Francia

Francia

Capitale
Parigi
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Euro
Superficie
L’attentato a Barcellona dimostra che i jihadisti sono ancora pericolosi

Le operazioni della coalizione internazionale non sono bastate a eliminare il pericolo del gruppo Stato islamico. Leggi

Per la crisi con la Corea del Nord è urgente trovare un mediatore

Chi può contribuire a fermare un ingranaggio bellico? La domanda è urgente in un mondo privo di istituzioni di governo internazionali, collegiali ed efficaci. Leggi

pubblicità
Nuovo braccio di ferro con la Corea del Nord

Per Donald Trump è forte la tentazione di un conflitto causato dal nucleare nordcoreano. Di certo Pechino non resterebbe a guardare. Leggi

I giganti della tecnologia s’inchinano alla Cina

Accettando le richieste del governo cinese, Apple e Amazon danno un duro colpo alla libertà di espressione nel paese. Leggi

In Germania il matrimonio gay ha incontrato pochi ostacoli

Com’era prevedibile, la gerarchia cattolica tedesca non è stata entusiasta quando i legislatori hanno deciso di legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Leggi

pubblicità
I giovani polacchi hanno vinto una battaglia contro i conservatori

Il presidente polacco non ha firmato una contestata riforma istituzionale soprattutto grazie ai giovani scesi in piazza per difendere lo stato di diritto e i valori europei. Leggi

Che fine ha fatto la difesa dei diritti umani

La storia di Liu Xiaobo dimostra che la difesa dei diritti umani è ormai quasi assente dai programmi politici dei paesi che dicono di sostenerla. Leggi

L’invenzione del sud

Il pensiero coloniale ha tracciato una nuova geografia e una nuova cronologia: il sud è primitivo e passato. Il nord rappresenta il progresso e il futuro. Leggi

Una svolta ambientalista per il futuro della Colombia

In Colombia si dovrebbero intraprendere progetti più ambiziosi per stimolare l’uso delle auto elettriche. E difendere meglio il patrimonio forestale. Leggi

La rinascita europea è ancora possibile

L’Unione europea ha saputo affrontare la Brexit, l’avanzata delle destre estreme, l’elezione di Trump e il nazionalismo russo. Ora deve consolidare i suoi successi. Leggi

pubblicità
Trump arriva al G20 senza una politica estera

Nessuno sa più cosa vogliono gli Stati Uniti, il paese da cui dipende in gran parte la stabilità internazionale. Leggi

Il G20 di Amburgo sarà inutile ma resta indispensabile

Il 7 e 8 luglio si incontreranno per la prima volta nuovi e vecchi leader. Il vertice è l’occasione per conoscersi invece di ignorarsi o combattersi. Leggi

La determinazione europea di Simone Veil

Simone Veil incarna la storia degli ebrei europei della sua generazione e dei loro figli, usciti dall’ombra del genocidio decisi a impedire che la barbarie si ripeta. Leggi

L’Europa deve aiutare i sogni democratici del Medio Oriente

Non basta parlare solo con i leader autoritari, ignorando una generazione di giovani che chiedono democrazia. Leggi

Contro i jihadisti in Africa nasce il gruppo dei cinque

Sostenuti dall’Unione europea e dall’Onu, i paesi del Sahel cominciano a coordinare i loro eserciti in una piattaforma comune antijihadista. Leggi

pubblicità
Arles latinoamericana

Il 3 luglio apre Les Rencontres d’Arles, il festival francese di fotografia giunto alla 48ª edizione. Leggi

La Francia e la Russia lavorano a un compromesso in Siria

La diplomazia francese è in contatto con il Cremlino per negoziare la fine della guerra in Siria. Parigi potrebbe convincere l’Unione europea a farsene garante. Leggi

Perché Macron ha invitato Trump a Parigi

Il presidente statunitense sarà ospite a Parigi alla festa nazionale del 14 luglio. Una scommessa coraggiosa e rischiosa per il capo dello stato francese. Leggi

La seconda rivoluzione sessuale è transfemminista

Il nuovo millennio si caratterizza per le lotte trans e intersessuali. Altre estetiche sessuali sono possibili e meritano di essere politicamente accettabili. Leggi

L’amarezza di Hong Kong per le promesse mancate di Pechino

Il 1 luglio 1997 Hong Kong è tornata sotto il controllo cinese. L’accordo con Londra prevedeva una forma di autonomia che non si è mai realizzata. Leggi

pubblicità