Annalisa Camilli

Lavora a Internazionale dal 2007. Su Twitter: @annalisacamilli

Non solo Riace, il sistema di accoglienza italiano è sotto attacco

Ecco perché i problemi di Riace sono quelli di molti paesi italiani che hanno investito nell’accoglienza. Leggi

La lunga storia dell’immigrazione in Italia

L’errore più comune che si commette quando si parla di immigrazione in Italia è pensare che si tratti di un fenomeno recente. Un libro spiega che non è così. Leggi

pubblicità
Chi è Mimmo Lucano e perché è stato arrestato

Le accuse contro Domenico Lucano, sindaco di Riace, simbolo dell’accoglienza diffusa in Italia e arrestato il 2 ottobre per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e turbata libertà degli incanti. Leggi

Mai così alto il tasso di mortalità nel mar Mediterraneo

Nel settembre del 2018 il venti per cento di chi è partito dalla Libia risulta morto o disperso. Leggi

Tutte le obiezioni al decreto Salvini

Protezione umanitaria, sistema di accoglienza, Cpr e hotspot. Tutti i nodi del decreto sull’immigrazione e la sicurezza. Leggi

pubblicità
Cosa prevede il decreto Salvini su immigrazione e sicurezza

Abolizione della protezione umanitaria, restrizione del sistema di accoglienza per richiedenti asilo, revoca della cittadinanza, estensione dell’uso dei taser: i punti principali. Leggi

Non c’è un’emergenza immigrazione dalla Tunisia

Che succede a Lampedusa con la riapertura della rotta tunisina e perché i dati smentiscono che si tratti di un fenomeno nuovo e preoccupante. Leggi

Cosa prevede il decreto Salvini sull’immigrazione

Abolizione della protezione umanitaria, limiti alla concessione della cittadinanza e sua revoca: il ministro dell’interno ha annunciato la sua riforma. Leggi

Vivere sotto sgombero a Roma

Chi sono le famiglie che a Roma vivono nelle case occupate e cosa cambia per loro, dopo la nuova circolare del ministro dell’interno Matteo Salvini. Leggi

Reclusi sottoterra in Libia, le storie dei migranti della Diciotti

“Evacuate i centri di detenzione libici, sono lager”, afferma Giona, uno degli eritrei scesi dalla nave italiana e accolto insieme a sua moglie e a un’altra coppia nella diocesi di Frosinone. Leggi

pubblicità
Piccola guerra intorno ai cento profughi di Rocca di Papa

I profughi scesi dalla nave Diciotti sono arrivati nella cittadina del Lazio, che è stata trasformata in un palcoscenico della propaganda dell’estrema destra. Leggi

L’accoglienza in Italia dopo il caso Diciotti

Il trasferimento verso paesi terzi fuori dall’Unione europea, l’intervento di soggetti privati che finanziano l’accoglienza, l’assenza di un protocollo generale. Le preoccupanti novità sperimentate nel caso Diciotti. Leggi

Minacce razziste contro la rifugiata etiope che alleva capre in Trentino

“Sporca negra, te ne devi andare”, con queste parole un uomo ha aggredito Agitu Idea Gudeta nel suo allevamento nella val dei Mocheni. Leggi

Chi sono le persone bloccate a bordo della nave Diciotti

Per Matteo Salvini “sono tutti irregolari”, invece la maggior parte delle persone che da nove giorni sono bloccate sulla nave Diciotti avrebbe diritto all’asilo politico. Leggi

Il Baobab denuncia Salvini per incitamento all’odio razziale

Mentre il ministro Lorenzo Fontana propone di abrogare la legge Mancino, un gruppo di attivisti romani denuncia il ministro dell’interno Salvini per incitamento all’odio razziale. Leggi

pubblicità
Roma è un laboratorio delle politiche di esclusione dei rom

Dagli spari contro una bambina allo sgombero del Camping River: i rom sono i protagonisti di una nuova stagione di violenza nella capitale, senza un piano per la loro inclusione. Leggi

Abbandonati in mare

La ricostruzione di quello che è successo a largo della Libia tra il 16 e il 17 luglio, quando la nave Open Arms ha ritrovato in mare un gommone distrutto con una donna e un bambino morti e una sopravvissuta, Josefa. Leggi

I libici ci hanno picchiato, parla la donna sopravvissuta

Josefa ha occhi enormi, allungati e larghi. È sdraiata sul ponte della Open Arms. Il diario del salvataggio. Leggi

Omissione di soccorso o naufragio? Sopravvive solo una donna

A 80 miglia dalla Libia Open Arms ha trovato i resti di un gommone affondato: solo una donna è sopravvissuta, un bambino e un’altra donna sono stati ritrovati morti. Leggi

La Open Arms torna in mare e fa rotta verso la Libia

Nonostante il clima ostile e la chiusura dei porti, la nave spagnola ha deciso di mollare gli ormeggi e tornare in mare per soccorrere i migranti al largo della Libia. Leggi

pubblicità