Piero Zardo

È un giornalista di Internazionale. Si occupa delle pagine di cultura: cinema, libri, musica, arte eccetera. Su Twitter: @zardop

Piero Zardo
Excalibur, storie d’altri tempi

Il film di John Boorman è una sintesi a beneficio degli adulti di un racconto popolare amato dai bambini. E sicuramente ha lasciato un’eredità importante. Leggi

City of God, vita e morte nella favela

Il film di Fernando Meirelles prende in prestito qualcosa dal cinema di genere per trovare una voce originale e raccontare un bellissimo romanzo brasiliano. Leggi

pubblicità
Black Christmas, horror di stagione

Il film di Sophia Takal prende di mira, tutti insieme, una serie di stereotipi maschili che vanno dall’insopportabile all’allucinante. Leggi

‘71, problemi a Belfast

Il film di Yann Demange ci porta per ventiquattr’ore a Belfast, nei primi anni della guerra civile. Leggi

Nemico pubblico, sempre una soddisfazione

Il film di Tony Scott solleva alcune questioni ancora irrisolte su privacy e diritti civili. Non è un’opera di denuncia, ma un thriller avvincente che non tradisce mai. Leggi

pubblicità
Mississippi burning. Le radici dell’odio

Il film di Alan Parker è un resoconto quasi epico di come l’America dei Kennedy cercò di combattere l’odio razziale. Senza successo. Leggi

The vast of night, quando c’erano gli ufo

Con qualche virtuosismo e tanti riferimenti, il film di Andrew Patterson ci riporta all’epoca d’oro dei dischi volanti e delle paranoie sugli extraterrestri. Leggi

Honey boy, terapia hollywoodiana

Il protagonista Shia LaBeouf ha scritto il film basandosi sulla sua biografia e interpreta un personaggio ispirato a suo padre. Leggi

La ragazza d’autunno, avanti per forza

Il film del giovane regista russo Kantemir Balagov è uno dei più interessanti arrivati in Italia nel 2020. Leggi

Ex machina, A come Ava o Andromeda

Al centro del thriller di Alex Garland c’è un’androide intelligente, proprio come in un vecchio e affascinante sceneggiato Rai del 1972, A come Andromeda. Leggi

pubblicità
Les girls, l’ultimo musical

Nel film di George Cukor c’è Gene Kelly e ci sono le musiche di Cole Porter. Ma soprattutto c’è Kay Kendall. Leggi

The lovebirds, ma che bella coppia

Il film di Michael Showalter non è particolarmente originale. Ma i due protagonisti, Issa Rae e Kumail Nanjiani, ci possono portare dove vogliono. Leggi

Il grande paese, un grande western

Inutile cercare di imbrogliare le carte. Anche se Gregory Peck è un marinaio, il film di William Wyler è proprio un western. Leggi

Una vita, sottrazione artistica

Il film di Stéphane Brizé è un adattamento del primo romanzo di Guy de Maupassant. Ma non aspettatevi un classico drammone in costume. Leggi

Io la conoscevo bene, troppo fragile

Il film di Antonio Pietrangeli racconta la solitudine di una ragazza di provincia nella Roma del boom economico. Protagonista una Stefania Sandrelli indimenticabile. Leggi

pubblicità
Dillinger è morto, l’ironia è viva

Michel Piccoli è l’interprete perfetto delle idiosincrasie di Marco Ferreri in un film del 1969, che sembra essere stato fatto domani. Leggi

I miserabili, periferia universale

Il film di Ladj Ly descrive con precisione e partecipazione la vita precaria e turbolenta delle banlieues francesi. Leggi

Night moves, le radici del fallimento

Il film di Kelly Reichardt costituisce un piccolo paradosso: probabilmente è andato male al botteghino proprio perché è fatto bene. Leggi

Beastie Boys story, grazie ragazzi

Il documentario di Spike Jonze racconta (dal vivo) i trent’anni di carriera di tre geniali musicisti newyorchesi. Leggi

Il mistero di Sleepy Hollow, libero di splendere

Il film di Tim Burton è forse un altro di quelli che possono essere considerati “minori”. Ma rasenta la perfezione. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.