PROTAGONISTI


Stefano Liberti

Stefano Liberti

È un giornalista e regista italiano. Ha diretto il documentario L’inferno dei bimbi stregoni, vincitore del premio L’Anello Debole nel 2010. Nel 2009 ha vinto il premio Indro Montanelli con il libro A sud di Lampedusa. Cinque anni di viaggi sulle rotte dei migranti (Minimum Fax 2008). Il suo ultimo libro è I signori del cibo. Viaggio nell’industria alimentare che sta distruggendo il pianeta (Minimum Fax 2016). Collabora con Internazionale.

Su Twitter: @abutiago

Stefano Liberti is an Italian journalist and filmmaker.

Reportage di suoni e immagini

Appunti per un videogiornalismo d’approfondimento. Leggi

Venerdì 5 Ott 2018 • 19.00

Un mondo a buon mercato

Guida radicale agli inganni del capitalismo che trasforma, governa e devasta la terra. E trae profitto da qualsiasi cosa

Raj Patel
scrittore e attivista britannico
intervistato da
Stefano Liberti
giornalista

In inglese, traduzione simultanea

Sabato 6 Ott 2018 • 17.30

La resistenza dei quilombolas

Discendono dagli ex schiavi africani e rivendicano il diritto alla terra su cui vivono da secoli. Una questione esplosiva nel paese che va al voto 

Janaina Cesar
giornalista brasiliana
Ananias Viana
attivista della comunità quilombolas

Introduce e modera
Stefano Liberti
giornalista

In italiano e portoghese, traduzione consecutiva
In collaborazione con Cospe onlus

Domenica 7 Ott 2018 • 16.15

Una voce speciale

I reportage radiofonici di Alessandro Leogrande
Kater i Rades: il naufragio che nessuno ricorda 

Il naufragio di Lampedusa 


Kater i Rades: il naufragio che nessuno ricorda
di Ornella Bellucci con Alessandro Leogrande
Tre Soldi, Rai Radio3, marzo 2012 (estratto)
Ottantuno morti, in gran parte donne e bambini: il 28 marzo del 1997 nel canale di Otranto un’imbarcazione albanese è speronata da una corvetta della marina militare italiana.

Il naufragio di Lampedusa
Wikiradio, Rai Radio3, 3 ottobre 2017 (estratto)
Il 3 ottobre 2013 un’imbarcazione proveniente dalle coste libiche con a bordo 540 persone naufraga al largo dell’isola di Lampedusa, causando la morte di 368 persone.

Introduce
Stefano Liberti
giornalista

In italiano

pubblicità

Iscriviti alla newsletter

Leggi l’informativa completa sulla privacy.

Acconsento a: