Il festival del cinema di Cannes 2016

L’11 maggio è cominciata la 69ª edizione del festival di Cannes che si concluderà il 22 maggio. Tutti gli aggiornamenti. 

Il filo rosso che lega i film di Cannes è l’invito a restare umani

Quest’anno la giuria di Cannes giuria presieduta da George Miller ha fatto decisamente meglio di quella dell’anno passato. Sono stati premiati mediamente film di registi emergenti, in un concorso nel complesso eccellente, anche se privo di capolavori assoluti. La giuria ha però mancato di premiare fino in fondo l’innovazione. Leggi

Il film di Ken Loach I, Daniel Blake ha vinto la Palma d’oro della 69ª edizione del festival di Cannes.
Il film di Ken Loach I, Daniel Blake ha vinto la Palma d’oro della 69ª edizione del festival di Cannes. Il regista britannico aveva vinto anche nel 2006 con Il vento che accarezza l’erba​. Il film Le client dell’iraniano Asghar Farhadi ha ricevuto due premi: per la miglior sceneggiatura e per il miglior attore (Shahab Hosseini). Il Grand Prix è andato a Juste la fin du monde del regista canadese Xavier Dolan. Tutti i vincitori.
pubblicità
Tutti i vincitori della 69ª edizione del festival di Cannes

Il riconoscimento più importante del festival di Cannes è stato assegnato al regista britannico Ken Loach per I, Daniel Blake, un film che racconta la storia di un disoccupato costretto a chiedere assistenza sociale. Leggi

Il festival di Cannes 2016 in dieci punti

È stato il concorso più interessante degli ultimi dieci anni, forse il migliore dal 2002 per quanto riguarda la qualità media dei film in concorso. Alcune valutazioni e qualche pronostico sui possibili vincitori. Leggi

Passi di danza
pubblicità
Bacalaureat e la desertificazione morale della Romania

Si avvicina la fine del festival e il film di Cristian Mungiu potrebbe anche vincere la Palma d’oro. Ma solo se la giuria deciderà di compiere delle scelte chiare. Leggi

Juste la fin du monde conferma il talento di Xavier Dolan

Il nuovo film dell’enfant prodige del cinema d’autore è fatto di contrasti: concettuale ma caldo, teatrale ma veramente cinematografico, leggero nella gravità. Leggi

Ma’Rosa di Brillante Mendoza merita la Palma d’oro

Mendoza a volte è criticato perché il suo cinema è considerato troppo crudo e perché il suo approccio, in alcuni casi, si presta all’accusa di essere gratuito. Tuttavia occupa un posto di rilievo nell’attuale panorama cinematografico contemporaneo. Leggi

Appunti dal più bel concorso di Cannes degli ultimi anni

Con poco più della metà dei film in concorso già passati al festival di Cannes, vorrei tentare un bilancio provvisorio di un’annata che si sta rivelando particolarmente forte. Leggi

pubblicità
I volti di Julieta
Cannes in bianco e nero

L’11 maggio è cominciata la 69ª edizione del festival di Cannes che si concluderà il 22 maggio. Tra i venti film in concorso ci sono Juste la fin du monde di Xavier Dolan, La fille inconnue dei fratelli Dardenne, Julieta di Pedro Almodóvar, I, Daniel Blake di Ken Loach, Paterson di Jim Jarmush e Bacalauréat di Cristian Mungiu. Leggi

Il nuovo film di Ken Loach è un urlo contro la burocrazia che soffoca l’uomo

È un vero piacere vedere un grande film girato da uno dei registi habitué del festival di Cannes: Ken Loach. Il suo I, Daniel Blake tocca nel profondo ed è un perfetto manifesto dell’era di Jeremy Corbyn e Bernie Sanders. Leggi

Marion Cotillard a Cannes
pubblicità
In posa a Cannes
Toni Erdmann è il film più originale proiettato finora a Cannes

Il film parla del rapporto fra un padre senza grandi ambizioni e sua figlia, una donna in carriera che lavora a Bucarest come consulente per una società petrolifera statunitense. Leggi

In Rester vertical tutto è rovesciato, ma va bene così

Il film di Alain Giraudie, in corncorso a Cannes, è una spaventosa fiaba naturalistica. Un paradosso che funziona. Un gioiello. Leggi

Sieranevada è un dramma familiare faticoso da scalare

Il film di Cristi Puiu, che apre il concorso del festival di Cannes, racconta con finezza la Romania di ieri e di oggi e funziona anche come specchio dei nostri tempi. Ma tutte le belle premesse finiscono per evaporare nel nulla. Leggi

Woody Allen ha aperto il 69° festival di Cannes.
Woody Allen ha aperto il 69° festival di Cannes. Café society, film fuori concorso diretto dal regista statunitense, è stato il primo lungometraggio proiettato al festival francese. Nel cast del film ci sono Jesse Eisenberg, Blake Lively, Kristen Stewart e altri. Tra i registi in concorso a Cannes ci sono Xavier Dolan, i fratelli Dardenne, Ken Loach, Jim Jarmush e Park Chan-Wook. La manifestazione si concluderà il 22 maggio.
pubblicità