LUOGHI


Biblioteca Ariostea

Venerdì 5 Ott 2018 • 16.00

Un altro giorno di morte in America

di Gary Younge

L’autore dialoga con
Alessio Marchionna
Internazionale

In inglese, traduzione consecutiva

Ogni giorno, negli Stati Uniti, sette ragazzi sotto i vent’anni muoiono per colpi d’arma da fuoco. Sono soprattutto neri, soprattutto maschi, vivono soprattutto in alcune città, e spesso la loro morte passa sotto silenzio. Un ritratto di una società prigioniera delle armi.
(Add editore 2018)

Venerdì 5 Ott 2018 • 17.30

Le assaggiatrici

di Rosella Postorino

L’autrice dialoga con
Isabella Libertà Mattazzi
Università di Ferrara

In italiano

Alcune giovani donne tedesche sono costrette ad assaggiare il cibo di Hitler per accertare che non sia avvelenato. Nell’ambiente chiuso della mensa forzata, tra di loro s’intrecciano alleanze, amicizie e rivalità sotterranee. Un romanzo su cosa significa essere e rimanere umani.
(Feltrinelli 2018)

Sabato 6 Ott 2018 • 11.00

Il morto nel bunker

di Martin Pollack

L’autore dialoga con
Andrea Pipino
Internazionale

In inglese, traduzione consecutiva

Nel 2003 Martin Pollack parte alla ricerca del bunker in cui 56 anni prima è stato ritrovato il corpo del padre. Per fare i conti con il passato nazista della sua famiglia e del suo paese, l’Austria.
(Keller 2018)

Sabato 6 Ott 2018 • 15.00

La grande mattanza

di Enzo Ciconte

L’autore dialoga con
con Giuseppe Rizzo
Internazionale

In italiano

La guerra al brigantaggio, dagli albori dell’età moderna ai primi decenni dell’Italia unita. Una storia secolare di sanguinose repressioni, che vede al centro il possesso della terra e riguarda quasi sempre le classi subalterne.
(Laterza 2018)

Sabato 6 Ott 2018 • 17.00

Jonas Fink. Una vita sospesa

di Vittorio Giardino

L’autore dialoga con
con Giuliano Milani
storico

In italiano

Jonas ha dodici anni quando suo padre, un ebreo borghese, viene arrestato con l’accusa di aver cospirato contro il regi- me comunista che dal 1949 governa la Cecoslovacchia. Una graphic novel, a cui l’autore ha dedicato vent’anni di lavoro, che immortala la sofferenza e il desiderio di riscatto di una generazione cresciuta all’ombra della dittatura.
(Rizzoli Lizard 2018)

Domenica 7 Ott 2018 • 11.30

Palestina in agrodolce

La vita nei territori occupati, con tanta ironia e un pizzico di amarezza

Suad Amiry
scrittrice palestinese
dialoga con
Catherine Cornet
Internazionale
In inglese, traduzione consecutiva

pubblicità

Iscriviti alla newsletter

Leggi l’informativa completa sulla privacy.

Acconsento a: