Bella ciao e la Casa di carta di Al Sisi

Al World youth forum di Sharm el Sheikh la canzone partigiana Bella ciao è stata cantata davanti al presidente Al Sisi e ai dignitari del regime. Si è trattato di un teatro dell’assurdo, di un delirio di onnipotenza o di estrema ignoranza? Leggi

Le ferite di Ronnie Spector

La pioniera del rock è stata una pop star negli anni sessanta e un’icona segreta dei punk newyorchesi. Leggi

pubblicità
L’escalation della guerra nello Yemen arriva fino ad Abu Dhabi

La capitale degli Emirati Arabi Uniti è stata colpita da un attacco di droni, rivendicato dai ribelli huthi: l’allargamento del conflitto sarebbe grave e peggiorerebbe una crisi umanitaria che dura ormai da troppo tempo. Leggi

A Baghdad le milizie si contendono il racket delle estorsioni ai negozi

Aumentano i casi di esercizi commerciali dati alle fiamme: i responsabili si nascondono dietro motivazioni religiose, ma vogliono solo riscuotere tangenti dai proprietari. Leggi

Tra Russia e Ucraina la guerra si combatte anche nel ciberspazio

L’Ucraina temeva una sfilata di carri armati e invece è stata colpita dai virus informatici. Questo ci ricorda che i conflitti di oggi cominciano spesso dai ciberattacchi, meno spettacolari ma non necessariamente meno dannosi. Leggi

pubblicità
Condannato in Germania un ufficiale siriano per crimini contro l’umanità

Il colonnello aveva cercato di cancellare il suo passato emigrando in Germania nel 2015 mescolandosi tra i rifugiati, ma si è tradito da solo. La sua condanna dimostra che l’idea di giustizia non è morta. Leggi

È andato tutto bene è un viaggio nel dolore del genere umano

Il nuovo film di François Ozon unisce la dimensione intima della sofferenza a quella collettiva, raccontando la storia di André Bernheim: un anziano cinico e burbero che la famiglia accompagna in un percorso di morte assistita. Leggi

L’etica della politica è un concetto in crisi, da Londra a Stoccolma

Boris Johnson è sotto accusa per una festa organizzata in pieno lockdown, Magdalena Andersson per una collaboratrice irregolare, Silvio Berlusconi prova a tornare in auge: eppure le reazioni dell’opinione pubblica sono diverse di paese in paese. Leggi

Il dialogo impossibile tra la Russia e la Nato

Vladimir Putin si comporta come se la zona dell’ex Unione Sovietica sia ancora sotto il controllo di Mosca e vuole approfittare di un apparente indebolimento occidentale. La crisi ucraina potrebbe però ridare vigore all’Alleanza atlantica. Leggi

Le illuminazioni di Buffy Sainte-Marie

Il rivoluzionario album di un’artista nativa americana che mescolava folk, elettronica e psichedelia. Leggi

pubblicità
In Mali è arrivata l’ora della verità per la giunta militare

In seguito all’ennesimo rinvio delle elezioni, i paesi dell’Africa occidentale hanno imposto pesanti sanzioni ai militari al potere a Bamako, che però hanno risposto con tono di sfida. La soluzione della crisi è un test per tutta la regione. Leggi

Una passione senza calcoli

Mi capita sempre più spesso di sentire l’esigenza di tornare sopra un libro subito dopo averlo terminato, come se non fossi riuscito a farlo davvero mio. È normale che ciò accada anche quando si legge per interesse personale? Leggi

Americani e russi parlano dell’Europa senza gli europei

L’incontro bilaterale tra le delegazioni di Washington e di Mosca arriva in un momento di grande tensione. Vladimir Putin vuole rientrare nel club delle superpotenze e negoziare da pari a pari. Leggi

Peter Bogdanovich, il reietto che amava Hollywood

Il regista newyorchese, attore, critico e storico del cinema, è morto a Los Angeles. Aveva 82 anni. Leggi

In Kazakistan arrivano i militari russi per sedare la rivolta

Dopo la Bielorussia, il Nagorno Karaback e l’Ucraina ora l’esercito di Mosca arriva ad Almaty: Vladimir Putin deve combattere su più fronti per mantenere il controllo su quella che ritiene sia la sua zona d’influenza. Leggi

pubblicità
La crisi al rallentatore della democrazia statunitense

Il 6 gennaio 2021 con l’assalto al Campidoglio non c’è stato un tentativo di colpo di stato: le élite erano pronte a sostenere la stabilità del potere. Bisogna invece chiedersi se gli Stati Uniti hanno davvero una democrazia da difendere. Leggi

Le tecnologie che ridisegnano i rapporti di forza

Automobili elettriche, informatica quantistica, intelligenza artificiale: sono le nuove frontiere della geopolitica globale. Leggi

Cinque potenze mondiali unite contro la proliferazione nucleare

Cina, Stati Uniti, Francia, Russia e Regno Unito hanno pubblicato una dichiarazione comune impegnandosi a mantenere l’arma atomica a fini difensivi. Un messaggio rassicurante in vista di obiettivi più ambiziosi. Leggi

Il fallimento francese in Mali è militare, politico e diplomatico

Dopo nove anni di presenza nella regione, Parigi si ritrova senza un orizzonte chiaro, né militare né politico, e senza una via d’uscita onorevole. Leggi

Rimandare a domani è una strategia che può funzionare

Rimandare le cose può migliorare i risultati, se lo facciamo bene. Consigli e suggerimenti per prendersi il tempo giusto per svolgere un compito. Anche quello che detestiamo. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.