La politica estera di Trump è piena di contraddizioni

La svolta diplomatica nei confronti di Pyongyang è di sicuro una cosa positiva. Ma l’ostilità di Trump per l’accordo sul nucleare iraniano potrebbe renderla inutile. Leggi

Il cuore di tenebra della Colombia

Due omicidi che non fanno notizia né per le autorità né per il parroco mostrano che il clima di paura è ancora diffuso in molte zone remote del paese. Leggi

pubblicità
Antimperialisti a metà

Quella parte della sinistra che critica solo la reazione occidentale in Siria all’attacco chimico di Assad ignora le radici del conflitto, scrive un’attivista siriana. Leggi

Immaginazione

“Da voi è arrivato qualcosa che stupisce, scuote le coscienze, rinnega tutto quello che ha reso la nostra società ciò che è oggi”. Leggi

Erdoğan traballa e anticipa il voto

Lo schieramento conservatore si sfalda e il presidente turco vuole accelerare tutto, in un periodo di confusione diplomatica e debolezza economica. Leggi

pubblicità
Il progetto autoritario di Viktor Orbán

Come Vladimir Putin il premier ungherese è ossessionato dalla sovranità, che per i critici significa potere personale assoluto. Orbán, tuttavia, persegue lo scopo con maggiore senso del limite. Leggi

Sympathy for Samarcanda

Dal New Mexico arriva una musica da mercanti di stoffe bulgari, da Roma la risposta italiana ai Black Keys, da Napoli un neo-folk-dark. Leggi

Capre, cavoli e lupi

Di Maio, voce di un foltissimo movimento di sinisdestra, ha pronunciato una frase fino a qualche tempo fa politicamente folle: con la Lega o con il Pd, noi faremo comunque un bel contratto di governo. Leggi

Manuale incompleto di azioni antidemocratiche

Dall’India al Messico, è evidente che le élite al potere non sono disposte a estendere i diritti democratici a tutti. Anzi, li stanno sopprimendo. Leggi

Macron mette in guardia sul rischio  di una guerra civile europea

Il presidente francese è intervenuto davanti al Parlamento europeo chiedendo di difendere le idee e la cultura del continente. Leggi

pubblicità
Precari
Un ricordo di Miloš Forman

Dalla nouvelle vague allo sbarco a Hollywood, il regista di Qualcuno volò sul nido del cuculo ha rappresentato le speranze della generazione degli anni sessanta. Leggi

Quattro dubbi sull’attacco militare alla Siria

I bombardamenti americani, francesi e britannici vanno osservati alla luce del tradizionale e prolungato militarismo americano ed europeo in Medio Oriente. Leggi

L’illusione di essere padroni del tempo

Pensare al tempo usando metafore spaziali crea più ansia del necessario. Leggi

Ipotesi per il futuro della Siria

Per ottenere la pace bisognerebbe trasformare la Siria in una confederazione di cantoni autonomi – come la Svizzera – all’interno di frontiere internazionali immutate. Leggi

pubblicità
Meglio dimenticare

“Dovrei intervistare i tuoi genitori”, ho detto a S, un amico che negli ultimi vent’anni ha vissuto lontano da Israele. Leggi

Un’altra prospettiva

Vorrei andare a trovare un’amica in Ghana con le mie figlie di quattro e nove anni, ma il mio compagno storce il naso. Come lo convinco? Leggi

Psicoanalisi in treno

Per essere creativi dobbiamo espropriarci di quello che crediamo di essere, senza sapere ancora cosa potremmo essere. Conversazione con lo psicoanalista e psicoterapeuta Nicolò Terminio. Leggi

Il panorama internazionale dopo i bombardamenti in Siria

Malgrado gli interrogativi, i bombardamenti occidentali hanno chiarito la situazione spingendo la Turchia e la Russia a prendere le distanze dal regime di Bashar al Assad. Leggi

Lettrici e lettori sono la speranza della Colombia

Per la prima volta i dati nazionali sulla lettura sono positivi. La media sale grazie ai bambini e ai giovani che possono usare biblioteche sperdute come quella di Río Cedro. Leggi

pubblicità