Internazionale

giovedì 24 aprile 2014 aggiornato alle 09.02

Opinioni »

Giovanni De Mauro

È il direttore di Internazionale. Per scrivere alla rubrica: settimana [at] internazionale.it

Somigliare

  • 23 agosto 2013
  • 12.24

Qualche tempo fa Sabrina Nobile, del programma tv Le Iene, è andata davanti al parlamento per fare delle domande di cultura generale ai nuovi eletti. C’è il deputato, membro della commissione affari costituzionali, che non sa chi è Netanyahu. C’è la parlamentare, della commissione affari esteri, convinta che Vatileaks sia una parola latina. C’è quello del Partito democratico, membro della commissione politiche dell’Unione europea, secondo cui la perestrojka è “un evento negativo” che risale all’epoca di Stalin. C’è la deputata del Movimento 5 stelle, nominata nella commissione lavoro, che alla domanda su cosa sia la Bce risponde: “Oddio che domanda, dai, non chiedermi ’ste cose, sono proprio fusa”.

Ovviamente non c’è niente di male nel non sapere cosa sia la perestrojka. La maggior parte delle persone non lo sa e vive serenamente. E non è neanche così grave che a ignorarlo sia un parlamentare: in fondo per legiferare correttamente potrebbe non essere necessario ricordare chi è Netanyahu. Il fatto, però, è che le risposte rivelano che questi deputati, forse rappresentativi dell’intero parlamento, non si informano, non leggono i giornali, non guardano un tg neanche ogni tanto, non ascoltano la radio, non vanno neppure su Google News.

Ma per controllare davvero l’attività dei governi e per fare buone leggi è preferibile essere informati. Si è affermata invece l’idea che i parlamentari, le persone cioè dalla cui attività dipendono le sorti del paese, per fare bene il loro lavoro, per rappresentarci meglio, debbano anche somigliare a un ipotetico italiano medio, apparentemente disinformato e un po’ ignorante. Le interviste delle Iene strappano un sorriso benevolo, perfino compiaciuto (“Questa io la sapevo”), mentre dovrebbero farci schiumare dalla rabbia. Perché in parlamento servirebbero persone più preparate. Però è troppo facile prendersela con il deputato che ignora il significato di perestrojka o con la deputata che non sa cos’è la Bce. E non è neanche colpa degli elettori, che non possono esprimere preferenze.

I veri responsabili sono quelli che li hanno selezionati. È a loro che bisognerebbe chiedere: perché l’avete fatto?

Internazionale, numero 1014, 23 agosto 2013

Qualche tempo fa Sabrina Nobile, del programma tv Le Iene, è andata davanti al parlamento per fare delle domande di cultura generale ai nuovi eletti. C’è il deputato, membro della commissione affari costituzionali, che non sa chi è Netanyahu. C’è la parlamentare, della commissione affari esteri, convinta che Vatileaks sia una parola latina. C’è quello del Partito democratico, membro della commissione politiche dell’Unione europea, secondo cui la perestrojka è “un evento negativo” che risale all’epoca di Stalin. C’è la deputata del Movimento 5 stelle, nominata nella commissione lavoro, che alla domanda su cosa sia la Bce risponde: “Oddio che domanda, dai, non chiedermi ’ste cose, sono proprio fusa”.

Ovviamente non c’è niente di male nel non sapere cosa sia la perestrojka. La maggior parte delle persone non lo sa e vive serenamente. E non è neanche così grave che a ignorarlo sia un parlamentare: in fondo per legiferare correttamente potrebbe non essere necessario ricordare chi è Netanyahu. Il fatto, però, è che le risposte rivelano che questi deputati, forse rappresentativi dell’intero parlamento, non si informano, non leggono i giornali, non guardano un tg neanche ogni tanto, non ascoltano la radio, non vanno neppure su Google News.

Ma per controllare davvero l’attività dei governi e per fare buone leggi è preferibile essere informati. Si è affermata invece l’idea che i parlamentari, le persone cioè dalla cui attività dipendono le sorti del paese, per fare bene il loro lavoro, per rappresentarci meglio, debbano anche somigliare a un ipotetico italiano medio, apparentemente disinformato e un po’ ignorante. Le interviste delle Iene strappano un sorriso benevolo, perfino compiaciuto (“Questa io la sapevo”), mentre dovrebbero farci schiumare dalla rabbia. Perché in parlamento servirebbero persone più preparate. Però è troppo facile prendersela con il deputato che ignora il significato di perestrojka o con la deputata che non sa cos’è la Bce. E non è neanche colpa degli elettori, che non possono esprimere preferenze.

I veri responsabili sono quelli che li hanno selezionati. È a loro che bisognerebbe chiedere: perché l’avete fatto?

Internazionale, numero 1014, 23 agosto 2013

  1. Precedente
  2. Successivo

Leggi anche

Commenti

In copertina

In nome dei soldi

In nome dei soldi

Sempre più spesso le multinazionali portano in tribunale gli stati. Vogliono leggi che non ostacolino i loro affari o risarcimenti miliardari. E vincono sempre

Articoli di

  1. Ala al Aswani
  2. Tito Boeri
  3. Ferdinando Boero
  4. Michael Braun
  5. Pier Andrea Canei
  6. Manuel Castells
  7. Christian Caujolle
  8. Noam Chomsky
  9. Li Datong
  10. Giovanni De Mauro
  11. Tullio De Mauro
  12. Boubacar Boris Diop
  13. Louise Doughty
  14. Doug Dyment
  15. Goffredo Fofi
  16. John Foot
  17. Keith Gessen
  18. Claudio Giunta
  19. Beppe Grillo
  20. Bernard Guetta
  21. Tim Harford
  22. Amira Hass
  23. Leo Hickman
  24. Christopher Hitchens
  25. Nick Hornby
  26. Jason Horowitz
  27. Will Hutton
  28. Zuhair al Jezairy
  29. Tobias Jones
  30. Eric Jozsef
  31. Alex Kapranos
  32. Paul Kennedy
  33. Rami Khouri
  34. Elias Khoury
  35. Sivan Kotler
  36. Paul Krugman
  37. Gideon Levy
  38. Farhad Manjoo
  39. Lee Marshall
  40. Tomás Eloy Martínez
  41. Giuliano Milani
  42. Wu Ming
  43. Gerhard Mumelter
  44. Loretta Napoleoni
  45. Jonathan Nossiter
  46. Anahad O’Connor
  47. Laurie Penny
  48. Pia Pera
  49. Anna Politkovskaja
  50. Mark Porter
  51. David Randall
  52. Ahmed Rashid
  53. Philippe Ridet
  54. David Rieff
  55. Claudio Rossi Marcelli
  56. Arundhati Roy
  57. Olivier Roy
  58. Milana Runjic
  59. Elif Şafak
  60. Yoani Sánchez
  61. Dan Savage
  62. Andrew Sullivan
  63. James Surowiecki
  64. Annamaria Testa
  65. José I. Torreblanca
  66. Natalia Viana
  67. Juan Villoro
  68. Binyavanga Wainaina
  69. Tony Wheeler
  70. Slavoj Žižek
  71. Giulia Zoli