L’industria che avvelena la Catalogna

22 dicembre 2015 17:43

Il polo petrolchimico più grande dell’Europa meridionale si trova a Tarragona, in Catalogna. Il 70 per cento della plastica che viene usata in Spagna è prodotta in questa zona industriale che comprende 31 imprese e dà lavoro a 10mila persone.

Nell’area intorno alla città un bambino su cinque potrebbe avere dei problemi di fertilità da adulto: secondo le associazioni ambientaliste le frequenti malformazioni genitali e urologiche, la maggior probabilità di contrarre un tumore ai testicoli e la bassa qualità media dello sperma sono legate all’inquinamento prodotto dalle industrie.

Tuttavia, finora i processi intentati dai cittadini e dagli ambientalisti contro le imprese petrolchimiche sono stati archiviati perché secondo i giudici non è stata dimostrata una relazione tra le emissioni e i problemi di salute degli abitanti.

pubblicità

Articolo successivo

Così l’eroe Robert Mugabe è diventato un tiranno
Pierre Haski