Ouagadougou

Per le strade del Burkina Faso a bordo di un mototaxi

“A Ouagadougou la vita è dura. Prima guadagnavo un euro e mezzo rivendendo tre vestiti, oggi non arrivo a un euro perché non c’è più mercato. È difficile anche pagare la scuola ai nostri figli”. Quattro abitanti di Ouagadougou, in Burkina Faso, raccontano cosa li spinge a lasciare il loro paese. Leggi

Perché un attentato in Burkina Faso e perché proprio ora

L’immagine del Burkina Faso, a lungo presentato come un’isola di pace, al riparo dalla furia jihadista in un oceano regolarmente insanguinato dai pazzi di Allah, non regge più. Le due grandi domande che uno si potrebbe fare sono le seguenti: perché anche il Burkina Faso è stato colpito così duramente e perché ora? Leggi

pubblicità
In Burkina Faso i golpisti si sono arresi all’esercito.
In Burkina Faso i golpisti si sono arresi all’esercito. Il governo ad interim ha confermato che nella capitale Ouagadougou i militari hanno preso il controllo delle caserme della guardia presidenziale, che all’inizio del mese ha tentato un colpo di stato nel paese. Non è ancora chiaro il numero delle vittime.
In Burkina Faso l’esercito ha fatto un accordo con i golpisti per evitare violenze.
In Burkina Faso l’esercito ha fatto un accordo con i golpisti per evitare violenze. La guardia presidenziale guidata dal generale Gilbert Diendéré, responsabile del colpo di stato del 17 settembre, ha accettato di liberare le strade di Ouagadougou e rientrare nelle sue basi. In cambio, i militari fedeli alle autorità di transizione si ritireranno a 50 chilometri dalla capitale.
I golpisti del Burkina Faso hanno liberato il primo ministro.
I golpisti del Burkina Faso hanno liberato il primo ministro. Il rilascio di Isaac Zida è avvenuto dopo che l’esercito è entrato in nottata nella capitale Ouagadougou, per costringere alla resa la guardia presidenziale che il 17 settembre ha rovesciato il governo. Il generale Gilbert Diendéré, alla guida del colpo di stato, ha detto che vuole mandare via l’esercito dalla capitale.
pubblicità
Il presidente dell’Unione africana arriva a Ouagadougou, in Burkina Faso, raccolto dal presidente ad interim, il tenente colonnello Isaac Zida. Afp

Il presidente dell’Unione africana arriva a Ouagadougou, in Burkina Faso, accolto dal presidente ad interim, il tenente colonnello Isaac Zida. Afp

Arrestato un leader politico in Burkina Faso

In Burkina Faso è stato arrestato Assimi Kouanda, il capo del partito a cui appartiene l’ex presidente Blaise Compaoré.

Kouanda, segretario del partito Congresso per la democrazia e il progresso (Cdp) è stato arrestato dalla polizia per il timore che possa indire nuove manifestazioni e turbare l’ordine pubblico. Afp

L’esercito promette di passare il potere ai civili entro due settimane

Il presidente ad interim del Burkina Faso, il tenente colonnello Isaac Zida, si è impegnato a passare il potere “nelle mani di civili” entro le prossime due settimane. Lo ha detto durate una riunione con alcuni dei più importanti leader religiosi del paese.

L’Unione africana ha concesso due settimane di tempo all’esercito per formare un governo di transizione in Burkina Faso. Se l’ultimatum dovesse scadere, l’Unione ha minacciato sanzioni. Afp

In fuga dagli spari
pubblicità
L’esercito sgombera una piazza di Ouagadougou

L’esercito ha preso il controllo di Place de la Nation a Ouagadougou, la capitale del paese, sgomberando migliaia di manifestanti che si erano dati appuntamento per protestare contro la presa del potere da parte dell’esercito.

I soldati hanno costruito barricate per impedire ai manifestanti di entrare nella piazza diventata un simbolo delle proteste di massa che hanno portato alle dimissioni del presidente Blaise Compaoré. Afp

Spari nella sede della radio e tv pubblica a Ouagadougou, in Burkina Faso, dove è in corso una manifestazione contro il presidente ad interim Isaac Zida. Reuters

Spari nella sede della radio e tv pubblica a Ouagadougou, in Burkina Faso, dove è in corso una manifestazione contro il presidente ad interim Isaac Zida. Reuters

Migliaia di persone in corteo verso la sede della tv

Migliaia di burkinabé si stanno dirigendo verso la sede della radio e della tv di stato a Ouagadougou. La manifestazione è stata convocata dai leader dell’opposizione che contestano la presa del potere da parte dell’esercito.

“Non potete rubare la nostra vittoria, viva il popolo”, è uno degli slogan della manifestazione secondo l’Agence France-Presse. L’opposizione non accetta la nomina del tenente colonnello Isaac Zida come presidente ad interim dopo le dimissioni di Blaise Compaoré, al potere da 27 anni. Afp

Ouagadougou in fiamme

Centinaia di manifestanti si sono radunati di nuovo il 31 ottobre a place de la Nation, a Ouagadougou, per chiedere le dimissioni del presidente Blaise Compaoré. Leggi

pubblicità
Nuove manifestazioni a Ouagadougou

Centinaia di manifestanti stamattina si sono radunati di nuovo a Ouagadougou, in Burkina Faso, per chiedere le dimissioni del presidente Blaise Compaoré.

I contestatori si sono riuniti a Place de la Nation e di fronte al quartier generale dell’esercito.

Un manifestante, riferendosi a Compaoré, ha detto:

Reuters

La protesta si sposta davanti al palazzo presidenziale

Centinaia di manifestanti fronteggiano i soldati davanti al palazzo presidenziale di Kosyam, a Ouagadougou.

I soldati tengono la folla a distanza con colpi di avvertimento. Afp

Una persona è morta nelle proteste a Ouagadougou, in Burkina Faso. Afp

Una persona è morta nelle proteste a Ouagadougou, in Burkina Faso. Afp

Lacrimogeni a Ouagadougou

Le forze di sicurezza del Burkina Faso hanno lanciato lacrimogeni e arrestato diversi manifestanti che si sono raccolti nel centro di Ouagadougou.

Gli agenti hanno caricato e picchiato alcuni manifestanti che cercavano di raggiungere l’assemblea legislativa nazionale. Reuters

La polizia contro i manifestanti in Burkina Faso

Centinaia di sostenitori dell’opposizione sono scesi in piazza nella capitale del Burkina Faso Ouagadougou contro la decisione del presidente Blaise Compaoré, al potere da 27 anni, di indire un referendum per potersi ricandidare alle elezioni del 2015.

I manifestanti hanno lanciato pietre contro la polizia che ha usato gas lacrimogeni per disperderli. Reuters

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.