Internazionale

mercoledì 23 aprile 2014 aggiornato alle 23.30

Ethical living

Banche più etiche

  • 27 febbraio 2012
  • 15.14

“C’è un’alternativa alle banche non etiche”, scrive il Guardian. Non contente di aver quasi fatto crollare il sistema finanziario globale e di aver provocato una recessione, scrive il quotidiano, molte delle grandi banche stanno ancora distribuendo bonus spropositati ai loro manager. Un’alternativa per i consumatori potrebbe essere quella di aderire a campagne come Move your money (Sposta i tuoi soldi), che invitano a chiudere i propri conti correnti e ad aprirne altri in banche più “scrupolose”. Ma quali sono gli istituti etici?

Il Guardian stila una lista delle possibili alternative in Gran Bretagna, come le credit union e le building society. Questi istituti hanno una struttura proprietaria di tipo cooperativo e offrono in genere i prodotti più comuni, come conti correnti, di deposito e mutui. Alcune società si impegnano a non investire nel settore degli armamenti, dei prodotti trans­genici e dei test sugli animali. Altre, non avendo né azioni né azionisti, reinvestono gli utili in condizioni più favorevoli per creditori e debitori.

Una banca è stata classificata come charity, una condizione simile alle onlus italiane, e investe solo in altre onlus, gruppi di volontariato e iniziative sociali, mentre un’altra si è specializzata in prestiti a favore del commercio equo e solidale, nella produzione biologica e nelle energie rinnovabili. La campagna ha riscosso grande interesse tra i lettori del Guardian, ma anche qualche critica, come quelle sulle condizioni di alcune di queste banche, meno favorevoli di quelle commerciali.

Internazionale, numero 937, 24 febbraio 2012

Leggi anche

Commenti

In copertina

In nome dei soldi

In nome dei soldi

Sempre più spesso le multinazionali portano in tribunale gli stati. Vogliono leggi che non ostacolino i loro affari o risarcimenti miliardari. E vincono sempre

Ultime notizie

Ultimi articoli