16 giugno 2022 11:12

Ucraina-Russia
Il 16 giugno il presidente francese Emmanuel Macron, il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il presidente del consiglio italiano Mario Draghi hanno raggiunto Kiev per un incontro con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj. Il 15 giugno il presidente statunitense Joe Biden ha annunciato nuovi aiuti militari all’Ucraina per un miliardo di dollari. Intanto Serhyj Hajdaj, governatore della regione di Luhansk, nell’est dell’Ucraina, ha affermato che circa diecimila civili si trovano attualmente bloccati nella città sotto assedio di Sjevjerodoneck.

Unione europea-Regno Unito
Il 15 giugno il vicepresidente della Commissione europea Maroš Šefčovič ha accusato il governo britannico “di aver violato il diritto internazionale” presentando in parlamento un progetto di legge per modificare unilateralmente il protocollo nordirlandese, che fa parte dell’accordo sulla Brexit firmato con l’Unione europea. Šefčovič ha annunciato l’attivazione di una procedura d’infrazione che potrebbe portare a un ricorso alla corte di giustizia dell’Unione europea.

Brasile
Il pescatore Amarildo da Costa, arrestato il 9 giugno, ha ammesso il 15 giugno di aver partecipato all’omicidio del giornalista britannico Dom Phillips e dell’esperto di popoli indigeni Bruno Pereira, e ha fatto ritrovare i loro corpi. Phillips e Pereira erano scomparsi il 5 giugno mentre conducevano alcune ricerche per un libro sulla protezione dell’ambiente nella valle del Javari, in Amazzonia. Non si conoscono ancora i dettagli del duplice omicidio, commesso a colpi di arma da fuoco.

Stati Uniti
Il 15 giugno la Federal reserve (Fed), la banca centrale degli Stati Uniti, ha alzato i tassi d’interesse di tre quarti di punto, portandoli all’interno di una forchetta tra 1,50 e 1,75 per cento. È l’aumento più consistente dal 1994. L’obiettivo è contrastare l’inflazione, che a maggio ha raggiunto l’8,6 per cento, il dato più alto dal 1981.

Canada
Il 15 giugno James Ramer, capo della polizia di Toronto, ha presentato le scuse ufficiali ai neri e agli asiatici per le discriminazioni di cui sono stati vittime negli ultimi decenni. Nel 2021 un rapporto di una commissione sui diritti umani aveva rivelato che i cittadini neri sono presi di mira, feriti o uccisi dalla polizia molto più dei bianchi.

Israele-Palestina
L’ex direttore dell’ong World vision a Gaza, il palestinese Mohammed Halabi, è stato riconosciuto colpevole il 15 giugno da un tribunale israeliano dell’appropriazione indebita di decine di milioni di dollari a beneficio del partito Hamas. L’avvocato di Halabi, Maher Hanna, ha denunciato un “processo politico” e annunciato che farà appello contro la sentenza.

Repubblica Democratica del Congo
Il 15 giugno migliaia di persone hanno partecipato a una manifestazione a Goma, capoluogo della provincia orientale del Nord Kivu, per denunciare “l’aggressione del Ruanda”. Il 12 giugno i ribelli dell’M23, che secondo l’esercito congolese sono sostenuti da Kigali, avevano lanciato una grande offensiva attaccando la città di Bunagana e altre località. Il presidente keniano Uhuru Kenyatta ha annunciato l’invio nella regione di una forza di sicurezza dei paesi dell’Africa orientale.