Sommario

687 (6/12 aprile 2007)

Intanto in Somalia

Centinaia di morti, migliaia di sfollati. È il bilancio provvisorio di una guerra dimenticata. I commenti e le analisi della stampa africana

687 (6/12 aprile 2007)

In copertina

Strategia fallimentare

Il governo di transizione sostenuto da Bush non ha la fiducia del paese. L’unico modo per riportare la pace è un esecutivo imparziale

Città

Città del Messico. Un buco nero e vorace

I messicani lo chiamano Distretto federale. Un universo in equilibrio precario tra sopravvivenza e catastrofe

pubblicità

Viaggi

Fedeli alle onde

Da filosofia di vita a business miliardario: in sessant’anni di storia il surf è cambiato, ma sulle spiagge della California del sud sopravvive intatto lo spirito dei pionieri

Società

Un anno senza sprechi

Come cambia la vita di una famiglia quando cerca di rispettare l’ambiente e vivere eticamente? Leo Hickman del Guardian ci ha provato per un anno. E ha raccolto il suo diario in un libro

Rete per tutti

Migliore, per l’investitore privato, vuol dire: con la più alta rendita di capitale nel più breve periodo. Leggi

pubblicità

Opinioni

Un manuale per la vita

Opinioni

Il numero: 3.000.000

Cina

Odissea uigura

Stati Uniti

A colpi di Bibbia

Tra i cristiani evangelici è nata una nuova corrente progressista. I suoi predicatori invocano la rivoluzione e usano un linguaggio che fa paura alla sinistra

Africa e Medio Oriente

Il decalogo del pubblicitario saudita

pubblicità

Opinioni

La parola: custodialismo

Cultura

Cinema, libri, musica, tv

Opinioni

Cadaveri e fiori

Opinioni

Terreni contesi

Graphic journalism

Cartoline dalla provincia di Bologna

Il fumetto di Francesca Ghermandi

pubblicità

Portfolio

Altri mondi

Una mostra al festival FotoGrafia

Opinioni

Democratici in guerra

Opinioni

Stati Uniti: l’epilogo

Economia e lavoro

Quanto costa un matrimonio

Asia e Pacifico

Prove di democrazia a Hong Kong

pubblicità

Europa

Pari opportunità in Scandinavia

Americhe

Terremoto politico in Québec

Opinioni

Partiti

Carte

Ai giornalisti piace pensare di essere più bravi, svegli e intelligenti dei loro lettori. È una sciocchezza. L’intelligenza collettiva di una rete di persone è sempre superiore alle capacità di un singolo, per quanto preparato e competente. Con internet tutto è più facile. Ma l’intelligenza collettiva non è una novità. Nell’estate del 1942 Winston Churchill lanciò il più grande progetto cartografico della seconda guerra mondiale, l’operazione Benson. Si trattava di disegnare con la maggiore precisione possibile la carta della Normandia in vista dello sbarco delle truppe alleate. I ricognitori britannici cercavano di sorvolare le coste per fotografarle, ma la contraerea tedesca era micidiale. Allora la Bbc ebbe un’idea: chiese a tutti gli inglesi che erano stati in vacanza in Normandia di mandare le loro foto scattate sulle spiagge francesi. In una settimana arrivò un milione di foto. In un mese erano diventate dieci milioni. E furono fondamentali per la riuscita dello sbarco. Leggi

In copertina

Somalia tra due fuochi

Da una parte ci sono i giochi di potere di Washington e Addis Abeba. Dall’altra un governo debole che fa gli interessi di pochi. Il conflitto somalo commentato dalla stampa africana

Italieni

Sua eminenza contro i dico

Il cardinale Carlo Caffarra combatte a fianco del papa in difesa della famiglia tradizionale. La sua voce arriva da una città in crisi d’identità

Opinioni

Ritorno all’origine

Opinioni

Stavolta, pussy

Società

Storie vere, cruciverba e altro

Ritratto

Assaad Taha. Giornalista di parte

Da otto anni realizza documentari per Al Jazeera. La sua missione è scoprire le ingiustizie e raccontarle da un punto di vista ben preciso: quello degli arabi

Scienza e tecnologia

Una questione dimenticata

In copertina

Gli interessi dei clan

La cacciata degli islamisti alimenta le divisioni interne. È il momento di promuovere un vero processo di riconciliazione nazionale

Opinioni

Sognando Maradona

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.