Ultim’ora
Sei persone trovate vive sotto la valanga nell’hotel Rigopiano, dice l’Ansa
 
  •    

Il mondo adesso

Donald Trump ha firmato un decreto in cui ritira gli Stati Uniti dal Tpp. Come aveva annunciato, il presidente degli Stati Uniti ha firmato un decreto esecutivo per far uscire formalmente il paese dal Trattato transpacifico (Tpp). Non è l’unico decreto firmato da Trump nel suo primo giorno di lavoro effettivo alla Casa Bianca. Il presidente ha anche tagliato i fondi a organizzazioni non governative che praticano aborti al di fuori degli Stati Uniti e bloccato le assunzioni nell’amministrazione federale.
Si è conclusa la prima giornata di negoziati per la pace in Siria. Il primo giorno dei colloqui di pace che si svolgono ad Astana, in Kazakistan, tra i rappresentanti del governo e quelli dei ribelli siriani, non ha portato a nessun risultato di rilievo. Il clima è stato teso ed entrambe le delegazioni hanno affermato che non si è fatto nessun passo avanti nel tentativo di rendere più stabile la tregua in corso.
L’Egitto accetta l’invio di esperti italiani nel paese per le indagini sulla morte di Giulio Regeni. Il procuratore generale egiziano, Nabil Ahmed Sadek, ha accettato la richiesta della procura italiana di inviare al Cairo esperti italiani ed esperti di un’azienda tedesca specializzata nel recupero dei dati delle telecamere di sorveglianza per analizzare le immagini registrate alla stazione della metro nella zona di Dokki, al Cairo, dove Giulio Regeni fu visto il 25 gennaio 2016, prima di scomparire. Una televisione egiziana ha diffuso un video in cui Regeni parla con il presidente del sindacato dei venditori ambulanti egiziani, Mohamed Abdallah. Il giovane ricercatore italiano è stato trovato morto con segni di tortura il 3 febbraio 2016 a Giza, alla periferia del Cairo.
pubblicità
Estratto un altro corpo dalle macerie dell’hotel Rigopiano. Con l’estrazione del corpo di una donna, nel pomeriggio, è salito a sette il bilancio delle vittime della valanga che il 18 gennaio ha travolto l’hotel Rigopiano di Farindola, in provincia di Pescara. Ventidue le persone che risultano ancora disperse. I soccorritori non disperano di trovare altri superstiti.
Spariti 11 milioni di dollari dopo che il presidente del Gambia ha lasciato il paese. Il 21 gennaio il presidente Yahya Jammeh, in carica da 22 anni, aveva accettato di andare in esilio dopo le pressioni fatte dal Senegal e da altri quattro paesi dell’Africa occidentale, che avevano minacciato un intervento armato. Un consigliere del nuovo presidente Adama Barrow, vincitore delle elezioni del 1 dicembre, ha dichiarato che nelle casse del governo mancano undici milioni di dollari. Secondo alcune testimonianze, auto di lusso e altri oggetti sono stati caricati su un aereo proveniente dal Ciad la notte che Jammeh ha lasciato il paese.
Benoît Hamon in testa al primo turno delle primarie dei socialisti in Francia. L’ex ministro dell’istruzione, rappresentante della corrente più radicale del Ps, ha vinto il primo turno con il 36,3 per cento dei voti e affronterà al ballottaggio l’ex premier Manuel Valls, fermo al 31,1 per cento. Lo hanno rivelato dati provvisori diffusi nella notte, basati sullo scrutinio dell’80 per cento dei seggi. Il terzo classificato, Arnaud Montebourg, ha già espresso il suo sostegno a Hamon per il secondo turno. Bassa l’affluenza: i votanti sono stati 1,56 milioni.
Studenti si preparano per esibirsi in una danza tradizionale fuori da un tempio buddista a Colombo, Sri Lanka.
Michelle O’Neill è il nuovo leader dello Sinn Féin in Irlanda del Nord. O’Neill, 40 anni, succede a Martin McGuinness, ed è la prima volta che alla guida del partito nazionalista dell’Irlanda del Nord c’è qualcuno non direttamente coinvolto con il conflitto che per decenni ha opposto unionisti e repubblicani. McGuinness ha deciso di abbandonare la politica dopo la recente crisi di governo, ma tra le sue motivazioni ci sono anche le sue condizioni di salute. Sarà quindi Michelle O’Neill a guidare lo Sinn Féin alle prossime elezioni anticipate, previste per il marzo del 2017.
Amsterdam ospiterà il primo cimitero per scopi scientifici in Europa. Il sito olandese, che dovrebbe essere aperto entro la fine di quest’anno, permetterà lo studio della decomposizione dei cadaveri in condizioni naturali. I corpi, donati alla scienza, verranno seppelliti insieme a strumenti per l’analisi chimica. Sei siti simili sono già stati aperti negli Stati Uniti e uno in Australia. Secondo i ricercatori, è importante studiare i fattori locali che influenzano la decomposizione, come i batteri del suolo.
L’Europol ha sequestrato migliaia di opere d’arte e reperti archeologici rubati. La forza di polizia europea ha reso noti i risultati dell’operazione Pandora, indagine condotta dagli uffici cipriota e spagnolo dell’Europol. Tra i mesi di ottobre e novembre del 2016, l’operazione ha condotto al sequestro di 3.561 oggetti tra opere d’arte e reperti archeologici ritenuti di grande valore culturale, all’arresto di 75 persone e all’apertura di una novantina di nuove indagini.
NUOVE NOTIZIE

IN PRIMO PIANO
NUOVE NOTIZIE

  • 23 Gen 2017 20.01

Le foto del giorno

Dalla fitta nebbia a Londra che ha costretto le autorità a cancellare molti voli sulla città agli incendi che hanno distrutto più di 35mila ettari di foreste in Cile: ventiquattr’ore in immagini. Leggi

  • 23 Gen 2017 19.20

Il Maestro che ha raccolto la musica dell’Olocausto

Maestro è un documentario che ricostruisce la storia di Francesco Lotoro, musicologo e pianista, che ha dedicato più di vent’anni a rintracciare, recuperare, trascrivere, eseguire e registrare la musica composta dalle vittime dei campi di concentramento e di sterminio durante la seconda guerra mondiale. Leggi

pubblicità
  • 23 Gen 2017 18.45

L’emergenza incendi in Cile

Un incendio a Pumanque, a sud di Santiago, in Cile. Il governo cileno ha dichiarato lo stato d’emergenza in alcune zone del paese a causa degli incendi che hanno distrutto oltre 35mila ettari di foreste.
  • 23 Gen 2017 18.35

Al fianco dei beduini

Il 18 gennaio il conduttore del radiogiornale israeliano aveva la voce solenne riservata alle tragedie nazionali. Ha annunciato “gravi scontri a Umm al Hiran” e ha detto che Ayman Oudeh, leader della Lista congiunta (sinistra e partiti arabi), era stato ferito. Sono rimasta sorpresa. Da quando il ferimento di un arabo, anche se membro della knesset, ha un impatto simile sul tono di voce di un conduttore? Leggi

  • 23 Gen 2017 17.51

Prospettive americane

Il lavoro di Joel Sternfeld è già considerato un classico della storia della fotografia documentaria e a colori. Il suo ritratto degli Stati Uniti negli anni ottanta è visto come il proseguimento dell’opera di Walker Evans e Robert Frank. Ma anche come un’opera che ha influenzato autori contemporanei tra cui Stephen Shore e William Eggleston. Leggi

pubblicità
  • 23 Gen 2017 17.34

I ferrovieri francesi boicottano la caccia ai migranti a Ventimiglia

Il ripristino dei controlli alla frontiera italiana uccide: cinque morti dall’agosto del 2016, di cui uno sulla ferrovia tra Ventimiglia e Nizza. In due comunicati, la Società nazionale delle ferrovie francesi (Sncf) chiede ai ferrovieri della regione Paca (Provenza-Alpi-Costa Azzurra) di segnalare i gruppi di migranti a bordo dei treni. E di rispedire in Italia i quelli arrestati nell’arco della giornata. Molti ferrovieri rifiutano di farlo. Leggi

  • 23 Gen 2017 17.17
  • 23 Gen 2017 16.10

In America Latina fare il prete significa rischiare la vita

Rapimenti, aggressioni, torture, estorsioni, omicidi: la violenza dilaga nella vita quotidiana di molti paesi latinoamericani. E mentre la criminalità organizzata estende il suo dominio, anche la vita dei sacerdoti è sempre più a rischio. Leggi

  • 23 Gen 2017 15.43

Post-verità

Quando la fonte della notizia è Larepubblicadellasera.it un controllino su Google news è meglio farlo. Leggi

  • 23 Gen 2017 15.26

Sotto il sole dell’Etiopia

Una donna passeggia nella zona di Adigrat, in Etiopia. Il ministero della cultura e del turismo etiope ha dichiarato che tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017 è aumentato il numero di turisti che visitano il paese.
pubblicità
  • 23 Gen 2017 14.30

Quali sono i punti della legge elettorale al vaglio della consulta

Il 24 gennaio la corte costituzionale si esprimerà sulla legittimità costituzionale della legge elettorale cosiddetta Italicum. Le motivazioni della sentenza della corte saranno depositate tra il 15 e il 28 febbraio, ed è probabile che la consulta chieda al parlamento di approvare una nuova legge elettorale che recepisca le sue indicazioni. Premio di maggioranza, ballottaggio, capolista bloccati sono i punti che potrebbero essere dichiarati incostituzionali. Leggi

  • 23 Gen 2017 13.58

Il Gambia festeggia la partenza di Jammeh e aspetta il nuovo presidente

Il 21 gennaio l’ex presidente Yahya Jammeh ha ceduto alle pressioni della Comunità degli stati dell’Africa occidentale (Cédéao) e dell’Unione africana, prendendo un aereo per trasferirsi con la famiglia in Guinea Equatoriale. Leggi

  • 23 Gen 2017 13.19

La marcia delle donne contro Trump

Centinaia di migliaia di donne hanno marciato a Washington Dc e in 161 città di tutto il mondo per promuovere i diritti delle donne, degli immigrati, dei disabili e della comunità Lgbtqia. Leggi

  • 23 Gen 2017 12.52

Donald Trump e l’ossessione del perdente

Un curioso articolo del Washington Post conta le volte in cui Donald Trump, twittando, usa la parola “loser” (perdente): ne registra 170 a fine settembre 2016. Mentre scrivo, il Trump Twitter Archive segna “loser” come il primo degli insulti ricorrenti, con 234 occorrenze. Seguono “dumb” o “dummy” (scemo, idiota), “terrible” (terribile, orrendo), “stupid” (stupido) e “weak” (debole, fiacco). A meno che qualcuno degli assistenti non strappi il telefonino dalle mani di Trump, immagino che i numeri cresceranno. Leggi

  • 23 Gen 2017 12.29

A casa per il capodanno

Passeggeri attendono la partenza di un treno da Pechino che li porterà nelle città natali per festeggiare il capodanno lunare con le loro famiglie. Quest’anno il capodanno sarà il 28 gennaio.
pubblicità
  • 23 Gen 2017 11.45

Cinque blogger nel mirino dei servizi segreti pachistani

A gennaio in Pakistan sono scomparsi cinque professori e attivisti per i diritti umani che avevano condannato l’operato dell’esercito. Molti pensano che siano stati rapiti dai servizi segreti. Nel paese c’è sempre meno tolleranza verso chi esprime opinioni critiche verso le autorità. Leggi

  • 23 Gen 2017 11.21

L’agenda della settimana

I colloqui di pace sulla Siria, la sentenza della consulta sull’Italicum, il parere della corte suprema britannica sulla Brexit, i vertici sull’economia in Europa, il vertice dell’Unione africana a Addis Abeba: cosa succede questa settimana nel mondo. Leggi

  • 23 Gen 2017 10.47

Il medico siriano che cura i migranti nel gelo di Belgrado

In Serbia ci sono circa ottomila profughi, di cui l’80 per cento vive in strutture informali. Il pediatra di origini siriane Yasser Mohamad Hawari cura i migranti che vivono in condizioni difficili in un deposito a Belgrado, dove le temperature spesso arrivano a venti gradi sotto zero. Il reportage di Cosimo Caridi e Stefano Bertolino. Leggi

  • 23 Gen 2017 09.49

L’ambiziosa scommessa siriana di Vladimir Putin

Il negoziato non si svolge a Mosca, ma è comunque Vladimir Putin ad averlo organizzato. La trattativa sulla Siria che si apre oggi ad Astana, capitale del Kazakistan, immenso paese dell’Asia centrale alleato della Russia, era infatti stata annunciata alla fine di dicembre dal presidente russo, sulla scia della conquista di Aleppo. Leggi

  • 23 Gen 2017 08.33

I titoli dei quotidiani di oggi

  • Corriere della Sera: “Sisma, neve: 10 miliardi di danni”
  • La Repubblica: “Allarma sul pericolo scosse. Si svuotano le dighe abruzzesi”
  • La Stampa: “Prodi: apriamo a Mosca anticipando Trump. Berlusconi: l’Ue si muova”
  • Il Messaggero: “Allarme ignorato, c’è un nome”
  • Il Sole 24 Ore: “Iva, Iri, bilanci: le spine del fisco”
  • Il Fatto Quotidiano: “Ignorato l’allarme valanga”
  • Libero: “Salveremo i terremotati nel 2047”
  • Il Giornale: “Giudici, burocrati e diplomatici più soldi solo per loro”