Un’illustrazione del Simbakubwa kutokaafrika, un mammifero del Kenya estinto da milioni di anni. (Mauricio Anton, Eurekalert/Dpa)

Le notizie di scienza della settimana

Un’illustrazione del Simbakubwa kutokaafrika, un mammifero del Kenya estinto da milioni di anni. (Mauricio Anton, Eurekalert/Dpa)
21 aprile 2019 11:05
  • Quattro ore dopo la morte è stato possibile ristabilire alcune funzioni delle cellule del cervello dei maiali.
  • Sono state osservate nello spazio molecole composte da un atomo di elio e un protone, che si pensa sia il primo tipo di molecola formatosi dopo il big bang.
  • È stato descritto un mammifero carnivoro del Kenya di dimensioni gigantesche. Il Simbakubwa kutokaafrika, estinto da milioni di anni, era probabilmente più grande di un leone moderno.
  • Negli archivi dei sismografi della California meridionale sono stati individuati quasi due milioni di scosse impercettibili, finora passate inosservate. I dati potrebbero essere usati per creare nuove mappe del rischio di terremoti.
  • Un [test genetico](https://www.cell.com/cell/fulltext/S0092-8674(19/30290-9)) potrebbe predire la tendenza all’obesità nei bambini.
  • Un archivio di dati raccolti a partire dal 1957 mostra l’aumento dei rifiuti di plastica in mare.
  • La Luna contiene acqua, che rilascia nello spazio quando viene colpita da meteoriti.
  • Alcuni bambini con il sistema immunitario non funzionante a causa di una malattia genetica sono stati trattati con la terapia genica.
  • I casi di morbillo sono globalmente in aumento. Nei paesi con un alto tasso di vaccinazione, come Stati Uniti, Israele, Thailandia e Tunisia, il virus si diffonde tra i gruppi di persone non vaccinate.
  • L’epidemia di ebola nella Repubblica Democratica del Congo non è un’emergenza internazionale. L’Organizzazione mondiale della sanità riconosce però il rischio di diffusione nei paesi confinanti.
  • Su Titano, una delle lune di Saturno, sono presenti laghi di metano che compaiono e scompaiono a seconda delle stagioni.
  • Sui Pirenei francesi sono stati rilevati microframmenti di plastica, probabilmente trasportati dal vento.
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Claudia Grisanti
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.