Tecnologia

La tecnologia sta cambiando la società e le nostre abitudini quotidiane, dal modo in cui leggiamo le notizie a quello in cui ci spostiamo da un posto all’altro.

Nessuno risponde più al telefono

Fino a poco tempo fa ignorare una telefonata era considerato un gesto da maleducati. Poi sono arrivate le emoji, la comunicazione asincrona e le telefonate robotizzate. Leggi

Un mondo di programmatrici

Oggi nel settore della tecnologia solo un lavoro su cinque è svolto da una donna. Per combattere questo divario alcuni paesi, dalla Tanzania al Perù, hanno avviato progetti per insegnare alle donne a programmare. Leggi

pubblicità
Il futuro della tecnologia è in Cina

Le startup sono diventate una caratteristica delle più importanti città cinesi, proprio come il traffico o lo smog. Leggi

L’intelligenza artificiale apre l’Archivio segreto vaticano

È uno degli archivi storici più vasti del mondo, ma è difficile da consultare. Un nuovo progetto di ricerca dell’Università di Roma Tre potrebbe risolvere il problema. Leggi

Il mondo che Facebook vuole costruire

L’azienda sta accelerando il processo di fusione tra la nostra identità digitale e quella fisica. Leggi

pubblicità
L’illusione di essere speciali

C’è un motivo se internet ci conosce meglio di quanto pensiamo: è che siamo molto più normali di quanto ci rendiamo conto di essere. Leggi

Mobilitazione

Questa è la storia di un dirottamento. All’inizio ci sono gli hippy, il pacifismo, la controcultura. Poi succede che le libertà individuali incontrano il mercato senza regole. Leggi

Le città intelligenti non esistono

Le città del futuro non saranno più efficienti, verdi e sostenibili. Saranno il terreno di scontro tra i giganti del web per accaparrarsi le infrastrutture digitali. Leggi

L’Europa è all’avanguardia nella protezione dei nostri dati

L’idea che si fa strada in tutto il mondo è quella di nuove regole sulla privacy. Una cosa che è stata percepita come un capriccio europeo, ma che ora è vista come indispensabile anche negli Stati Uniti. Leggi

Quanto e come siamo prevedibili?

Lo siamo molto di più di quanto ci piaccia pensare, perché i grandi numeri, la potenza di calcolo e gli algoritmi permettono di andare davvero per il sottile. Leggi

pubblicità
Scusa se ti rispondo in ritardo

Per scrivere un’email o un messaggio di testo ci vogliono pochi secondi, ma spesso preferiamo ignorarli. Leggi

Programmare è un gioco da ragazze

Girls who code è un libro per ragazze che vogliono imparare le basi della programmazione. Così un giorno potranno costruire un sistema di luci e suoni interattivi per una recita scolastica. Leggi

Il gioco delle mucche che raccoglieva dati su Facebook

Lo scandalo Cambridge Analytica ha rivelato che l’azienda usava per scopi non autorizzati i dati di milioni di utenti di Facebook. Ma anche la più innocente delle app creata su Facebook raccoglie enormi quantità di dati personali. Leggi

Approfondire

Lo scandalo di Cambridge Analytica e Facebook non sarebbe esistito senza una serie di profondi cambiamenti avvenuti negli ultimi anni. Leggi

Riprendiamoci i nostri dati

Il problema è più grande di Facebook e Cambridge Analytica. Le due aziende sono semplicemente parte di un sistema enorme. Leggi

pubblicità
Internet ha bisogno di nuove regole

Mark Zuckerberg pensa che il mondo sia un posto migliore senza la privacy. Ma si sbaglia. Leggi

Disintossicarsi

È diventato un genere letterario: il giornalista che cerca di stare senza il suo smartphone per un po’ e poi racconta com’è andata. Leggi

Come nasce l’inchiesta su Cambridge Analytica?

Dalla raccolta dei dati tra gli utenti dei social network alla campagna elettorale di Donald Trump. L’origine dell’inchiesta che fa paura a Facebook. Leggi

La politica ai tempi di Facebook

Cambridge Analytica è accusata di aver usato i dati di 50 milioni di utenti Facebook per influenzare la campagna di Trump e quella per la Brexit. Dall’archivio di Internazionale una delle prime inchieste sull’azienda che raccoglie dati online. Leggi

Le notizie false hanno sempre la meglio su quelle vere

Raggiungono più persone e si diffondono più rapidamente su Twitter: le conclusioni di uno studio pubblicato su Science. Leggi

pubblicità