France Inter

È una delle più importanti radio pubbliche francesi e fa parte di Radio France.

Cosa ci dicono le rivolte degli operai nella fabbrica cinese degli iPhone

L’esasperazione della popolazione per i continui lockdown e le promesse non mantenute mettono a rischio il contratto sociale nel paese e il dominio cinese come “fabbrica del mondo”. Leggi

Cosa succede se la Russia è definita uno stato promotore del terrorismo

Con la sua risoluzione il parlamento europeo rispetta il proprio ruolo. Tuttavia la questione riguarda l’utilità di questo gesto e le sue conseguenze, ma anche l’opportunità e la necessità di negoziare un giorno la pace con Mosca. Leggi

pubblicità
Kamala Harris nelle Filippine sul fronte della rivalità con la Cina

I paesi del sudest asiatico assistono con preoccupazione all’aumento delle tensioni e alla militarizzazione della zona. E tutti vorrebbero mantenere buoni rapporti sia con Pechino sia con gli Stati Uniti. Leggi

La Moldova nell’occhio del ciclone creato da Mosca

La presidente moldava Maia Sandu è convinta che Putin voglia aprire un nuovo fronte in Moldova. Per allentare la pressione russa chiede aiuto all’Ue, così come l’Uzbekistan, altra repubblica ex sovietica. Leggi

Dove può arrivare la rivolta popolare iraniana?

Dalla guerra civile alla militarizzazione dello stato seguendo il modello pachistano. Gli analisti prefigurano gli scenari futuri per l’Iran, mentre per la vittoria del movimento di protesta servirebbe una rottura degli equilibri attuali. Leggi

pubblicità
In Africa si cerca di disinnescare la guerra per i minerali preziosi

Nella regione dei grandi laghi, dove sono attivi i miliziani dell’M23 e dove si estraggono minerali indispensabili alla transizione ecologica, la tensione tra Repubblica Democratica del Congo e Ruanda sta salendo pericolosamente. Leggi

A Teheran fa comodo incolpare la Francia per la rivolta popolare

Il presidente Macron ha ricevuto quattro giovani iraniane e tanto è bastato per accusare Parigi di essere dietro le proteste per la morte di Mahsa Amini. Intanto si allontana la prospettiva di riportare l’Iran al tavolo del negoziato sul nucleare. Leggi

La Polonia è una vittima collaterale dell’escalation russa

La caduta di un missile in Polonia non sarebbe stata intenzionale e i paesi della Nato si sono riuniti per consultazioni. L’incidente dimostra però quanto sia urgente arrivare a un negoziato che fermi la guerra russa in Ucraina. Leggi

Primi passi di dialogo tra i rivali Joe Biden e Xi Jinping

Al vertice G20 di Bali il presidente degli Stati Uniti e il leader cinese si sono confrontati senza scontrarsi, in particolare escludendo il ricorso alle armi nucleari. Restano però aperti i nodi di Taiwan e della concorrenza commerciale. Leggi

Con la vittoria democratica al senato Biden vola tranquillo al G20 

Alla fine la prevista “ondata rossa” repubblicana non c’è stata, anche se i conservatori potrebbero ottenere una maggioranza risicata alla camera. Biden affronterà rinvigorito il G20, Xi Jinping e la questione degli aiuti all’Ucraina. Leggi

pubblicità
La diplomazia mondiale affronta un clima da logica di guerra

Al prossimo G20 di Bali Putin interverrà solo in videoconferenza. Gli altri capi di stato e di governo potranno parlare di persona della guerra in Ucraina e confrontare le rispettive posizioni riguardo alla Russia e alle sorti del conflitto. Leggi

Il ritiro da Cherson conferma il fallimento della strategia russa

La perdita della città è la conclusione di otto mesi di disastri e avrebbe un valore sia simbolico sia militare. Putin però potrebbe essere ancora pericoloso. Leggi

L’Europa segue con apprensione le elezioni di metà mandato

Una vittoria repubblicana potrebbe aiutare la ricandidatura di Donald Trump alle presidenziali del 2024. E potrebbe implicare un minore coinvolgimento di Washington sia in Ucraina sia nella sicurezza europea. Leggi

Le elezioni di metà mandato nel far west di Elon Musk e Donald Trump

Il nuovo proprietario di Twitter ha invitato gli utenti a votare per i repubblicani confermando i sospetti di chi temeva che potesse usare la piattaforma al servizio della sua visione del mondo, simile a quella delle verità alternative di Trump. Leggi

La Cop27 rischia di nascondere le violazioni dei diritti umani 

La Cop27 delle Nazioni Unite si sta svolgendo in un paese che viola i diritti dei suoi cittadini. Insistere a tenere separata la lotta alla crisi climatica dal rispetto dei diritti umani rende meno credibile ciò che esce dai vertici internazionali. Leggi

pubblicità
Il cancelliere tedesco cerca una terza via in Cina

La Germania ha un rapporto commerciale privilegiato con Pechino, molto simile alla dipendenza energetica dalla Russia che è costata cara a Berlino. Scholz proverà a rimediare e a mostrarsi capace di tenere testa a Xi Jinping. Leggi

Pyongyang lancia missili per farsi prendere sul serio

Kim Jong-un vorrebbe un riconoscimento internazionale dello status di potenza nucleare per il suo paese, o di potenza tout court. Aveva creduto di esserci vicino dopo gli incontri con Trump, ma poi la storia ha preso un’altra piega. Leggi

Una partita piena di bluff sulle esportazioni di cereali ucraini

Bloccando il passaggio nel mar Nero Putin cerca di scaricare la responsabilità della possibile carestia sui paesi occidentali, che a loro volta faticano a spiegare al sud del mondo che le cose stanno diversamente. Leggi

Israele va al voto, dimenticando i palestinesi

La parola “pace” è scomparsa dal vocabolario politico israeliano e non se ne è parlato in campagna elettorale. Ma la situazione di oppressione senza prospettive in cui si trovano i palestinesi porterà presto a una nuova rivolta Leggi

La stentata vittoria di Lula rivela la forza dei populismi 

L’enorme numero di preferenze ottenute da Jair Bolsonaro, nonostante un mandato disastroso, alimenta diversi interrogativi. Anche per le prossime elezioni in Israele e Stati Uniti. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.