Italieni

I film e i libri visti dai corrispondenti della stampa straniera. 

La cura più che un libro è parte di una terapia

09 giugno 2016 20:18

Salvatore Iaconesi e Oriana Persico, La cura
Codice edizioni, 364 pagine, 15 euro

La cura non è un libro ma “l’elemento di una performance” in cui si sospende la realtà ordinaria per metterne in scena un’altra. Lo dice Salvatore Iaconesi, coautore e protagonista della Cura, in quanto malato. La sua performance è essere riuscito a travalicare la condizione di paziente per restituire alla malattia una dimensione umana e sociale. Ne è nata una testimonianza molto originale in cui il cancro non è più un tabù e la medicina si fonde con la cibertecnologia. Tutto comincia nel 2012, quando all’autore viene diagnosticato un cancro al cervello.

Salvatore decide di mettere online la sua cartella clinica e di chiedere al mondo intero di partecipare alla cura. Da hacker e ingegnere robotico sa benissimo che la sua dichiarazione, “Io ho il cancro”, scatenerà qualcosa. Lo spiega lui stesso: “Non ti ammali da solo, la tua famiglia è con te, gli amici, gli studenti se insegni, il tuo fruttivendolo dove non vai più a fare la spesa… È ingenuo pensare che ti ammali da solo e che da solo ti possa curare”. E, comunque, mai nel rapporto asimmetrico tra medico e paziente, con il paziente ridotto a “entità amministrativa-burocratica”. Oggi Salvatore è guarito e, grazie a esperimenti come il suo, il malato di cancro può essere meno solo.

Questo articolo è stato pubblicato il 27 maggio 2016 a pagina 84 di Internazionale, nella rubrica Italieni. Compra questo numero | Abbonati

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il populista Nigel Farage approfitta della crisi politica britannica
Pierre Haski
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.