La scienza che ci serve

Pietro Greco

Dove: Università degli studi di Ferrara
Quando: 29 e 30 settembre, 1 ottobre 2017, dalle 10 alle 13
Lingua: italiano
Partecipanti: 30 studenti
Costo: 155 euro

Le fake news, notizie false e anche scarsamente verosimili, diffuse dai mezzi di comunicazione sono in aumento ed è significativo che molte di queste notizie riguardino la scienza. Nel corso si cercherà di analizzare le cause principali di questo aumento, a cominciare dalla domanda crescente di informazione scientifica presso il grande pubblico. Manca una cultura scientifica diffusa (che non è mera informazione), anche tra i comunicatori di scienza, e i mezzi di comunicazione in questa fase storica sono strutturalmente incapaci di proporsi come spazio dove costruire una cultura scientifica matura. Tuttavia i giornalisti scientifici hanno ancora un ruolo e possono ancora dimostrare che gli asini non volano.

Il corso fa per te se sei curioso di scienza, se vuoi contribuire alla costruzione di una società democratica della conoscenza, se vuoi far parte di una rete di comunicatori di scienza che riflette sul proprio lavoro.

Obiettivi
Acquisire consapevolezza di come i mezzi di comunicazione veicolano informazione scientifica e imparare un metodo per distinguere il vero (provvisorio) della scienza dal falso e dall’inverosimile. Capire l’importanza che ha la comunicazione nella costruzione di una società democratica della conoscenza e familiarizzare con alcuni strumenti per comunicare la scienza in maniera corretta e critica.

Programma indicativo
Durante il corso si parlerà del ruolo dell’errore nella scienza e del rapporto tra mezzi di comunicazione e società della conoscenza. Si leggeranno e commenteranno articoli da giornali italiani e stranieri. Infine ai partecipanti sarà chiesto di scrivere un articolo su uno dei temi trattati.

Materiale da portare
Un computer portatile o un tablet.

SOLD OUT
Per iscriverti, invia un’email a mariasilvia.accardo@unife.it indicando nome, cognome, indirizzo, telefono. Saranno accettate le prime 30 richieste.

pubblicità