25 agosto 2021 16:03

Avvertenza. Il linguaggio di questa rubrica è diretto ed esplicito.

Sono da poco uscita per la terza volta con uno. L’ho invitato a casa mia, abbiamo cominciato a rotolarci e a un certo punto lui me l’ha leccata. Poco dopo si è tolto i pantaloni e sorpresa: ce l’aveva minuscolo. Sono rimasta sconvolta e mi sono smontata. Non avrei continuato, ma sapendo quanto sono sensibili gli uomini sono rimasta impassibile, sforzandomi di non fargli capire che mi era passata, ed è riuscito a venire. C’è un modo gentile per dire a un uomo che non vuoi più fare sesso con lui per via delle sue dimensioni? Inoltre: chi ha un pene minuscolo deve dirlo prima di arrivare al sesso? Non fosse stato per lo shock, mi avrebbe smontato di meno.

–Smaller Men And Lessons Learned

Non ti credo, SMALL. Non penso che saresti rimasta meno sconvolta o non ti saresti smontata se lui avesse tirato in ballo le dimensioni del suo uccello tra l’inizio del primo appuntamento e la fine del terzo. E se l’avesse fatto, SMALL, mi avresti scritto dicendomi che un tizio strano si era messo a parlare del suo uccello piccolo, per concludere con un indignato: “Ti pare possibile?” (e io ti avrei risposto: “Sì, se a uno piace essere umiliato per quello, perché altrimenti non c’è motivo di rivelarlo prima”).

Allora, i cazzi sono come le labbra vaginali: ne esistono di ogni forma e dimensione, e quando vai a letto con qualcuno per la prima volta in genere non sai cosa ti toccherà. È legittimo preferire dimensioni maggiori o minori, ma bisogna essere pronti ad accettare le naturali variazioni e adattarsi. Se non sopporti l’idea di finire a letto con uno che per te ce l’ha troppo piccolo, SMALL, prima di incontrarlo devi chiedere una foto del cazzo. O dirlo tu per prima: ti piacciono i cazzi grossi, dai tot centimetri in su. Ma se chiedere una foto del cazzo e/o rivelare le tue preferenze in anticipo ti sembra troppo sfacciato, SMALL, sappi che non sei obbligata a scoparti un uomo se ha un uccello che non ti piace. Nessuno è tenuto a fare sesso per non offendere. Bisogna cercare di essere rispettosi, certo, il che può voler dire inventarsi una scusa, per quanto palesemente falsa. Ma sei sempre libera di prendere e andartene.

***

Sono sposato con una donna meravigliosa. So che di solito qui arriva il MA, eppure è vero. È fantastica. Il problema è il sesso. Mia moglie ha sempre avuto problemi con l’intimità fisica. Non ama essere toccata sul collo e sulle orecchie, e in generale non ama le carezze. Erano la mia parte preferita, ma eravamo compatibili in altre cose e quindi pazienza. La situazione è peggiorata dopo la nascita dei figli: ora il suo corpo è quasi tutto off-limits, e io faccio fatica. Le ho spiegato che per me il sesso è importante e lei si sforza sinceramente, ma oltre la penetrazione non si va. Mi mancano i preliminari. Ho cercato di affrontare l’argomento, ma lei si chiude a riccio. Posso proporle dei piccoli passi? Quali?

–Touched or Not

Di piccoli passi tra il non farsi baciare il collo e il farselo baciare non ce ne sono tanti, TON, per cui o a tua moglie va di parlarne con uno psicologo per identificare la causa della sua avversione al contatto – che potrebbe non esserci – o non c’è molto che tu possa fare. Magari non le piace e basta. Se la cosa è peggiorata con l’arrivo dei figli, forse migliorerà quando saranno grandi. E se a occuparsi dei figli è soprattutto tua moglie, be’, forse quando arrivi tu a puntarle il collo è già stata toccata abbastanza. Ma se l’incompatibilità sessuale risale all’inizio, se tra voi non c’è mai stata vera intesa, è una cosa molto difficile – se non impossibile – da invertire dopo anni o decenni.

Illustrazione di Francesca Ghermandi

Ho scoperto che quando mi siedo su un dildo (infilato nell’ano) mi passa il mal di schiena, o quantomeno diminuisce. So che l’orgasmo fa rilasciare un sacco di sostanze stupende, ma non è che c’è altro? Tipo i punti dell’agopuntura, però nel culo? Con la schiena ho problemi che nemmeno la fisioterapia è riuscita a risolvere. Però riempirmi il culo funziona. Ne sai di più?

–Anal Makes Everything Nice

Magari è una cosa fisica, magari è chimica, o magari ti sei imbattuta (e impalata) su una versione unica dell’effetto placebo, con la differenza che tu prendi dildi e non pastiglie di zucchero. Non sprecare tempo a chiederti il perché, AMEN, ringrazia e basta.

***

Io e mio marito vogliamo aprire la coppia. Io sono attraente il giusto da trovare con facilità, ma mio marito… be’, io, lo trovo strepitosamente sexy, e in vita sua ha rimorchiato abbastanza da sapere che alle donne piace. Ma adesso va per i quaranta e… dirlo delicatamente è impossibile: peli nelle orecchie, peli lunghi nelle sopracciglia, nel naso, fronte stempiata, peli lunghi sul petto e fino al collo… PELI OVUNQUE, E TROPPI! Da tre metri di distanza è bellissimo, ma da vicino sembra trascurato. La domanda è: come glielo dico? Sono per valorizzare ogni tipo di corpo, ma le donne che piacciono a lui dedicano tempo e cure al proprio aspetto, e secondo me dovrebbe fare lo stesso! Le allusioni non funzionano. Io lo amo così com’è, ma non mi va di sentirlo frignare che per “quelli di mezz’età” è dura rimorchiare. Non è l’età, il problema!

–Husband Is Not Trying Enough Really

Molti giovani eterosessuali pensano che l’aria un po’ trasandata sia virile e sexy. E spesso funziona, finché non arrivano i peli nelle orecchie e nel naso. A quel punto pensano: “Non faccio niente di diverso, eppure non piaccio più come prima!”. Per piacere di nuovo come prima, ovviamente, devono fare qualcosa di diverso, per esempio cominciare ad accorciarsi i peli e prendersi più cura di se stessi. Il mio consiglio: smetti di alludere, HINTER, e comincia a dire.

***

Sono un giovane gay a cui piacciono le sculacciate forti. Ho frequentato qualche bravo ragazzo, ma non vogliono mai farmi male. Adesso vorrei provare con le app da incontri specializzate, ma un sadico che vuole farmi male ho paura non sia il massimo. Voglio un uomo che mi faccia male, ma temo di incontrarne uno a cui piace troppo. Mi spiego? Sono un po’ bloccato e mi servirebbe una spintarella.

–Hate Extremely Limp Paddling

Hai implorato dei bravi ragazzi di farti male e non ha funzionato, HELP, e quindi è ora di provarci con dei ragazzi kinky che te ne vogliano fare (era questa la spintarella che volevi, giusto?). Ci sono stronzi anche tra la gente kinky, è ovvio, per cui valuta bene e fidati dell’istinto. Devo però dirti che alcuni degli uomini più gentili che io abbia mai conosciuto erano sadici. Non solo volevano farmi male in modo sicuro, mentalmente sano e piacevole per entrambi, cosa gentile di per sé. Erano proprio adorabili. All’inizio pensavo lo facessero per compensare il senso di colpa, HELP, o peggio ancora, che fosse una gentilezza di facciata. Ma alla fine ho dovuto constatare che c’è una sorta di relazione inversa tra l’essere sadici consapevoli, risolti, che amano fare cose orrende a chi desidera subirle, ed essere gentili e premurosi. E ora vatti a far sculacciare da uno a cui dartele piaccia come a te prenderle.

(Traduzione di Matteo Colombo)

Savage love è una rubrica di consigli sessuali e di coppia pubblicata su The Stranger.