalto al congresso del 6 gennaio 2021 è stato il “culmine di un tentativo di colpo di stato” orchestrato dal presidente Donald Trump per restare al potere. Il capo della commissione Bennie Thompson ha affermato che i manifestanti hanno preso d’assalto il congresso su “invito” di Trump, aggiungendo che “la democrazia è ancora in pericolo”.

Brasile
Il 9 giugno la polizia ha arrestato un pescatore di 41 anni, Amarildo da Costa, una delle ultime persone ad aver visto il giornalista britannico Dom Phillips e l’esperto di popoli indigeni Bruno Pereira, scomparsi il 5 giugno mentre conducevano alcune ricerche per un libro sulla protezione dell’ambiente nella valle del Javari, in Amazzonia, vicino al confine con il Perù. Sono in corso le analisi di alcune tracce di sangue trovate sulla barca dell’arrestato.

Ucraina-Russia
Le autorità filorusse della regione di Donetsk, nell’est dell’Ucraina, hanno condannato a morte il 9 giugno due britannici e un marocchino accusati di aver combattuto “come mercenari” a fianco delle forze ucraine. Aiden Aslin, Shaun Pinner e Brahim Saadoun faranno appello contro la sentenza. Intanto Mykhailo Podolyak, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj, ha affermato che ogni giorno tra cento e duecento soldati ucraini rimangono uccisi al fronte.

Unione europea
Il 9 giugno la Banca centrale europea (Bce) ha annunciato la fine del sostegno monetario all’economia a partire dal 1 luglio, mese in cui è previsto anche un rialzo dei tassi di 25 punti base, il primo da più di dieci anni. L’obiettivo è frenare l’inflazione, che secondo le stime sarà del 6,8 per cento nel 2022. La decisione è stata presa nel corso di una riunione del consiglio direttivo della Bce ad Amsterdam.

Iran
Il governo ha notificato il 9 giugno all’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) lo smantellamento di 27 telecamere di sorveglianza delle sue attività nucleari, in risposta a una risoluzione che invitava il paese a una “maggiore cooperazione” e denunciava la presenza di materiale nucleare in tre siti non dichiarati (Marivan, Varamin e Turquzabad). Secondo l’Aiea, la decisione di Teheran potrebbe dare il “colpo di grazia” ai negoziati internazionali in corso a Vienna sul programma nucleare iraniano.

Nigeria
Il 9 giugno il ministro dell’interno Rauf Aregbesola ha affermato che il recente attacco condotto in una chiesa a Owo, nel stato sudoccidentale di Ondo, potrebbe essere opera del gruppo Stato islamico nella provincia dell’Africa occidentale (Iswap). L’attacco, avvenuto il 5 giugno in un’area del paese solitamente pacifica, ha causato 40 morti e 61 feriti.