Rinviato il processo a un funzionario del provveditorato regionale nel caso Cucchi

Claudio Marchiandi era stato accusato di falso, favoreggiamento e abuso d’ufficio. Assolto in appello, la cassazione ha ordinato un nuovi processo per alcuni vizi nella sentenza

Rinviato il processo a Claudio Marchiandi nel caso Cucchi

Il processo d’appello che vede imputato il funzionario del Provveditorato regionale dell’amministrazione penitenziaria (Prap) Claudio Marchiandi per la morte di Stefano Cucchi è stato rinviato per l’astensione di uno dei componenti del collegio giudicante. L’11 giugno sarà resa nota la decisione del presidente della corte d’appello di Roma. La richiesta di astensione è stata fatta dalla giudice Maria Inzitari che il 16 ottobre del 2009 decise di convalidare il fermo di Cucchi. Il trentunenne romano, che era stato arrestato il 15 ottobre per possesso di droga, morì il 22 all’ospedale Pertini.

Marchiandi, direttore dell’ufficio detenuti e del trattamento del Prap, era stato accusato di falso, favoreggiamento e abuso d’ufficio per aver contribuito a falsificare le reali condizioni di Cucchi per consentire il suo ricovero in ospedale e di aver aiutato gli agenti della penitenziaria a eludere le investigazioni. In primo grado, nel gennaio 2011, fu condannato a due anni di reclusione, e poi assolto in appello perché “il fatto non sussisteva”. In seguito la cassazione ha riconosciuto una serie di vizi in alcuni passaggi della sentenza di assoluzione e ha ordinato un nuovo processo davanti a un’altra sezione della corte d’appello di Roma. Corriere della Sera

Presentato in cassazione il ricorso sulla sentenza Cucchi

La procura generale di Roma e i familiari di Stefano Cucchi, il ragazzo morto in ospedale una settimana dopo il suo arresto per droga a Roma, hanno depositato il ricorso in cassazione contro la sentenza con la quale i giudici d’appello hanno assolto sei medici, tre infermieri e tre agenti della polizia penitenziaria. Per la procura, la sentenza con la quale la corte d’assise d’appello di Roma ha assolto tutti gli imputati per la morte di Cucchi è “illogica e contraddittoria”. Ansa

pubblicità
La corte d’appello chiede nuove indagini sulla morte di Stefano Cucchi

Servono nuove indagini sulla morte di Stefano Cucchi, il trentunenne romano morto in ospedale a Roma il 22 ottobre 2009 mentre era in custodia delle forze dell’ordine. Lo chiedono i giudici della corte d’assise d’appello di Roma nelle motivazioni della sentenza emessa il 31 ottobre 2014, che ha portato all’assoluzione di dodici persone (sei medici, tre infermieri e tre guardie carcerarie) dall’accusa di omicidio. Leggi

Fiaccolata a Roma per Stefano Cucchi

Duemila persone hanno partecipato a Roma alla fiaccolata organizzata dalla famiglia di Stefano Cucchi e dall’associazione Acad per chiedere che vengano individuati i colpevoli della morte del ragazzo, arrestato per droga nel 2009 e morto una settimana dopo in ospedale.

La manifestazione si è svolta in piazza Indipendenza, davanti al Consiglio superiore della magistratura.

Alla manifestazione sono intervenuti la madre di Stefano Cucchi, il padre, la sorella e l’avvocato. Hanno parlato anche i familiari di altri ragazzi vittime di abusi della polizia e Antonio Marchesi, presidente di Amnesty international.

Internazionale

Aperta un’indagine sul perito del processo Cucchi

La procura di Roma ha aperto un fascicolo senza ipotesi di reato, né indagati, in seguito all’esposto presentato dalla famiglia di Stefano Cucchi nei confronti del medico legale Paolo Arbarello per la sua perizia durante il processo di primo grado.

A seguire gli accertamenti sarà il procuratore Giuseppe Pignatone. Il fascicolo aperto sarà circoscritto agli episodi indicati nell’esposto e non costituisce l’avvio di nuove indagini sulla morte di Stefano Cucchi. Ansa

pubblicità
La procura di Roma disponibile a riaprire le indagini

“Se emergeranno fatti nuovi o comunque l’opportunità di nuovi accertamenti, la procura di Roma è sempre disponibile, come in altri casi più o meno noti, a riaprire le indagini”. Lo afferma il procuratore di Roma, Giuseppe Pignatone, in relazione all’omicidio di Stefano Cucchi.

Ilaria Cucchi, la sorella della vittima, ha annunciato la sua volontà di protestare davanti alla procura di Roma il 3 novembre per chiedere al procuratore di Roma di riaprire le indagini sulla morte del fratello.

Ansa

Il dolore del mondo

Giovanni Cucchi, padre di Stefano, ha detto: “È una sentenza che rappresenta il fallimento dello stato”. A ben vedere, in quelle parole c’è la sintesi più efficace di una matura teoria dello stato di diritto e di una moderna scienza della politica. E, infatti, il primo fondamento sul quale poggia la legittimazione giuridica e morale dello stato democratico è la sua capacità di tutelare la vita dei cittadini. Leggi

La famiglia Cucchi vuole fare causa al ministero della giustizia

Fabio Anselmo, l’avvocato della famiglia Cucchi, ha detto:

Secondo l’avvocato da entrambi i processi emerge che Stefano Cucchi è stato picchiato nelle celle del tribunale e quindi il ministero è responsabile. Ansa

Il processo per l’omicidio di Stefano Cucchi

Ansa, Internazionale, Askanews

La sentenza
pubblicità
Tutti assolti gli imputati per l’omicidio di Stefano Cucchi

Tutti assolti in appello gli imputati per l’omicidio di Stefano Cucchi, il ragazzo romano morto mentre era in custodia delle forze dell’ordine nel 2009.

Dodici persone – sei medici, tre infermieri e tre guardie carcerarie – erano state accusate dell’omicidio con diversi capi d’imputazione tra cui: abbandono d’incapace, abuso d’ufficio, favoreggiamento, falsità ideologica, lesioni e abuso di potere.

Stefano Cucchi, 31 anni, romano, è morto in ospedale una settimana dopo essere stato arrestato il 15 ottobre 2009 perché in possesso di 29 grammi di hashish, cocaina e antiepilettici.

In primo grado erano stati condannati per omicidio colposo solo sei medici dell’ospedale Sandro Pertini di Roma, che in appello sono stati assolti. Ansa

Nel processo d’appello per la morte di Stefano Cucchi sono stati assolti tutti gli imputati, anche i medici. Sky

Nel processo d’appello per la morte di Stefano Cucchi sono stati assolti tutti gli imputati, anche i medici. Sky

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.