• 24 Ago 2017 17.53

Otto documentari da non perdere al festival

24 agosto 2017 17:53

Anche quest’anno a Ferrara il cinema Boldini ospita le proiezioni degli otto documentari di Mondovisioni, la rassegna su attualità, diritti umani e informazione curata da CineAgenzia in collaborazione con Internazionale.

I film sono presentati durante il festival, alcuni in anteprima italiana, e poi proposti in un tour che durante l’anno toccherà molte città. Per organizzare una tappa della rassegna potete contattare CineAgenzia.

Entre os homens de bem
di Caio Cavechini e Carlos Juliano Barros
Brasile 2016, 106’ - Anteprima italiana
Ex vincitore del Grande fratello, Jean Wyllys ora è un deputato del Congresso brasiliano. Gay dichiarato, si batte contro pregiudizi e omofobia in un mondo politico sempre più influenzato dalle chiese evangeliche.

Boiling point
di Elina Hirvonen
Finlandia, 2017, 91’ - Anteprima italiana
Paura e rabbia verso gli immigrati stanno crescendo anche in Finlandia, e i movimenti populisti e xenofobi ne approfittano per alimentare le tensioni e accrescere il proprio consenso. Un ritratto inquietante dell’Europa contemporanea.

Brexitannia
di Timothy George Kelly
Russia/Regno Unito 2017, 80’ - Anteprima italiana
I referendum dividono, e la Brexit lo ha fatto in un modo senza precedenti nella storia del Regno Unito. Ma chi sono veramente le persone che hanno partecipato al voto? E quali sono le loro motivazioni? Il ritratto collettivo di un paese alle prese con la sua identità in un mondo che cambia.

An insignificant man
di Khushboo Ranka e Vinay Shukla
India 2016, 95’ - Anteprima italiana
La cronaca del debutto folgorante sulla scena politica indiana dell’Aam Aadmi Party, il Partito dell’uomo comune, guidato dall’attivista anticorruzione Arvind Kejriwal. Un thriller politico che ricorda il percorso del Movimento 5 stelle.

Il trailer di An insignificant man


Free lunch society
di Christian Tod
Austria/Germania 2017, 95’ - Anteprima italiana
Cosa faresti se non dovessi più preoccuparti di guadagnare? Fino a pochi anni fa il reddito di cittadinanza era considerato un’utopia. Oggi è al centro di discussioni politiche e scientifiche. Il primo documentario su una questione cruciale dei nostri tempi.

Jaha’s promise
di Patrick Farrelly e Kate O’Callaghan
Stati Uniti / Regno Unito / Gambia 2017, 81’ - Anteprima italiana
Jaha ha subìto la mutilazione genitale da bambina e a 15 anni è stata portata a New York per sposare un uomo che non aveva mai visto prima. Dieci anni più tardi torna nel suo paese, il Gambia, per guidare una campagna contro la pratica che le ha cambiato la vita per sempre.

Stranger in paradise
di Guido Hendrikx
Paesi Bassi 2016, 72’
In un’aula scolastica in Sicilia dei rifugiati assistono alla lezione di un insegnante dal comportamento decisamente scostante. Tra documentario e finzione, un film provocatorio sui meccanismi attraverso i quali l’Europa affronta la questione dei migranti e dei richiedenti asilo.

The workers cup
di Adam Sobel
Regno Unito 2017, 92’ - Anteprima italiana
Nel 2022 il Qatar ospiterà il campionato mondiale di calcio e alle sue infrastrutture sta lavorando più di un milione e mezzo di immigrati. Il film li segue, sul lavoro e nel luogo in cui vivono, mentre gareggiano nel torneo organizzato dal comitato promotore dei mondiali.

pubblicità