Sommario

799 (12/18 giugno 2009)

California. Il sogno infranto

Era il simbolo della ricchezza e della creatività degli Stati Uniti. Oggi ha un deficit enorme e un governo paralizzato. L’ottava economia del mondo è in ginocchio

799 (12/18 giugno 2009)

Opinioni

La lezione di Riga

In copertina

Il sogno della California

Era il simbolo della bellezza, della ricchezza e della creatività degli Stati Uniti. Oggi ha un deficit di bilancio miliardario e un governo ridotto alla paralisi. L’ottava economia del mondo è in ginocchio

pubblicità

Scienza e tecnologia

Anatomia di un incendio

Portfolio

Missione spazio

Le foto di Vincent Fournier

Opinioni

Un discorso vuoto

pubblicità

In copertina

Terminator non muore mai

Culturista, star di Hollywood, governatore. Arnold Schwarzenegger ha passato la vita a rincorrere le sue ambizioni. Ma presto dovrà gettare la spugna

Pakistan

Vuoto di potere a Islamabad

L’indecisione del governo e il sostegno dei servizi segreti hanno rafforzato i taliban, scrive Ahmed Rashid. Adesso il Pakistan rischia di cadere in uno stato di anarchia permanente

Blog

Potrebbe essere un’idea rivoluzionaria

Opinioni

L’agente provocatore

In copertina

Il laboratorio dove tutto è possibile

I diritti degli omosessuali e la difesa dell’ambiente, il buddismo zen e Allen Ginsberg, Hollywood e la Silicon valley. La California vista da Rebecca Solnit

pubblicità

Europa

Ungheria e Slovacchia ai ferri corti

Paradosso

“Se è ancora capace di imparare una lezione – e il sorpasso della destra in tutta Europa gliene ha data una – la sinistra dovrà interrogarsi sulla sua sconfitta, sulle cause profonde dell’indifferenza con cui viene abbandonata dai suoi naturali sostenitori: i poveri, i bisognosi, ma anche i sognatori. Non è possibile votare a sinistra se la sinistra ha smesso di esistere. Il paradosso è che alla guida di un paese che per moltissimo tempo è stato imperialista e conservatore oggi c’è Barack Obama. E una politica che cerca a malapena di salvare le ragioni di un capitalismo senza regole e pronto a divorare se stesso ci sembra quasi la realizzazione di un sogno di sinistra. Scommetto che molti progressisti, socialisti, comunisti, si chiedono: ‘E se Obama fosse il leader del mio partito?’. Forse è quella che chiamiamo l’ironia della storia. O forse, semplicemente, è l’importanza del fattore personale”. José Saramago, 9 giugno 2009 Leggi

Ritratti

Edward Behr. La penna nel piatto

È il direttore di The Art of Eating, rivista gastronomica di culto. Esempio di scrittura sobria e puntuale in un mondo dominato dagli chef superstar

Africa

Un segreto africano

Nel nord della Somalia c’è ancora un posto vivibile: è il Somaliland, indipendente dal 1991. Ma senza il riconoscimento internazionale, rischia di non farcela

Viaggi

Panorama kirghiso

Un lago grande come un mare, moschee colorate e pastori nelle loro iurte. E infine la catena montuosa del Tien Shan

pubblicità

Africa e Medio Oriente

Il grande crollo dei miti libanesi

Americhe

Goodbye General Motors

Vecchi rancori

Per chi come me ha meno di quarant’anni, l’Organizzazione degli stati americani (Oea) è solo la sigla di uno slogan ripetuto fino alla noia. Leggi

Opinioni

Storia passata

Asia e Pacifico

Portare in tribunale la giunta birmana

pubblicità

Cultura

Piazza Tiananmen

Non è solo il governo che evita di parlare del 1989. Anche la gente di Pechino sembra più a suo agio quando distoglie lo sguardo da quella storia

Economia e lavoro

La Russia fa i conti con la recessione

La tecnica del pacchetto

Per evitare di sgualcire i vestiti, il metodo migliore (anche se ha alcuni piccoli inconvenienti) è usare la tecnica “del pacchetto”. Leggi

Scienza

Parole cancellate

Con la globalizzazione rischiano di sparire molte lingue nei paesi in via di sviluppo. Alcune resistono grazie a internet, ma il processo è inarrestabile

Opinioni

Dalle parole ai fatti

In copertina

Washington come Sacramento?

Il sistema politico californiano non è riuscito a far fronte alla recessione. La paralisi dello stato potrebbe prefigurare una crisi nazionale, scrive Paul Krugman

Attualità

L’Europa ha scelto

Crollano i socialisti, crescono i populisti e tiene la destra. Il parlamento di Strasburgo sarà dominato da un blocco conservatore. Il voto degli europei, paese per paese, e i commenti sull’Italia

Graphic journalism

Cartoline da Gand

Visti dagli altri

L’Italia ci ha illusi

Il 6 maggio per la prima volta tre navi italiane hanno riportato in Libia dei migranti soccorsi in mare. Due giornalisti di Paris Match erano a bordo del guardacoste Bovienzo

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.