17 luglio 2020 15:15

Sono incinta della mia prima figlia, che per mia madre sarà la prima nipote. Qualche settimana fa lei ha deciso di tingersi i capelli di blu per essere una settantenne più “moderna”: è solo una coincidenza o il panico di diventare nonna?–Michela

Soprattutto per gli uomini si parla spesso di crisi di mezza età. I sintomi li conosciamo bene: vanno dai tatuaggi abbinati a braccialetti di pelle nei casi più lievi, fino all’auto nuova abbinata a una giovane fidanzata in quelli più gravi. Si parla meno invece della crisi di terza età. In un caso si tratta della paura di invecchiare, nell’altro di un terrore più ancestrale: la paura di morire.

Così verso i settant’anni ti viene voglia di fare il viaggio che hai rimandato tutta la vita o la pazzia che non hai mai avuto il coraggio di fare, come buttarsi con il paracadute o, appunto, tingersi i capelli di blu. Che tra l’altro non è più neanche una grande pazzia, dopo che è stata ampiamente sdoganata da grandi stelle come Lucia Bosè, Loredana Bertè o la musa di Ozpetek Serra Yilmaz. Non dimenticare poi che in questi mesi stiamo vivendo una pandemia particolarmente pericolosa per le persone anziane e un nuovo colore di capelli può essere un ottimo modo di esorcizzare la paura. Se si fosse presentata con un fidanzato trentenne sarebbe stata una crisi più complessa da gestire, no (anche se io avrei approvato comunque)?

Niente paranoie: tua figlia sarà fortunata ad avere una nonna moderna, in grado di passarle il fondamentale messaggio che la vita va vissuta appieno in tutte le sue stagioni.

Questo articolo è uscito sul numero 1367 di Internazionale. Compra questo numero | Abbonati.