Annalisa Camilli

Lavora a Internazionale dal 2007. Su Twitter: @annalisacamilli

Il poliziotto che usa Facebook per identificare i morti nel Mediterraneo

L’ispettore capo della polizia giudiziaria della procura di Siracusa è riuscito in due anni a contattare le famiglie di 24 persone annegate in un naufragio. Leggi

I punti controversi della legge sul reato di tortura

Il senato ha approvato il disegno di legge che prevede l’introduzione del reato di tortura nell’ordinamento penale italiano, ma in molti lo criticano. Leggi

pubblicità
In Friuli-Venezia Giulia chi aiuta i migranti è lasciato solo

I volontari sono spesso lasciati soli e gli amministratori non partecipano ai progetti di accoglienza per paura di perdere consensi. Leggi

Come difendersi dagli attacchi alla solidarietà

Gli operatori che si occupano d’immigrazione raccontano gli effetti della campagna di criminalizzazione delle ong. Leggi

Il modello di accoglienza dei migranti a Milano è in crisi?

Dal blitz alla stazione alle polemiche sul corteo “senza muri”: che succede nella città italiana più accogliente con i migranti. Leggi

pubblicità
Cosa sappiamo del rogo a Roma in cui sono morte tre sorelle

Dopo il rogo del camper nel quartiere di Centocelle, la procura di Roma indaga per omicidio volontario e incendio doloso. Leggi

L’incapacità di affrontare un fallimento chiamato Alitalia

Dopo il commissariamento dell’ex compagnia di bandiera, nei discorsi dei dipendenti e dei sindacalisti aleggiano due questioni: il timore della concorrenza delle low cost e la sfiducia nei piani industriali che non prevedono nuovi investimenti. Leggi

L’accordo tra Italia e Libia potrebbe favorire il traffico di migranti

Molti esperti temono che i fondi stanziati dall’Italia per la guardia costiera libica finiscano indirettamente nelle mani dei trafficanti. Leggi

Perché le ong che salvano vite nel Mediterraneo sono sotto attacco

Le ong sono accusate dell’aumento dei naufragi e di essere in collegamento con i trafficanti. Da chi sono stati sollevati i sospetti e cosa c’è che non torna nelle accuse. Leggi

Il decreto Minniti-Orlando sull’immigrazione è legge

Il 12 aprile la camera ha approvato il decreto Minniti-Orlando sull’immigrazione con 240 voti a favore, 176 voti contrari e 12 astenuti. Il governo di Paolo Gentiloni ha blindato il decreto ponendo la questione di fiducia, che è stata approvata con larga maggioranza l’11 aprile. Il decreto, presentato dall’esecutivo il 10 febbraio, era già stato approvato dal senato il 29 marzo. Il termine per trasformare il decreto in legge sarebbe scaduto il 17 aprile, ma con la fiducia le opposizioni non sono potute intervenire sul testo della legge né proporre emendamenti. Leggi

pubblicità
L’avvocata libica che ha portato in tribunale l’accordo con l’Italia sui migranti

È l’avvocata più famosa della Libia, vive tra il Canada e Tripoli, e si occupa da tempo di diritti umani in uno dei paesi più complicati del mondo. Ora Azza Maghur, insieme ad altri cinque connazionali, ha presentato ricorso in tribunale contro il memorandum d’intesa tra Tripoli e Roma sulla gestione dei migranti e dei profughi. Leggi

Tripoli blocca il memorandum sui migranti firmato con l’Italia

Il 22 marzo un tribunale di Tripoli ha bloccato il memorandum d’intesa firmato dal premier del governo di unità nazionale libico (Gna) Fajez al Sarraj con il presidente del consiglio italiano Paolo Gentiloni il 2 febbraio. Il ricorso contro l’accordo era stato presentato il 14 febbraio da un gruppo di sei libici, tra cui l’avvocata Azza Maghur e l’ex ministro della giustizia Salah al Marghani. Leggi

Un ragazzo si è ucciso, era somalo, aveva 19 anni

Maslax Moxamed ha 19 anni, arriva in Italia dalla Somalia nell’agosto del 2016, passa due mesi a Roma, prima a via Cupa, nel quartiere San Lorenzo, dove incontra i volontari della Baobab experience, poi parte per il Belgio, da dove però viene rimandato in Italia lo scorso gennaio per le leggi europee sull’asilo. In Italia Maslax aveva infatti lasciato le impronte digitali. Il 15 marzo viene ritrovato morto in un parco a Pomezia, vicino al centro per migranti dove era stato trasferito. Si pensa a un suicidio. I volontari romani che lo hanno conosciuto condividono i ricordi che conservano del ragazzo. Leggi

A un anno dall’accordo sui migranti con la Turchia il bilancio è disastroso

Da quando l’Unione europea ha concesso alla Turchia tre miliardi di euro per fermare l’arrivo dei migranti sulle coste greche all’inizio del 2016, le persone che hanno affrontato la traversata dell’Egeo sono diminuite notevolmente. Ma i morti nel Mediterraneo sono aumentati e migliaia di profughi sono rimasti bloccati in Grecia, in Serbia e lungo la rotta balcanica in condizioni disperate con gravi conseguenze sulla loro salute fisica e psichica. I numeri, le denunce delle organizzazioni umanitarie e la risposta della Commissione europea. Leggi

Come cambierà il regolamento di Dublino sul diritto d’asilo europeo

Il regolamento di Dublino è tornato al centro di accese discussioni tra la Commissione europea, gli stati dell’Unione e il parlamento europeo, con la proposta di riformarlo una terza volta. Ma la riforma rischia di penalizzare i richiedenti asilo, che rimarranno pedine in mano ai singoli governi. Leggi

pubblicità
La ragazza etiope che alleva capre felici in Trentino

Scappata dall’Etiopia per fuggire dalla repressione del governo contro gli studenti e l’opposizione, Agitu Idea Gudeta è arrivata in Italia nel 2010. In Trentino ha recuperato alcuni pascoli abbandonati e ha creato un allevamento di capre, appartenenti a razze in via di estinzione. Leggi

La vita sospesa delle donne rinchiuse nel Cie di Ponte Galeria

Marisol è una baby-sitter di origine cubana, una donna sulla sessantina che parla l’italiano con un’inflessione dolce e si disegna le sopracciglia con la matita. Faceva le pulizie e si occupava dei bambini per una famiglia di Milano, senza contratto, per sei euro all’ora. È rinchiusa da due mesi nel Centro di identificazione ed espulsione (Cie) di Ponte Galeria, a Roma. Leggi

Perché l’accordo tra l’Italia e la Libia sui migranti potrebbe essere illegale

A Tripoli è stato presentato un ricorso che mette in discussione la legittimità del memorandum d’intesa tra l’Italia e la Libia sui migranti. Ma anche in Italia in molti sollevano dei dubbi sulla costituzionalità del trattato. Leggi

Perché la legge per proteggere i minori migranti è importante

Il 15 febbraio, dopo un lungo stallo, arriverà in aula al senato la legge sulla protezione dei minori migranti che si trovano nel nostro paese senza i loro genitori. La proposta di legge è già stata approvata dalla camera dei deputati nell’ottobre del 2016, ma in senato è stata ostacolata da numerosi emendamenti che infine sono stati ritirati. Cosa prevede la norma. Leggi

Se l’Italia trasforma in clandestini i migranti che lavorano

Michael è arrivato in Italia dal Ghana da due anni e ancora non sa se gli verranno concessi i documenti per rimanere, anche se da qualche mese lavora e il suo datore di lavoro vorrebbe assumerlo. La sua condizione è comune a centinaia di richiedenti asilo che dopo un percorso d’integrazione vengono spinti nell’illegalità. Leggi

pubblicità