• 06 Set 2016 14.40
06 settembre 2016 14:40
Elvira Frosini e Daniele Timpano.

Conosciamo Faccetta nera, la battaglia di Adua e la pace di Addis Abeba. Ma è come se fossero storie piccole, lontane e marginali, perché la memoria collettiva ha preferito un’altra narrazione del colonialismo italiano, dimenticandosi i campi di sterminio, le esecuzioni sommarie e le leggi di segregazione razziale del 1938.

Per questo, nel loro ultimo spettacolo teatrale Acqua di colonia, prima parte: Zibaldino africano, i due artisti Elvira Frosini e Daniele Timpano hanno deciso di raccontare la storia, spesso rimossa, del colonialismo italiano. Oggi è urgente un confronto con un passato che è anche il nostro. Inconsapevolmente, il colonialismo ci è rimasto attaccato come “carta moschicida”, spiegano gli autori, insieme a una serie di luoghi comuni, sensi di colpa, ipocrisie. È utile conoscerlo anche per provare a rispondere a una domanda del presente: oggi noi italiani cosa siamo? Lo spettacolo andrà in scena a Ferrara il 30 settembre, alle 21, al teatro Comunale.

Testo, regia, interpretazione: Elvira Frosini e Daniele Timpano
Consulenza: Igiaba Scego
Aiuto regia e drammaturgia: Francesca Blancato
Scene e costumi: Alessandra Muschella e Daniela De Blasio
Disegno luci: Omar Scala
Progetto Grafico: Antonello Santarelli e Valentina Pastorino

Uno spettacolo di Frosini Timpano
Produzione: Romaeuropa Festival, Teatro della Tosse, Accademia degli Artefatti
Con il sostegno di Armunia Festival Inequilibrio
Si ringrazia C.R.A.F.T. Centro Ricerca Arte Formazione Teatro

pubblicità

Iscriviti alla newsletter

Leggi l’informativa completa sulla privacy.

Acconsento a: