15 settembre 2016 14:31
Note fotografiche

L’Orchestra Senzaspine è un’orchestra autogestita formata da quasi 200 giovani musicisti che hanno meno di trentacinque anni. Senzaspine perché l’arte, dalla classica alla contemporanea, non punge, non deve spaventare e può essere colta e apprezzata da chiunque.

L’Orchestra è nata nel 2013 da un’idea di due amici, Tommaso Ussardi e Matteo Parmeggiani, e ha già conquistato Bologna e altre città, portando la musica classica dai luoghi tradizionalmente legati alla cultura ai luoghi commerciali e del turismo, fino a luoghi atipici come le carceri e le fabbriche.

La sua missione è riconsegnare la musica colta all’amore del grande pubblico e, allo stesso tempo, offrire ai giovani orchestrali la possibilità di confrontarsi con il repertorio sinfonico più impegnativo e affascinante. Le loro esibizioni rispettano l’eleganza della tradizione ma sono anche concerti spettacolo pop, pensati per sfatare i falsi miti che accompagnano la musica classica nella percezione comune.


Oggi l’Orchestra offre occasioni di lavoro ai musicisti e promuove attività di sensibilizzazione all’ascolto come il flash mob Conduct us. Oltre ai concerti sinfonici e cameristici, l’attività dei Senzaspine, che include anche un coro e un coro di voci bianche, comprende audizioni, performance, momenti di formazione, incontro e contaminazione tra le arti, competizioni per i giovani talenti, progetti per le scuole.

La sede dell’Orchestra è il Mercato Sonato, a Bologna. Il progetto ha il sostegno del ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e dell’Ibc della regione Emilia-Romagna, con il contributo di partner privati.

L’Orchestra Senzaspine sarà al festival di Internazionale a Ferrara il 2 ottobre, alle 16 in piazza Municipale, grazie a Coop Alleanza 3.0 e librerie.coop.

pubblicità

Iscriviti alla newsletter

Riceverai per email le novità su ospiti, workshop e incontri del festival.

Iscriviti
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.