Sommario

915 (16/22 settembre 2011)

La notte della Siria

Cronache da una rivolta oscura. Un giornalista tedesco ha trascorso alcuni giorni a Homs, in Siria, ospite di una famiglia di dissidenti.

915 (16/22 settembre 2011)

Africa e Medio Oriente

La rivolta egiziana dalla strada alle urne

L’attacco all’ambasciata israeliana al Cairo dimostra che il movimento democratico non controlla più le piazze. Ora deve concentrarsi sulle elezioni di novembre.

Il grande errore di Trichet

Come nel 2008, la Banca centrale europea è ossessionata dall’inflazione e non vuole abbassare i tassi d’interesse. Una mossa folle che ha aggravato la crisi economica. Leggi

pubblicità

Ritratti

Amanda Hocking. Storyseller

Scrive da quando aveva quattro anni. I suoi libri sono stati rifiutati da tutti gli editori americani. Poi li ha pubblicati su Amazon, e ha ottenuto un successo senza precedenti.

Lo schiavo e gli angeli

Stefano Benni, La traccia dell’angelo Leggi

Scienza

I padroni del sapere

Una manciata di editori si spartisce il mercato delle pubblicazioni scientifiche. Un giro d’affari enorme, basato sullo sfruttamento di risorse pubbliche, denuncia George Monbiot.

pubblicità

A colpi di chitarra

Ogni utopia ha la sua colonna sonora. Leggi

La chiesa preferita dai laici

Franco Giampiccoli, I valdesi raccontati ai miei nipoti Leggi

Attualità

Vent’anni e nessun sogno

Nel mondo industrializzato, la disoccupazione colpisce sempre di più i giovani. Ma le conseguenze economiche e sociali riguardano tutti, scrive l’Economist.

Pop

La danza dei cuochi

I cuochi modernisti cambiano il modo in cui concepiamo il cibo. E creano una spaccatura tra alta cucina e cibo di tutti i giorni. Ma offrono una gamma infinita di nuove possibilità gastronomiche, scrive John Lanchester.

Le parole di Ayman

La colonia tedesca di Gerusalemme Ovest è un quartiere costruito dalla setta dei templari nel 1873. Leggi

pubblicità

Giappone

Pronto soccorso yakuza

Gli uomini della mafia giapponese sono stati i primi ad aiutare la popolazione colpita dallo tsunami. Mettendo le mani sul business della ricostruzione. L’inchiesta di Jake Adelstein.

Asia e Pacifico

Le frontiere del mare

I prossimi conflitti internazionali si combatteranno per il controllo delle acque contese. Come il mar Cinese Meridionale, che Pechino considera sotto la sua sovranità.

Tecnologia

Maestra, twittiamo?

Alcune scuole francesi usano Twitter in classe. Così i bambini sperimentano un nuovo tipo di scrittura e muovono i primi passi nel mondo dei social network in compagnia di un insegnante.

Riforma storica per le banche britanniche

Londra imporrà agli istituti di separare il ramo commerciale dalle operazioni d’investimento per evitare un altro crollo come nel 2008. In futuro il sistema sarà più sicuro e competitivo. Leggi

Editoriali

L’impotenza dell’Europa

Le Monde

pubblicità

Brasile

L’Amazzonia divide i brasiliani

Entro la fine dell’anno il senato deve approvare un’amnistia per chi ha disboscato illegalmente prima del 2008. L’ultima parola spetta a Dilma Rousseff, indecisa tra la tutela dell’ambiente e la difesa della reputazione del paese come potenza agricola.

Editoriali

Come sconfiggere i populisti

Süddeutsche Zeitung

Opinioni

Muse fusion

Più reale di prima

Il decimo anniversario dell’11 settembre ha cominciato a consumarsi con un paio di settimane d’anticipo. Leggi

Straniero plurale

Lo scandalo delle extraordinary renditions fa tremare il governo britannico. Leggi

pubblicità

In copertina

L’arma migliore di Ali Ferzat

Il più famoso vignettista siriano è stato picchiato dagli uomini di Bashar al Assad. Lo scrittore egiziano Ala al Aswani gli rende omaggio.

Visti dagli altri

L’Italia cambia i politici no

Il paese è attraversato da forze e tensioni contraddittorie che stanno lentamente cambiando la società. Ma i partiti continuano a discutere di temi minori e di corto respiro. Un’analisi di Marc Lazar.

Visti dagli altri

L’agonia del bunga bunga

Le avventure di Berlusconi non fanno più ridere, perché mettono in pericolo l’Europa e sono il simbolo del malessere delle democrazie occidentali.

Viaggi

Memorie di un porto

Cobh, sulla costa irlandese, è una città famosa per le grandi migrazioni, le visite delle celebrità e le tragedie del mare.

Graphic journalism

Cartolina dalla Thailandia

Di Freddy Nadolny Poustochkine

Malanno da climatizzatore

Alcuni pensano che gli sbalzi di temperatura dovuti all’aria condizionata possano scombussolare il sistema immunitario. Leggi

Sesto San Giovanni ha perso la sua anima

La città lombarda è stata per anni un bastione della lotta operaia. Oggi è il simbolo dei fallimenti e della corruzione nel Partito democratico. Leggi

Portfolio

Il fotoreporter Giulio Piscitelli si è imbarcato con un gruppo di migranti tunisini dal porto di Zarzis. Venti ore a bordo di un vecchio peschereccio.

Europa

Berlino, città felice e piena di debiti

Nonostante i problemi economici, la capitale tedesca sembra aver riacquistato fiducia in se stessa. E alle elezioni del 18 settembre potrebbe confermare l’incarico al sindaco Wowereit.

Cambiamento

L’associazione degli scrittori statunitensi ha annunciato che denuncerà l’università del Michigan per impedire che siano digitalizzati e resi disponibili gratuitamente i vecchi libri di autori non più rintracciabili. Solo nella biblioteca dell’università del Michigan sono cinque milioni i volumi “orfani”. L’associazione degli scrittori sostiene che, se andasse avanti, il progetto porterebbe a una “larghissima diffusione di questi libri, con effetti potenzialmente catastrofici”. Seth Godin, esperto di internet e di marketing, si chiede giustamente cosa possa esserci di così catastrofico nel prendere un libro impolverato e dimenticato e farlo tornare a vivere su internet, soprattutto se l’autore è morto da così tanto tempo che perfino gli eredi sono irrintracciabili. Per capire quanto stia cambiando il mondo dei libri, l’Economist consiglia di andare all’Ikea: nei prossimi mesi sarà lanciata una nuova versione della libreria Billy. Gli scaffali saranno più profondi, perché nelle case le librerie si usano sempre meno per i libri e sempre più per i soprammobili e le cianfrusaglie varie. Negli Stati Uniti un quinto dei libri venduti sono ebook e nei primi cinque mesi di quest’anno le vendite dei libri digitali hanno superato per la prima volta quelle dei libri di carta (appena un anno fa si vendevano tre libri di carta ogni libro digitale). Insomma, non solo il cambiamento è in corso, ma è più rapido del previsto. È chiaro che per gli editori grandi e piccoli, per le catene nazionali e le librerie di quartiere, per gli scrittori affermati e per i giovani esordienti le difficoltà dei prossimi anni saranno molte. Anche la musica e il cinema hanno dovuto affrontarle. Ma resistere al cambiamento è inutile e controproducente, molto meglio cercare di sfruttarne tutte le opportunità: per sperimentare idee nuove e abbandonare le vecchie abitudini. 

Internazionale, numero 915, 16 settembre 2011 Leggi

In copertina

Una rivolta nel buio

Comitati di resistenza clandestini, spie ovunque, scuole trasformate in prigioni. Un giornalista tedesco ha trascorso alcuni giorni a Homs, in Siria, ospite di una famiglia di dissidenti. Il suo reportage.

Scienza

Il segreto della vittoria

Gli scienziati cominciano a capire meglio i fattori che rendono vincente una persona. Alcuni esperimenti hanno messo in luce i collegamenti tra la chimica cerebrale, la teoria sociale e l’economia.

Elogio della polivalenza

Conoscere una disciplina, una tecnica, una scienza, dar prova di possederne termini e nozioni, non è mai parso sufficiente a chi ha riflettuto su cosa sia il sapere. Leggi

Americhe

Il Guatemala sceglie un ex generale

Otto Pérez Molina è stato protagonista della guerra civile che per più di trent’anni ha straziato il Guatemala. Il 6 novembre sfiderà al ballottaggio l’imprenditore Manuel Baldizón.

Sacrifici umani in nome dei mercati

Inserire il pareggio di bilancio nella costituzione spagnola senza un referendum popolare è l’ultimo attacco alla democrazia e all’autonomia dello stato. Leggi

Opinioni

7,3 per cento

Un nome antico

Sono incinta e vorrei dare a mio figlio un nome super originale, come fanno le star di Hollywood. Quale mi consigli? Leggi

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.