PETRAS MALUKAS, AFP/Getty Images

Unione europea

Dopo lunghe polemiche sull’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera (Frontex), il 28 aprile il suo direttore esecutivo Fabrice Leggeri ( nella foto ) ha rassegnato le dimissioni. Secondo un’inchiesta del consorzio giornalistico Lighthouse reports, a partire dal 2020 l’agenzia ha aiutato regolarmente la guardia costiera greca a respingere i migranti provenienti dalla Turchia prima che potessero fare richiesta d’asilo. L’ufficio antifrode dell’Unione europea (Olaf) aveva aperto un’indagine sul direttore e sui suoi collaboratori, e il parlamento europeo aveva congelato una parte dei fondi dell’agenzia. Leggeri ha sempre negato le accuse, ma poco prima delle sue dimissioni Light­house reports aveva pubblicato nuovi documenti da cui emerge che l’agenzia era a conoscenza dei respingimenti illegali nel mar Egeo e che i suoi rapporti interni erano stati manipolati per nascondere il coinvolgimento dei suoi agenti.

Questo articolo è uscito sul numero 1459 di Internazionale, a pagina 24. Compra questo numero | Abbonati