Annalisa Camilli

È una giornalista, lavora a Internazionale dal 2007. Ha vinto l’Anna Lindh Award, il premio Tutino, il premio Cristina Matano. Il suo ultimo libro è La legge del mare (Rizzoli 2019). Su Twitter: @annalisacamilli

La rotta che arriva in Calabria

Sono sempre più numerosi i migranti che partono dalla Turchia grazie a una rete criminale che si affida a marinai ucraini. Vengono trasportati su barche a vela e yacht che senza dare nell’occhio navigano verso la costa ionica. Leggi

Tre settimane di guerra

Dopo venti giorni di combattimenti, i russi hanno lanciato l’offensiva su Kiev. A Mosca, invece, la repressione contro le voci critiche è sempre più brutale. E migliaia di persone scappano all’estero Leggi

pubblicità
Il racconto dell’attacco contro due giornalisti statunitensi vicino a Kiev

Le autorità ucraine hanno accusato i russi di aver sparato contro i due giornalisti, ma la dinamica dell’incidente non è ancora chiara. La testimonianza del sopravvissuto. Leggi

Kiev si prepara all’assedio

Mentre più della metà della popolazione della capitale se n’è andata, l’altra metà si è trasferita nel sottosuolo. Intanto l’esercito russo prova ad accerchiare la città. Leggi

L’esercito russo avanza e i profughi cercano riparo a Kiev 

Mentre i negoziati di pace ad Antalya non hanno portato ad alcun risultato, nella capitale ucraina arrivano migliaia di persone da Irpin e Buča. Leggi

pubblicità
I civili nel mirino

“I russi non stanno combattendo contro l’esercito, stanno combattendo contro tutti noi”. Reportage da Irpin e Žytomyr, tra gli ucraini in fuga dalle bombe Leggi

Leopoli è un campo profughi a cielo aperto

Un milione di persone sono scappate in una settimana dall’Ucraina e nei negoziati c’è stato un accordo sulla creazione di corridoi umanitari. La maggior parte di loro passa dalla città dell’Ucraina occidentale, che intanto si prepara a combattere. Leggi

La guerra arriva in Europa

Dall’alba del 24 febbraio l’Ucraina è sotto attacco. L’avanzata russa è più lenta del previsto, ma sul terreno la situazione è drammatica. E centinaia di migliaia di persone stanno scappando verso ovest Leggi

L’Europa apre le porte ai profughi ucraini

Volontari e organizzazioni umanitarie da tutta Europa stanno arrivando in Polonia per accogliere i profughi ucraini in fuga dalla guerra. E anche l’atteggiamento dei governi sembra cambiato. Leggi

A Roma i senza dimora sono trattati da criminali

Negli ultimi anni le persone che vivono in strada sono state vittime di un “processo di criminalizzazione” che ne ha aggravato la situazione. Nella capitale sono almeno 15mila, senza servizi e senza un piano di accoglienza. Leggi

pubblicità
Cinque anni dopo l’accordo con la Libia, per i rifugiati non c’è speranza

Sono più di 80mila le persone fermate e riportate in Libia, un paese che non può essere considerato sicuro. E l’Italia ha speso quasi un miliardo di euro per cooperare con la cosiddetta guardia costiera libica e per finanziare i centri di detenzione. Leggi

I migranti senza nome nel canale della Manica

La prospettiva interna impedisce a Francia e Regno Unito di trovare una soluzione agli attraversamenti della Manica e rischia di strumentalizzare la morte di 27 persone. Leggi

Il muro nella foresta

Per fermare l’arrivo dei migranti dalla Bielorussia, il governo polacco ha militarizzato la frontiera e impedito l’accesso a giornalisti e organizzazioni umanitarie Leggi

L’Europa non rispetta l’impegno di accogliere i profughi afgani

La questione umanitaria in Afghanistan sarà uno dei temi sul tavolo del G20: l’Italia annuncia un corridoio umanitario ma gli altri paesi europei sono ancora latitanti. Leggi

La criminalizzazione dei migranti passa per l’accusa di essere scafisti

Una nuova analisi sugli arresti dei migranti rileva che dal 2013 più di duemila persone sono state arrestate con l’accusa di essere scafisti: inchieste frettolose e approssimative che però hanno portato a pene molto severe. Leggi

pubblicità
I nuovi muri europei contro i migranti

Davanti alla possibilità di una nuova ondata di profughi in particolare provenienti dall’Afghanistan, dodici paesi europei hanno chiesto a Bruxelles di finanziare la costruzione di nuovi muri. Leggi

Tutte le anomalie di un’inchiesta

Uso indiscriminato delle intercettazioni, testimoni chiave che ritrattano, trascrizioni inesatte, sentenze ignorate: quello che non torna nel caso di Domenico Lucano. Leggi

Non c’è posto per la cultura nella campagna elettorale a Roma

A dieci anni dall’occupazione del teatro Valle, gli spazi culturali a Roma sono sempre di meno e la questione è completamente trascurata dalla campagna elettorale dei candidati sindaco. Leggi

Per i profughi afgani i problemi non sono ancora finiti

Dopo l’arrivo, i profughi afgani sono stati spostati in diverse regioni italiane, ma il sistema di accoglienza sembra in difficoltà a causa dei tagli subiti negli ultimi anni. Leggi

Aumentano i fondi italiani per la guardia costiera libica

Il 15 luglio la camera ha approvato il decreto missioni, che prevede il finanziamento della cosiddetta guardia costiera libica e dei centri di detenzione in cui sono stati documentati dall’Onu “inimmaginabili orrori”. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.