◆ Quest’immagine, scattata all’alba da un astronauta a bordo della Stazione spaziale internazionale (Iss), mostra l’anticlinale di Sheep mountain, nel Wyoming (Stati Uniti), e il fiume Bighorn che la taglia in due. Il fiume scorre per gran parte del centronord del Wyoming prima di confluire nel fiume Yellowstone, nel sud del Montana. Nel Wyoming attraversa il bacino Bighorn, un altopiano dal terreno aspro e secco nelle montagne Rocciose. Si tratta di una depressione dalla forma ovale, larga circa 160 chilometri, caratterizzata da una geologia complessa. Il clima semiarido crea un ambiente con scarsa vegetazione in cui grandi strutture geologiche, visibili anche dallo spazio, dominano il paesaggio.

L’immagine mostra una di queste strutture, l’anticlinale di Sheep mountain. Le anticlinali sono pieghe degli strati rocciosi che si formano a causa di uno stress compressivo che dura nel tempo. Si riconoscono per l’affioramento, dovuto alla successiva erosione, delle rocce più antiche nel nucleo della piega. Strutture geologiche come queste, spesso ricche di giacimenti di petrolio e gas, si trovano in tutto il bacino Big­horn.

Con appena 580mila abitanti, il Wyoming è lo stato meno popolato degli Stati Uniti ed è il penultimo per densità di popolazione, davanti all’Alaska. Dal punto di vista geografico, è il punto d’incontro tra le grandi pianure e le montagne Rocciose.–Nasa

Questo articolo è uscito sul numero 1435 di Internazionale, a pagina 113. Compra questo numero | Abbonati