Tagliola

Il giornalista Alessandro Robecchi l’ha definito un meccanismo perfetto, tipo tagliola: le politiche dei Macron producono le Le Pen, e poi bisogna votare Macron per fermare Le Pen. Il lento e progressivo spostamento a destra di tutto il baricentro politico ha prodotto lo strano fenomeno per cui sono considerati “pericolosi estremisti di sinistra” leader che un tempo avrebbero militato in uno dei tanti partiti della sinistra storica e tradizionale.

Sono chiamati estremisti, populisti, radicali, ideologici (usato nel senso di faziosi, come se le ideologie fossero una parolaccia, e non invece “un complesso di idee e princìpi propri di un’epoca, di un gruppo, di una classe sociale”). Il restringimento dello spazio politico si fa sentire anche al centro e a destra, dove soggetti molto diversi si ritrovano schiacciati all’interno di categorie (centrodestra, centrosinistra) affollate come un autobus all’ora di punta.

È una delle ragioni per cui tutti dovrebbero rallegrarsi per la presenza di leader o partiti, come in Francia Jean-Luc Mélenchon e i movimenti alla sua sinistra, che occupando in modo convinto una posizione nettamente distinta da quella degli altri contribuiscono a mantenere vivo il sistema democratico impedendone il collasso.

Non sono partiti perfetti, dicono alcuni. È vero. E infatti da tempo ci si è abituati a fare i conti con opzioni molto meno che perfette, a votare per “il male minore”. Solo che, per motivi misteriosi, questo male minore è sempre un po’ più a destra, mai un po’ più a sinistra. Turandosi il naso, si è pronti spesso a votare per partiti moderati, di centro o conservatori, ma solo raramente per quelli di sinistra che, magari confusamente e con errori, partono da una critica severa del nostro sistema economico e sociale, per cercare di cambiarlo.

pubblicità
Internazionale usa i cookie per facilitare la navigazione del sito. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta questa pagina. Chiudendo il banner o scorrendo la pagina acconsenti all’uso dei cookie. X