Wikileaks

La Cia e l’Fbi indagheranno insieme sulle ultime rivelazioni di Wikileaks.
La Cia e l’Fbi indagheranno insieme sulle ultime rivelazioni di Wikileaks. L’organizzazione di Julian Assange è stata accusata di favorire i nemici degli Stati Uniti dopo aver rivelato che la Cia utilizza malware e altri tipi di software per trasformare telefoni ed elettrodomestici, come i televisori Samsung, in strumenti di spionaggio. La Cia e l’Fbi hanno deciso di coordinarsi nell’inchiesta sulla fuga di notizie, la cui veridicità non è stata confermata dai responsabili dell’intelligence statunitense. L’obiettivo è capire come Wikileaks sia riuscita a ottenere i documenti trapelati.
Wikileaks rivela alcuni programmi di spionaggio informatici dei servizi segreti statunitensi.
Wikileaks rivela alcuni programmi di spionaggio informatici dei servizi segreti statunitensi. L’organizzazione fondata da Julian Assange ha pubblicato 8.761 documenti riservati che fanno luce su alcuni programmi di spionaggio informatico della Central intelligence agency (Cia). Attraverso malware e altri software, tra il 2013 e il 2015 i servizi segreti americani sarebbero stati in grado di entrare nei sistemi operativi di telefoni cellulari, computer e perfino di televisori collegati alla rete delle principali aziende tecnologiche mondiali (Apple, Google, Microsoft, Samsung).
pubblicità
Chi è Chelsea Manning

Chelsea Manning, analista dell’intelligence statunitense in Iraq, era stata condannata a 35 anni di prigione per aver consegnato migliaia di documenti riservati a Wikileaks nel 2010. Barack Obama ha commutato la sua pena, sarà scarcerata a maggio. Il video del Guardian. Leggi

Julian Assange sarà interrogato nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra.
Julian Assange sarà interrogato nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra. Il fondatore di Wikileaks sarà interrogato da un giudice svedese a Londra, all’interno dell’ambasciata dell’Ecuador in cui si è rifugiato dal 2012. Assange è accusato di violenza sessuale da un tribunale svedese.
Julian Assange in cifre

I numeri hanno un ruolo essenziale nella vita dell’attivista fondatore di Wikileaks, Julian Assange, e nella storia del suo lungo confino nell’ambasciata ecuadoriana di Londra. Ecco alcune cifre chiave. Leggi

pubblicità
Il Regno Unito protesta con l’Ecuador per Julian Assange.
Il Regno Unito protesta con l’Ecuador per Julian Assange. L’ambasciatore britannico a Quito ha presentato formale protesta al paese sudamericano che dal 2012 ospita il fondatore di Wikileaks nella propria ambasciata di Londra, impedendo che sia estradato in Svezia dove è accusato di diversi reati. I giudici svedesi hanno dichiarato che le imputazioni di molestie sessuali e coercizione sono prescritte. Resta però in piedi l’accusa più grave, quella per stupro, che andrà in prescrizione nell’agosto del 2020.
La Francia respinge la richiesta d’asilo per Julian Assange

Il governo francese ha respinto la richiesta di asilo presentata dal fondatore di Wikileaks, Julian Assange. “La Francia non può procedere con la sua richiesta, la situazione di Assange non presenta un pericolo immediato. Inoltre contro Assange è stato spiccato un mandato di arresto internazionale”, c’è scritto in un comunicato dell’Eliseo.

Gli Stati Uniti hanno spiato tre presidenti francesi, rivela Wikileaks

L’agenzia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti (Nsa) ha spiato i presidenti francesi Jacques Chirac, Nicolas Sarkozy e François Hollande tra 2006 e il 2012. Lo rivela il sito Wikileaks, citando rapporti dei servizi segreti e documenti tecnici riservati. Washington non ha commentato, mentre Hollande ha convocato un incontro del consiglio della difesa per oggi.

I documenti, raggruppati sotto il titolo Espionnage Elysée, pubblicati in parte dal giornale francese Libération e dal sito d’informazione Mediapart in collaborazione con Wikileaks, consistono in cinque rapporti dell’Nsa, in cui sono annotati i fatti più importanti ricavati tramite le intercettazioni delle comunicazioni dei presidenti e dei loro collaboratori.

Il rapporto più recente è datato 22 maggio 2012, dopo la creazione di un protocollo per lo scambio di informazioni tra la Direction générale de la sécurité extérieure (Dgse), un’agenzia di intelligence francese, e l’Nsa, e riguarderebbe alcune “riunioni segrete”, a cui avrebbe partecipato il presidente Hollande, per discutere di una possibile uscita della Grecia dall’eurozona.

Sebbene il contenuto delle note sia classificato come altamente riservato, non rivela segreti di stato, commenta Libération. Testimonia piuttosto l’interesse dell’Nsa nei confronti della Francia. A questo scopo l’agenzia aveva raccolto in un altro documento, datato 2010 e pubblicato dal giornale francese, i numeri di telefono, fissi e di cellulare, dell’esecutivo di Nicolas Sarkozy, compresi i ministri delle finanze e dell’agricoltura.

Wikileaks pubblica alcuni documenti riservati sulla missione militare europea nel Mediterraneo

Wikileaks è entrata in possesso di alcuni documenti riservati approvati il 18 maggio 2015 dall’Unione europea. In uno dei documenti si afferma che il piano per contrastare il traffico di esseri umani nel Mediterraneo ammette la possibilità dell’uso della forza militare “all’interno della zona di sovranità libica”. Leggi

Confermato il mandato d’arresto per Julian Assange

La corte d’appello di Stoccolma ha confermato il mandato d’arresto per il fondatore di Wikileaks Julian Assange, accusato di reati sessuali in Svezia. Assange, che nel 2012 ha ricevuto asilo politico nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra, aveva chiesto al giudice di annullare il provvedimento. Afp

pubblicità
L’intervento di Assange al South by Southwest 2014 in diretta streaming

L’8 marzo alle 11 (le 18 in Italia) il fondatore di Wikileaks parla al South By Southwest. Leggi

Il New Yorker e il metodo Wikileaks

Il New Yorker ha lanciato Strongbox, uno strumento per raccogliere materiale anonimo in formato open source, creato in collaborazione con l’hacker Aaron Swartz. Leggi

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.