Le bugie del Texas sull’aborto

La legge in vigore nello stato, che proibisce quasi ogni interruzione di gravidanza, fa parte di un piano dei repubblicani per colpire i diritti dei più deboli e conservare il potere. Leggi

Il trucco degli War On Drugs funziona sempre

The War On Drugs, I don’t live here anymore
Non si capisce come, ma ogni volta ci riescono. Gli War On Drugs sono capaci di rendere la nostalgia credibile, di far suonare attuale musica che dovrebbe sapere solo di stantio. Alla band di Adam Granduciel questo trucchetto riesce ormai da troppo tempo (dal loro disco d’esordio nel 2008) per essere un caso. Granduciel, oltre a essere un ottimo autore di canzoni, sa sfruttare bene le potenzialità dello studio di registrazione, e ragiona come un produttore.

Per esempio il lavoro che la band di Philadelphia fa sulle chitarre, che suonano sempre calde e stratificate, è notevole. Prendete l’arpeggio che apre l’ultimo singolo I don’t live here anymore. Sembra di averlo sentito già cento volte, eppure funziona, ti trascina dentro al pezzo fin da subito. Anche il testo del brano, come spesso capita, è pieno di citazioni. Già nel primo verso Granduciel si definisce “A creature void of form”, una creature senza forma. È un passaggio preso pari pari da Shelter from the storm, un brano di Bob Dylan pubblicato sul capolavoro del 1975 Blood on the tracks. E in seguito, rievocando quella che sembra una vecchia storia d’amore, il cantante ricorda un vecchio concerto di Bob Dylan dove con la sua ragazza aveva ballato sulle note di Desolation row.

Il suono di I don’t live here anymore, però, più che dylaniano è springsteeniano (un’altra grande passione degli War On Drugs): ha un incedere marziale, una batteria che più anni ottanta non si può e un piglio da stadio che forse non era mai stato così esplicito nella musica della band. Il coro finale, registrato con l’aiuto della band pop newyorchese Lucius, conferma quest’impressione. Il nuovo disco del gruppo uscirà il 29 ottobre. Prepariamoci a un bel ripasso della storia del rock. Leggi

pubblicità
Angela Merkel si prepara a uscire di scena

Da Kiev a Parigi la cancelliera tedesca ha cominciato a congedarsi dai suoi colleghi europei. Che dal 26 settembre avranno a che fare con un nuovo interlocutore. Leggi

Cambiare percorso

Dopo anni di tentativi vani abbiamo capito che non saremo genitori, nemmeno adottivi. Puoi convincere noi e gli altri – ma soprattutto gli altri – che non saremo sempre e soltanto persone a metà? Leggi

Dune, non solo elegante

La versione di Denis Villeneuve del classico di fantascienza di Frank Herbert è un film sontuoso e sicuramente diverso dalle grandi produzioni di avventura fantasy a cui è abituato il grande pubblico. Leggi

pubblicità
L’alleanza anticinese nel Pacifico sfida anche l’Unione europea

L’amministrazione Biden ha trattato gli alleati europei con la stessa disinvoltura della precedente: come con l’Afghanistan, anche stavolta gli americani non hanno consultato nessuno. L’Unione europea deve costruire una sua strategia. Leggi

Parto

A fine agosto una donna di 23 anni ha partorito una bambina. Fin qui niente di strano. A parte il fatto che il parto è avvenuto in una cella del carcere romano di Rebibbia, senza nessuna assistenza medica. Leggi

L’alleanza tra Washington, Londra e Canberra fa salire la tensione nel Pacifico

L’accordo militare tra Stati Uniti, Australia e Regno Unito nasce con l’obiettivo di contenere la Cina. Ma l’annullamento di una commessa militare irrita Parigi, che ribadisce la necessità dell’autonomia strategica europea. Leggi

Come ridistribuire davvero

Secondo Thomas Piketty le disuguaglianze sono “una costruzione sociale, storica e politica”, non una funzione dello sviluppo economico. Per questo nel valutarle occorre tenere presenti molti fattori. Leggi

L’ipotesi di mercenari russi in Mali irrita Parigi

L’agenzia Reuters ha dato notizia di un contratto tra il governo di Bamako e la compagnia privata russa Wagner per l’invio di mercenari in Mali. La mossa sarebbe un colpo per la Francia, che sta rivedendo la sua presenza militare nel paese. Leggi

pubblicità
Spatriati

In viaggio tra paesi, Appennini, ecosistemi, camerette, scantinati e strade si incontrano artisti che dimostrano come ci sia vita oltre la trap. Leggi

Welcome Venice, commossa elegia per una beltà tradita

Il conflitto tra due fratelli, la smania di denaro, e il tentativo di preservare bellezza e memoria sono gli ingredienti del film di Andrea Segre per raccontare la battaglia per Venezia, finora persa ma forse pronta a riemergere. Leggi

In Bosnia Erzegovina si vive come dopo un’apocalisse

Per lo scrittore bosniaco Faruk Šehić nel 1992 cominciò una nuova vita: la sua città fu attaccata dagli estremisti serbi, e lui divenne prima rifugiato, poi combattente. Da allora le sue giornate sono scandite da un altro ritmo. Leggi

L’importanza dei primi giorni di scuola

All’avvio di ogni nuovo anno c’è il bisogno di presentarsi o ripresentarsi agli altri: sperimentare da subito un incontro appassionato con qualche conoscenza o linguaggio può aprire lo sguardo di alunni e insegnanti. Leggi

Migliaia di persone sono ancora bloccate in Afghanistan

I taliban non hanno mantenuto la loro promessa di lasciar partire gli afgani che ne avrebbero diritto. Per costringere il nuovo regime a mantenere gli impegni, la comunità internazionale potrebbe usare la carta dell’accesso ai finanziamenti. Leggi

pubblicità
Beccato!

La giovane Kelis, con l’aiuto dei Neptunes, s’arrabbia tantissimo con il suo uomo fedifrago. Leggi

L’Iraq teme di restare senz’acqua

Alcuni studi dimostrano che un accesso equo alle risorse idriche è fondamentale per la ricostruzione irachena, perché l’acqua è alla base della salute pubblica, della produzione alimentare e di energia. Leggi

Il culto dei Whipping Boy

Il secondo album della band irlandese non ha avuto successo ma oggi è oggetto di culto. Leggi

Il vero motivo per cui ai bambini la scuola non piace

Non è la fatica dello studio a togliere il piacere di entrare in classe, ma il fatto che spesso quella classe è un posto in cui ci si sente soli e ci si annoia. Per questo incoraggiare le amicizie e la condivisione crea benefici a lungo termine. Leggi

Il nuovo governo libanese suscita un comprensibile scetticismo

Najib Mikati, miliardario sunnita, è già stato due volte primo ministro e anche adesso il governo rischia la paralisi per questioni confessionali. Chi ha i mezzi se ne va, ma tre quarti della popolazione vivono sotto la soglia di povertà. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.