France Inter

È una delle più importanti radio pubbliche francesi e fa parte di Radio France.

In Siria Assad non ha ancora vinto

Putin non vuole impantanarsi in Siria, ma non riesce a ottenere risultati nei negoziati perché l’Iran non vuole che Assad abbandoni il potere. Leggi

L’Alabama spaventa Trump e fa sperare i democratici

La sconfitta del repubblicano Roy Moore può dipendere dal candidato o da una crisi generale del partito. Intanto ai democratici torna il sorriso. Leggi

pubblicità
Il regalo avvelenato di Trump agli israeliani

Il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele fa fallire il processo di pace e archivia l’idea di uno spazio palestinese. Leggi

Ora l’Unione europea fa comodo ai calcoli elettorali dei populisti

Nel momento in cui il Regno Unito scende dal treno dell’Unione europea altri sembrano ben felici di salirci e di usarla per rassicurare gli elettori. Leggi

Il ritorno del nazionalismo

Il mondo di oggi fa venire il mal di testa. E il nazionalismo è come un’aspirina che permette di affrontare l’instabilità e l’emergere di nuove potenze. Leggi

pubblicità
Il grande errore di Donald Trump su Gerusalemme

Il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele ha forse compromesso l’accordo di pace basato sulla coesistenza dei due stati. Leggi

Donald Trump usa Gerusalemme per restare alla Casa Bianca

L’annuncio del trasferimento dell’ambasciata statunitense in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme è legato soprattutto all’inchiesta russa. Leggi

Merkel guarda alla Francia per formare il nuovo governo

Emerge la possibilità di una nuova coalizione tra Merkel e i socialdemocratici, mentre la destra moderata cerca di frenare quella estrema radicalizzandosi. Leggi

La Brexit e il Medio Oriente si preparano a svolte cruciali

Il Regno Unito e l’Ue studiano le carte della separazione, lo Yemen affonda nella guerra e nel golfo Persico l’Arabia Saudita rafforza la sua posizione. Leggi

I tweet di Trump distruggono la credibilità di Washington 

Tra gli Stati Uniti e il Regno Unito, due paesi spesso definiti cugini, Trump ha scavato un solco. Ma è niente rispetto a ciò che sta facendo sul fronte interno. Leggi

pubblicità
Martin Schulz potrebbe spingere l’Europa a una svolta 

Angela Merkel deve riuscire a convincere i socialdemocratici a riformare la grande coalizione. Per il leader dell’Spd si apre una stagione complessa. Leggi

Rompicapo nordcoreano

Il 28 novembre c’è stato un nuovo lancio missilistico nordcoreano verso le acque giapponesi. Un gesto di sfida di Pyongyang di fronte a cui il mondo ha reagito con prudenza. Leggi

Quattro idee di Macron per l’Africa

Il presidente francese in viaggio in Africa metterà in evidenza che il continente sta vivendo una rinascita sociale, economica e politica. Leggi

La conferenza di Ginevra potrebbe accelerare l’uscita di scena di Assad 

Il conflitto siriano potrebbe finalmente concludersi perché lo Stato islamico è stato messo all’angolo e, soprattutto, la Russia vuole un ruolo in Medio Oriente. Leggi

L’Ue deve aumentare il dialogo con i paesi dell’Europa orientale

I leader nazionalisti ungheresi e polacchi vicini all’estrema destra attaccano le istituzioni e le capitali europee, ma le loro economie ne hanno troppo bisogno. Leggi

pubblicità
Il dilemma dei socialdemocratici tedeschi

Martin Schultz non vuole riportare il partito in una posizione di minoranza in una coalizione con Angela Merkel. Ma l’interesse nazionale potrebbe prevalere. Leggi

L’Europa è complice nella schiavitù dei migranti

La fuga verso il miraggio europeo dei migranti deriva dalla nostra incapacità di pensare e organizzare una complementarietà economica tra l’Europa e l’Africa. Leggi

La crisi tedesca riflette tutte le stanchezze della democrazia

Per la rifondazione dell’Ue sarebbe stato meglio che le elezioni tedesche di settembre non avessero partorito la ricerca di una maggioranza impossibile. Leggi

Macron ha un piano per il Medio Oriente

La Francia vuole salvare il Libano da un pericoloso vuoto istituzionale. E vorrebbe abbassare la tensione regionale, già alta, tra l’Arabia Saudita e l’Iran. Leggi

La storia di Robert Mugabe, da eroe africano a dittatore patetico

Il 16 novembre l’esercito ha assunto il controllo dello Zimbabwe. I militari vogliono da Mugabe dimissioni che il presidente continua a negare. Leggi

pubblicità