Le astronaute Jessica Meir e Christina Koch si preparano per la passeggiata spaziale, il 15 ottobre 2019. (Jsc/Nasa)

Le notizie di scienza della settimana

Le astronaute Jessica Meir e Christina Koch si preparano per la passeggiata spaziale, il 15 ottobre 2019. (Jsc/Nasa)
27 ottobre 2019 10:21
  • Google ha ufficialmente dichiarato di aver costruito un computer quantistico con prestazioni superiori a quelle di un computer convenzionale.
  • Una nuova mappa mostra la diversità, l’abbondanza e la biomassa dei lombrichi a livello globale.
  • Poche migliaia di anni dopo l’estinzione dei dinosauri sono comparse molte nuove specie di piante, e allo stesso tempo di mammiferi.
  • Un algoritmo usato per valutare i pazienti negli Stati Uniti risulta razzista perché usa la spesa sanitaria come indicatore dei fabbisogni sanitari.
  • Se l’Inghilterra e il Galles producessero solo alimenti biologici, a causa delle rese inferiori dovrebbero importare più prodotti. L’import comporterebbe un aumento delle emissioni di gas serra, superiore al risparmio generato dalla transizione al biologico.
  • Il ceppo wpv3 del virus della poliomielite è stato eliminato al livello globale. È il secondo ceppo a essere eradicato. Rimane in circolazione, in Afghanistan e Pakistan, ancora un ceppo virale.
  • Christina Koch e Jessica Meir hanno effettuato la prima passeggiata spaziale composta da sole donne. Le due astronaute hanno sostituito un elemento esterno della Stazione spaziale internazionale.
  • Uno studio ha descritto la sequenza di movimenti che le mosche effettuano per posarsi su un soffitto.
  • Un nuovo metodo di correzione del dna, il “prime editing”, dovrebbe introdurre meno errori rispetto alla tecnica crispr.
  • Già 50mila anni fa le popolazioni neandertaliane usavano il catrame per fabbricare utensili.
  • La Procnias albus, una specie dell’Amazzonia, emette il richiamo di più alto volume tra gli uccelli.
  • Nella fusione di due stelle di neutroni possono essere prodotti elementi chimici pesanti.
  • Sono state rivolte molte critiche allo studio che riteneva possibile combattere il cambiamento climatico solo riforestando un’area pari agli Stati Uniti.
  • Il buco dell’ozono ha raggiunto la sua estensione minore dal 1982. Secondo i ricercatori delle agenzie Nasa e Noaa, la causa è un’anomalia meteo.
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La politica della felicità
Benjamin Radcliff
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.