Sommario

890 (25 / 31 marzo 2011)

Tutti contro Gheddafi

I veri obiettivi della missione militare. I dubbi della comunità internazionale. Il rischio di una lunga guerra civile. La Libia nei commenti della stampa straniera.

890 (25 / 31 marzo 2011)

Giappone

Il tempo del dolore

Quando mi sono affacciato a guardare l’oceano ho visto con orrore che i quartieri più vicini al mare erano scomparsi. Parla lo scrittore Kazumi Saeki.

La storia si ripete

Anche a San Diego gli iracheni si dividono in base alle diverse appartenenze etnico-religiose. Leggi

pubblicità

Visti dagli altri

I siciliani che sfidano Cosa nostra

Il potere dell’organizzazione criminale sull’isola è ancora molto forte. Ma sempre più spesso gli imprenditori si rifiutano di pagare il pizzo e i beni dei boss vengono confiscati, scrive Smithsonian.

Portfolio

Il prezzo della crescita

Il reportage sul ruolo dell’energia negli Stati Uniti con cui Mitch Epstein ha vinto il Prix Pictet, il concorso fotografico dedicato allo sviluppo sostenibile.

Opinioni

La zanzara e l’elefante

pubblicità

Dalle macerie

Carlo Donolo, Italia sperduta Leggi

Opinioni

Unicità d’Italia

Cultura

Sesso, droga e applicazioni

Economia e lavoro

I monopoli contesi del Messico

In copertina

Pro e contro l’attacco alla Libia

Gli occidentali mentono sulle vere ragioni della guerra, scrive David Rieff. Non è vero: sono i libici che vogliono l’intervento, risponde Rami Khouri.

pubblicità

Influenza di marzo

La cosa più saggia da fare è aspettare che marzo passi e porti via il raffreddore. Leggi

Opinioni

Quando i disastri non fermano la crescita

Occhi sempre in forma

La ginnastica oculare può migliorare la vista? Leggi

Blackout

Il governo “ha insabbiato gli incidenti nucleari e ha nascosto i veri costi e i problemi legati all’industria nucleare”. Sono le parole di un parlamentare giapponese in un cablogramma di Wikileaks. In tutta Europa molti ambientalisti seri e onesti sono profondamente convinti della bontà della scelta nucleare. Sono persuasi che inqui­ni molto meno di tante altre fonti di energia disponibili oggi. E i suoi rischi sono relativi, dicono: il disastro di Fukushima va relativizzato, messo nel contesto di un terremoto devastante. In fondo non è perché c’è un incidente aereo che le persone smettono di volare. Forse hanno ragione. Però la domanda da fare a Margherita Hack, Chicco Testa e Umberto Veronesi è questa: ma davvero ve la sentireste di affidare la costruzione di una centrale nucleare, la sua gestione e lo smaltimento delle scorie radioattive alla nostra classe politica? La stessa classe politica che non riesce a smaltire la spazzatura di una città di me­die dimensioni, a gestire la rete elettrica senza blackout e a costruire un’autostrada senza l’infiltrazione della mafia e della camorra? Leggi

Scienza e tecnologia

La forza della suggestione

pubblicità

In classe con lo stregone

Nel sud del mondo non ci sono solo le guerre a rendere difficile la vita delle scuole. Leggi

Europa

L’Unione europea divisa sulla crisi libica

Ritratti

Shyne. Il rapper ortodosso

Figlio di immigrati etiopi in Belize, è diventato una star dell’hip hop. Poi è finito in carcere. La musica e la fede l’hanno salvato

Americhe

Haiti vota e accoglie Jean-Bertrand Aristide

Viaggi

Minareti e alberi

A Sarajevo tra cattedrali, moschee e sinagoghe. La città è un’ottima base per una gita nella foresta di Sutjeska, prima di proseguire per Mostar.

pubblicità

Pop

Il balbuziente

Nathan Heller

Pop

Le ultime parole

Charles Simić

Scienza

La soglia della follia

L’origine della schizofrenia è ancora un mistero. Ma alcuni psichiatri cercano di individuare il momento in cui la malattia sta per colpire, nella speranza di fermarla.

In copertina

Tutti contro Gheddafi

Francia e Gran Bretagna volevano intervenire subito. Ma Washington aveva dei dubbi. Il dietro le quinte dell’attacco occidentale contro la Libia.

Nucleare

L’illusione dell’atomo sicuro

Il nucleare senza rischi non esiste. L’ha dimostrato una volta per tutte l’incidente nella centrale giapponese di Fukushima. L’unica soluzione è spegnere i reattori, scrive la Zeit.

Brasile

Un giorno qualsiasi nei sobborghi di Rio

Con il programma di recupero delle favelas, sono cambiati anche i quartieri residenziali della città. Le case valgono di più e gli abitanti hanno riscoperto il piacere di viverci.

Disattenzioni fatali

Christopher Isherwood, La violetta del Prater Leggi

Danni invisibili

L’immane catastrofe che ha devastato il Giappone crea una strana situazione, dal punto di vista visuale. Leggi

In copertina

Il vero obiettivo è far cadere il dittatore

La risoluzione dell’Onu non si limita a imporre una zona di esclusione aerea sul paese nordafricano, scrive Issandr el Amrani.

Wikileaks

Inafferrabile Assange

Tutto comincia con una telefonata. Poi gli incontri con un hacker misterioso, le verifiche e il lavoro di una squadra di grandi giornalisti. La più grande fuga di notizie della storia raccontata dal direttore del New York Times.

Graphic journalism

Cartoline dall’Egitto

Di Golo.

Opinioni

1,6 posti di lavoro

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.