Sommario

948 (11/17 maggio 2012)

Complotto a Pechino

Denaro, violenza, lotte di potere. Il Partito comunista cinese sta affrontando la più grave crisi dai tempi di piazza Tiananmen

948 (11/17 maggio 2012)

Ginnastica al fresco

Un thermos freddo può favorire l’attività fisica? Leggi

Opinioni

L’evoluzione di Obama

pubblicità

Graphic journalism

Cartolina da Fielder

Di Kevin Huizenga

Americhe

Tregua pericolosa in Salvador

Negli ultimi due mesi la violenza nel paese si è ridotta grazie a un accordo tra lo stato e le gang. Una scelta che non affronta le cause del problema e che potrebbe dare più potere ai boss

Editoriali

Voti di protesta in Europa

Le Monde

pubblicità

Viaggi

Venezia vista dall’acqua

Pagaiando su un kayak alla scoperta della città lagunare. Un modo per apprezzare anche i dettagli, evitando la folla dei turisti

Niente Eso senza esfuerzo

Nella vita normale apprezziamo le persone per quel che sanno e sanno essere e fare. Leggi

Poveri americani

Secondo i dati raccolti dal Census Bureau nel 2011, l'anno precedente 46,2 milioni americani si trovavano sotto la soglia di povertà (definita da un reddito inferiore a 22.314 dollari per una famiglia di quattro persone), 2,6 milioni in più rispetto al 2009. Leggi

Ritratti

Darin Olien. Superfood man

I suoi cocktail esotici spopolano tra gli appassionati di diete e maniaci del fitness, anche se finora non ci sono prove scientifiche di un loro effetto benefico

Opinioni

La stazza dell’elefante

pubblicità

Una parola di tre lettere

I ragazzini di oggi, tra cui mio figlio, si danno continuamente del gay per insultarsi. Spero sia solo un brutto modo di dire, ma cosa si può fare per farli smettere? Leggi

Opinioni

La legge delle tangenti senza frontiere

Opinioni

L’esercito padrone d’Israele

In copertina

Complotto a Pechino

Il Partito comunista cinese sta affrontando la più grave crisi dai tempi di piazza Tiananmen. Il potere centrale si è indebolito e quello degli amministratori locali è sempre più forte. Lo dimostra il caso di Bo Xilai

Finlandia

La scuola perfetta

Fondi per chi ne ha più bisogno, sostegno per gli studenti in difficoltà e nessun test di valutazione. Puntando su qualità ed equità, la Finlandia ha creato un sistema d’istruzione modello

pubblicità

Cultura

Si gira a Kabul

Saba Sahar è regista e attrice. In Afghanistan per una donna è una scelta difficile che i taliban non le perdoneranno

Grecia

Un voto contro l’austerità

I greci hanno punito i partiti tradizionali votando in massa per la sinistra radicale e i populisti di estrema destra. Un risultato forse prevedibile, ma che rende il paese ingovernabile

Pop

Gli ingredienti della torta di Stoccolma

Di Shailja Patel

Opinioni

La fine ingloriosa dello spietato Murdoch

Dietro una montagna

John D’Agata e Jim Fingal, The lifespan of a fact Leggi

pubblicità

Grecia

Verso la catastrofe

È crollato un sistema politico che stava in piedi da decenni. Ora serve una nuova cooperazione tra partiti e cittadini

Scienza

A caccia di pianeti

Gli astronomi scoprono sempre più pianeti fuori dal sistema solare. Molti sono convinti che trovare un corpo celeste adatto a ospitare altre forme di vita sia solo una questione di tempo

Scienza e tecnologia

Grazie mamma

La scelta del nome da dare ai figli è molto personale, ma in quasi tutti i paesi del mondo ci sono leggi che tengono a bada le trovate dei genitori. Per evitare nomi assurdi e offensivi

Scienza e tecnologia

I nuovi programmi di YouTube

YouTube finanzierà produttori, registi e scrittori per realizzare programmi ad hoc per il sito. In questo modo spera di emanciparsi da Hollywood e corteggiare nuovi inserzionisti

Opinioni

Rassegnati all’impotenza

Visti dagli altri

Il rischio di un ritorno agli anni di piombo

L’agguato a Genova contro Roberto Adinolfi fa temere una ripresa del terrorismo. In un momento di tensioni sociali legate alla crisi economica e ai licenziamenti

Israele

I beduini senza terra del Negev

Nel profondo sud di Israele i pochi villaggi beduini rimasti saranno sgomberati per fare posto a nuovi insediamenti e aziende agricole

Africa e Medio Oriente

La strategia ambigua dei curdi siriani

I curdi del nordest della Siria si sono uniti spontaneamente alle rivolte contro il regime. I loro partiti, invece, esitano ad allearsi con l’opposizione riunita nel Consiglio nazionale siriano

Economia e lavoro

I dolori dell’economia brasiliana

Il Brasile è rallentato dal declino della produzione industriale. Le aziende soffrono per le carenze delle infrastrutture e il calo delle esportazioni. Il governo è tentato dal protezionismo

Sponsor invadenti

In un mondo in cui siamo e saremo sempre più dipendenti da schermi e display, l’ebook, il libro elettronico, è senza dubbio un elemento decisivo nel futuro dell’editoria. Leggi

In copertina

Dietro le quinte dello scandalo

Con Bo Xilai si è voluto colpire un modello di crescita alternativo a quello neoliberista, più attento all’equità e alle riforme sociali, commenta Wang Hui

Visti dagli altri

Gli elettori puniscono i partiti tradizionali

Alle amministrative hanno vinto le formazioni emergenti, come il movimento Cinque stelle. Nelle città più importanti nessun candidato del Popolo della libertà andrà al ballottaggio

In copertina

È il momento di cambiare

L’establishment politico cinese è in difficoltà. Una situazione che comporta grandi rischi ma anche opportunità. Soprattutto per l’occidente

Francia

Il presidente normale

Dopo cinque anni di Sarkozy, i francesi hanno dato fiducia al socialista François Hollande. Una scelta che cambierà gli equilibri politici dell’Europa

Visti dagli altri

Perfino i carabinieri ammirano gli euro falsi della Campania

In Italia la falsificazione di banconote è un’attività che si tramanda di padre in figlio. Oggi i tagli più diffusi sono quelli da venti e da cinquanta euro. Un reportage del New York Times

Russia

Vladimir Putin atto terzo

Putin ha vinto le presidenziali e sta per tornare al Cremlino. Ma l’opposizione è già in piazza. E il prossimo mandato sarà molto più duro dei due precedenti

Tropical ’70

InventaRio, Tinkara e Ian Anderson, Neil Young & Crazy Horse Leggi

54 per cento

Secondo un sondaggio dell’Unione europea, poco più della metà degli italiani è soddisfatto del servizio sanitario nazionale. Leggi

Giornalisti

Tira una brutta aria per i giornalisti. E non solo in Russia o in Sri Lanka. In Francia la polizia si è presentata all’alba a casa di Vittorio de Filippis, del quotidiano Libération. Lo hanno insultato davanti ai figli e portato in un commissariato. Poi l’hanno obbligato a spogliarsi ed è stato interrogato senza poter chiamare i suoi legali. L’accusa: quand’era direttore del quotidiano, un lettore scrisse sul sito un commento giudicato diffamatorio da un imprenditore. In Portogallo l’agenzia di stampa Lusa ha chiesto ai suoi giornalisti di non usare più la parola “stagnazione” riferita alla situazione economica del paese. Negli Stati Uniti dall’inizio dell’anno sono stati licenziati 15mila dipendenti di giornali grandi e piccoli, catene televisive, agenzie di stampa. Sia chiaro, intimidazioni, censure o licenziamenti sono sempre gravi, anche quando riguardano un lavoratore immigrato o l’impiegato di una banca. Ma è utile ricordare che quando si colpisce un giornalista il vero obiettivo sono i suoi lettori. Quindi tutti noi. Leggi

Grecia

L’indignato di Atene

Il vero vincitore delle elezioni greche è il leader di Syriza. Europeista di sinistra, ma critico con la Germania, Alexis Tsipras deve il suo successo ai voti di un ceto medio frustrato e impoverito

Asia e Pacifico

Il Giappone spegne il nucleare

Per la prima volta in più di quarant’anni il paese ha fermato temporaneamente tutti i reattori nucleari. Un’occasione per pensare a un nuovo modello di sostenibilità

Pop

Una vita di dischi distrutta

Di Ed Vulliamy

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.