Tecnologia

La tecnologia sta cambiando la società e le nostre abitudini quotidiane, dal modo in cui leggiamo le notizie a quello in cui ci spostiamo da un posto all’altro.

Programmatori che programmano il loro licenziamento

Cosa succede quando un dipendente automatizza completamente il suo lavoro. Leggi

Se ci sentiamo sempre occupati è per via del lavoro ombra

L’automazione avrebbe dovuto eliminare i lavori noiosi. Ma in realtà ha fatto aumentare quelli che facciamo gratis. Leggi

pubblicità
Dovremmo uscire dai social network?

Quando siamo dipendenti da qualcosa, siamo più propensi ad ascoltare gli argomenti che ci spingono a mantenere quella dipendenza. Leggi

La nuova guerra fredda corre sulla rete telefonica

Lo smartphone è diventato uno degli oggetti più familiari del mondo. Dietro questa banalità si cela però una battaglia per l’influenza che la dice lunga sui nuovi rapporti di forza internazionali. Leggi

Intelligenza

Nei prossimi cent’anni gli esseri umani cambieranno più di quanto siano cambiati nel corso di tutta la storia dell’umanità. Leggi

pubblicità
Come resistere alla Silicon valley

Le grandi aziende tecnologiche sono dispiaciute per i troll, le notizie false, i dati rubati. Ma propongono soluzioni inefficaci. Ben Tarnoff e Moira Weigel ne parleranno al festival di Internazionale. Leggi

Fotografie dal futuro

Quest’anno il festival BredaPhoto si interroga sui limiti e le possibilità del progresso scientifico e tecnologico. Leggi

Il futuro dell’intelligenza artificiale si decide in Cina

Pechino ha accesso al materiale più prezioso per lo sviluppo tecnologico: i dati dei suoi 800 milioni di cittadini. Leggi

Come i droni stanno ridisegnando le città

“Ora che i droni sono nelle mani di tutti, ci accorgiamo che sono uno strumento rivoluzionario quanto internet”, dice l’architetto Liam Young. E già influenzano il modo in cui urbanisti e progettisti stanno ripensando i centri urbani. Leggi

Il nemico invisibile della privacy

Molte persone pensano che il loro smartphone registri segretamente le conversazioni per poi passarle a Facebook e Google. In parte è vero. Leggi

pubblicità
Usiamo il telefono per evitare di stare con noi stessi

“Consultiamo il telefono anziché noi stessi”, dice Alain de Botton. “Dovremmo passare più tempo con le nostre preoccupazioni”. Leggi

Velocità

Quali delle novità che oggi ci sbalordiscono o spaventano faranno sorridere tra centocinquant’anni i viaggiatori e le viaggiatrici? Leggi

Quanti punti esclamativi servono per trasmettere entusiasmo

Se nel testo di un’email c’è un punto esclamativo alla fine di ogni frase, ne servono due per esprimere entusiasmo. O tre. O quattro. O più. Leggi

Mi presti il tuo trattore?

La sharing economy non vive di sola condivisione di auto e case. In India c’è un’applicazione che aiuta i piccoli agricoltori. Leggi

Chi curerà la nostra dipendenza dal telefono?

Non affidate ai colossi della tecnologia il compito di gestire il vostro tempo e la vostra attenzione. Leggi

pubblicità
I videogiochi non sono una malattia

Un uso eccessivo dei videogiochi può essere sintomo di disturbi mentali già esistenti. Ma bisogna affrontare i fattori sociali, politici ed economici che spingono le persone ad abusi di sostanze e situazioni. Leggi

L’avanguardia del ciberattivismo africano

Corruzione, meritocrazia, trasparenza: i giovani del continente chiedono ai loro leader di essere più responsabili e attenti ai bisogni dei cittadini. La battaglia civile è nata sul web e ora punta a trasferirsi sul terreno. Leggi

Uscire

L’informatico statunitense Jaron Lanier propone di uscire dai social network per riprendere il controllo del nostro tempo e delle nostre vite. Leggi

La libertà di internet è a rischio

Il Parlamento europeo sta per votare una riforma del diritto d’autore che potrebbe influenzare significativamente la vita online di milioni di cittadini. Leggi

Restiamo umani, al resto ci pensa l’intelligenza artificiale

Perché Gmail non può scrivere vere e proprie lettere per raccontare ai nostri amici lontani quello che stiamo facendo? Leggi

pubblicità