01 ottobre 2020 14:46
  • Dall’inizio della pandemia si discute di test: quale tipo va fatto, a chi, ogni quanto e quando, scrive Science. Ora c’è un nuovo dibattito tra epidemiologi ed esperti. Secondo alcuni, oltre a segnalare se una persona è positiva, i test dovrebbero indicare anche il valore chiamato cycle threshold, che misura la carica virale di una persona infetta. Chi sostiene la necessità di segnalare questo valore fa riferimento a una nuova ricerca che potrebbe aiutare i medici a individuare i pazienti più a rischio di sviluppare una forma grave di covid-19. Inoltre la carica virale aiuta a capire il tasso di contagiosità del paziente, provvedendo o meno a isolarlo.
  • In Spagna i cittadini di Madrid non potranno lasciare la città, tranne che per spostamenti essenziali, e i confini della capitale saranno chiusi agli estranei. Il governo spagnolo l’ha deciso nella serata del 30 settembre: Madrid e altre nove città della sua area metropolitana piombano in un nuovo confinamento. “La salute di Madrid è la salute della Spagna”, ha detto il ministro della salute, Salvador Illa, in una conferenza stampa per annunciare le nuove regole, che dovrebbero entrare in vigore nei prossimi giorni. I cittadini saranno autorizzati ad attraversare i confini comunali per andare a lavorare o a scuola, dal medico o a fare la spesa, per il resto dovranno rimanere all’interno della città. Bar e ristoranti chiuderanno alle 23, cancelli serrati per parchi pubblici e campi da gioco. Gli incontri sociali saranno limitati a sei persone. La regione di Madrid rappresenta più di un terzo dei 133.604 casi diagnosticati in Spagna nelle ultime due settimane. Nella capitale ci sono 735 casi ogni 100mila persone, è il tasso di concentrazione più alto in Europa.
  • Nell’Ile-de-France la situazione potrebbe peggiorare ancora, scrive Le Monde. La regione di Parigi vede peggiorare costantemente gli indicatori epidemici e il 29 settembre il tasso di incidenza ha superato i 250 positivi per 100mila abitanti, arrivando a quota 259. Nella mattinata del 30 settembre il primo ministro, Jean Castex, ha ricevuto i sindaci di Parigi, Lione, Lille e Grenoble per discutere “eventuali adattamenti” alle misure restrittive. Ma il rischio per la capitale è di vedere aumentate ancora le restrizioni, passando dalla chiusura dei bar alle 22 alla chiusura totale, come già successo ad Aix e a Marsiglia.
  • Parte della nostra eredità genetica proveniente dai neandertal potrebbe spiegare alcune forme gravi di covid-19, scrive Le Monde. Secondo uno studio di Svante Pääbo (Istituto Max-Planck di antropologia evoluzionistica di Lipsia) e Hugo Zeberg (Istituto Karolinska di Stoccolma) pubblicato su Nature, le persone portatrici di un frammento cromosomico identico a quello trovato su diversi fossili di neandertal presentano un rischio triplo di sviluppare una grave malattia respiratoria se contraggono il covid-19. Questa variante è presente nel 50 per cento della popolazione dell’Asia meridionale, nel 16 per cento di quella europea, ma è quasi assente in Africa.
  • Le forze di sicurezza federali russe, responsabili della protezione del presidente Vladimir Putin, hanno costruito una “bolla antivirus” intorno al numero uno del Cremlino, scrive il New York Times. La maggior parte degli altri leader internazionali non ha adottato misure così drastiche. I giornalisti russi che si occupano della presidenza non lo avvicinano da marzo, mentre le poche persone che lo incontrano faccia a faccia devono prima passare due settimane in quarantena. Il presidente, che ha 67 anni, incontra gli alti funzionari in videoconferenza dalla sua residenza fuori Mosca, che è stata dotata di un tunnel disinfettante. Nonostante tutte le precauzioni che prende, Putin e il suo governo dichiarano da mesi di aver sconfitto il virus.
  • Un gruppo di ricercatori sta studiando un metodo per usare la voce delle persone per diagnosticare infezioni da covid-19, demenza, depressione e altre patologie, scrive Nature. Vocalis Health, start-up con uffici in Israele e negli Stati Uniti, ha chiesto a malati di covid-19 di aprire l’app ogni giorno e parlare al telefono, prima descrivendo un’immagine e poi contando da 50 a 70. L’azienda ha raccolto migliaia di campioni, di malati e non, nel tentativo di identificare un’impronta vocale della malattia. Oggi Vocalis sta testando lo strumento in tutto il mondo. Questa tecnologia, basata sull’intelligenza artificiale, non permette una vera diagnosi, ma potrebbe aiutare i medici. L’azienda israeliana non è l’unica alla ricerca di biomarcatori vocali del covid, ci sono almeno altri tre gruppi che lavorano ad algoritmi simili. Björn Schuller, responsabile di uno degli studi, sostiene: “In futuro, il tuo robot, il tuo Siri, il tuo Alexa diranno: ‘Ehi, hai il raffreddore’”.
pubblicità
  • Il primo ministro tailandese Prayut Chan-o-cha ha prorogato di un mese lo stato di emergenza in tutto il paese. In questo modo il governo può gestire più velocemente le misure di controllo e programmare una graduale ripresa per il settore turistico. Lo stato di calamità era stato imposto a marzo, quando i casi di covid-19 avevano superato i mille. Oggi in Thailandia la diffusione del virus è sotto controllo, i casi positivi registrati sono 3.569 e i decessi 59. Ma l’impatto economico del covid-19 sul turismo, che costituisce i due terzi delle entrate del paese, è stato devastante. A causa della pandemia le entrate provenienti dal settore sono calate del 99 per cento rispetto al 2019. Per questo il governo ha approvato la ripresa dei voli internazionali da ottobre. Sarà concesso un numero limitato di visti, ma i turisti dovranno pagare un’assicurazione sanitaria per almeno centomila dollari, viaggiare con voli charter o privati, sottoporsi al tampone e alla quarantena obbligatoria una volta arrivati nel paese.