Pierre Haski

È un giornalista francese, tra i fondatori del sito d’informazione Rue89. Ha una rubrica quotidiana di politica internazionale su radio France Inter, pubblicata ogni mattina sul sito di Internazionale.

Pierre Haski
Nel dialogo con la Russia deve impegnarsi tutta l’Europa

Serve una dimensione transnazionale per affermare un’identità politica europea più forte e indipendente e ridefinire i rapporti di vicinato con la Russia. Leggi

Il mondo è costretto a fare i conti con Donald Trump

Il presidente della prima potenza mondiale è per definizione al centro delle principali vicende globali. Ma Trump ha aggiunto a questa realtà storica il suo tocco personale. Leggi

pubblicità
Che ci fanno in Libia dei missili provenienti dalla Francia?

Il ritrovamento esige delle risposte ufficiali sul reale ruolo ricoperto da Parigi in questo conflitto. Leggi

La diplomazia al lavoro per allentare la tensione tra Iran e Stati Uniti

La decisione di Teheran di arricchire l’uranio oltre i limiti imposti dall’accordo sul nucleare è una sfida a Trump, ma anche il tentativo di smuovere gli altri paesi che avevano aderito al trattato. Leggi

Chi vuole una crisi diplomatica tra Londra e Washington 

Il governo di Theresa May, agli sgoccioli in attesa dell’elezione del prossimo inquilino di Downing street, è al centro di una doppia tempesta. Leggi

pubblicità
Alexis Tsipras salva la Grecia ma perde le elezioni

C’è qualcosa di implacabilmente logico e profondamente ingiusto nella sconfitta di Alexis Tsipras alle elezioni legislative del 7 luglio. Leggi

L’Algeria si prepara a una nuova giornata di sfida al potere

Nel giorno della festa dell’indipendenza, l’opposizione torna in piazza per la ventesima volta, chiedendo un reale cambiamento nel governo. Leggi

Il bombardamento dei migranti in Libia è un crimine di guerra

Il primo sospettato per il raid sul centro di detenzione di Tajura è il generale Haftar. Ma la responsabilità politica è anche dei governi europei, che assistono alla ripresa della guerra in Libia senza intraprendere un’azione comune. Leggi

L’Europa ha finalmente i suoi nuovi dirigenti

La scelta dei posti chiave dell’Unione non è mai stata facile. Il nuovo quartetto avrà il difficile compito di rispettare i nuovi equilibri parlamentari e riconquistare i cittadini al progetto europeo. Leggi

I giovani di Hong Kong allo scontro con il potere cinese

Migliaia di ragazzi della città hanno invaso e occupato il parlamento locale e si sono scontrati con la polizia. Come reagirà Pechino a questa nuova sfida? Leggi

pubblicità
Lo show di Donald Trump in Corea del Nord

In diretta sulle tv di tutto il mondo, il presidente degli Stati Uniti ha varcato la linea simbolica della zona demilitarizzata tra le due Coree. Trump è un genio della diplomazia o un fuoriclasse dello spettacolo? Leggi

Il dibattito sulle nomine ai vertici dell’Unione europea è partito male

Francia e Germania devono smettere di litigare, altrimenti l’Europa rischia di perdere la fiducia dei cittadini e la rilevanza sul piano internazionale. Leggi

Al G20 di Osaka si disegna il mondo di domani

La Cina e gli Stati Uniti domineranno i prossimi decenni – da partner, rivali o nemici giurati – e si preparano a mettersi reciprocamente alla prova. Leggi

Il prevedibile fallimento del piano di Washington per la Palestina

Jared Kushner ha proposto ai palestinesi di rinunciare al loro sogno di uno stato in cambio di denaro. Un prezzo politico che nessun leader palestinese avrebbe mai accettato. Leggi

A Istanbul e altrove, la rivolta contro i populismi nasce nelle città

Le metropoli, più globalizzate e politicizzate, sono maggiormente pronte a ribellarsi quando le sirene populiste non rispondono più alla realtà di un’economia in crisi. Leggi

pubblicità
Tra Teheran e Washington è in corso una nuova forma di guerra

Trump ha ordinato un attacco contro le forze iraniane, anche se non sotto forma di missili: ha scelto un attacco informatico. Leggi

Xi Jinping cerca di imporre una pace cinese in Asia

Resta da capire se il presidente cinese in Corea del Nord cercherà di facilitare un accordo per la denuclearizzazione o invece vuole solo contrastare gli Stati Uniti. Leggi

A Istanbul il partito di Erdoğan rischia una nuova sconfitta

Il 23 giugno si ripeterà il voto nella città turca e sarà un test sulla tenuta dell’islamismo conservatore del presidente, che riafferma la sua deriva autoritaria. Leggi

Otto giorni per fermare la tensione tra Iran e Stati Uniti

Gli europei non hanno i mezzi per opporsi alla strategia di Washington. Restano pochi giorni per convincere Teheran a rinunciare ai suoi propositi sul nucleare. Leggi

Pechino arretra davanti alla mobilitazione di Hong Kong

Centinaia di migliaia di persone continuano a chiedere la piena autonomia del territorio. Il faccia a faccia con il potere semi-imperiale cinese durerà a lungo. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.