Amori e acquascooter

17 luglio 2019 17:19

1. Selton, Ipanema (feat. Malika Ayane e Carlinhos Brown)
Una carriera a capitalizzare lo scambio italo-brasilero, i Selton: dai giri in Havaianas all’Ortica, estensione di Copacabana, con la partecipazione di Enzo Jannacci (un João Gilberto à milanesa), al Brasile rivisitato con occhi italiani, come se il tropicalismo fosse un morbo contratto a Sanremo, giocando con il Supertele sulla sabbia. La nuova produzione di Dardust è arguta. Ma quando senti Ayane cantare “io ti voglio bene anche se me la tiro un po’” la saudade è tutta per l’assenza di un paroliere come Sergio Bardotti.


2. Franco J Marino, Procida (feat. Tony Esposito)
Le chitarre fanno il verso del gabbiano, il buon vecchio Tony riattiva percussioni e kalimbe e sull’isoletta di Napoli si leva in volo un drone. È subito pro-loco lounge, languido latino in quel ritmo “tamué” di cui questo vocalist di Tony Esposito rivendica la paternità nel nuovo album, Napolatino. Non sempre si distingue dal luogo comune, piovono piezz’e core e pummarola ro Piennolo. Ma questo singolo procidano potrebbe sostituire la storica sigla di Un posto al sole, oppure almeno valorizzarne uno spin­off vacanziero.


  1. Ricordati di Rimini, Edwige Fenech
    Momento malinconia in un interno borghese tipo Fedeltà di Marco Missiroli, riferimenti rétro, souvenir erotici, giro di basso, organo elettrico, ciabattine, ventilatore, bicchiere mezzo pieno di ghiaccio e tapparelle a mezz’asta. Ideale per la staycation in condominio deserto, l’aspirante tormentone dell’estate è frutto dell’accoppiamento artistico tra Alessandro Cianci e Andrea Barbara (aka Iamseife), due manipolatori di sound qui in vena elegiaca. Un atto di ribellione, a suo modo, verso una sudaticcia giovialità da beach­ party.


Questo articolo è uscito sul numero 1315 di Internazionale. Compra questo numero|Abbonati

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Le macerie sotto la crisi
Ida Dominijanni
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.