Edsaul Mendoza, un ex poliziotto di Filadelfia, è stato incriminato per l’omicidio di Thomas Siderio, un ragazzo di dodici anni, avvenuto all’inizio di marzo. La polizia aveva fermato Siderio e un suo amico nell’ambito di un’indagine su una pistola rubata. A un certo punto era partito uno sparo contro la macchina degli agenti. Siderio aveva provato a scappare e Mendoza lo aveva inseguito. “Secondo l’accusa, che dice di essere in possesso di un video, il ragazzo aveva lasciato cadere la pistola e il poliziotto sapeva che era disarmato quando ha sparato il colpo che lo ha ucciso”, scrive Npr. Subito dopo la morte di Siderio, il dipartimento di polizia ha licenziato Mendoza sostenendo che l’agente ha violato le regole sull’uso della forza.

Questo articolo è uscito sul numero 1459 di Internazionale, a pagina 30. Compra questo numero | Abbonati