Igiaba Scego

È una scrittrice italosomala. Collabora con Internazionale e il manifesto. Il suo ultimo libro pubblicato in Italia è Adua.

Igiaba Scego
Storie di sgomberi e colonialismo in piazza Indipendenza a Roma

Lo sgombero con gli idranti è solo l’ultimo episodio in cui questa piazza è protagonista. Qui si sono intrecciate le prime migrazioni dal Corno d’Africa e la storia del colonialismo italiano. Leggi

Piccoli stravolgimenti in vista delle elezioni amministrative

Immigrati e figli di immigrati stanno cambiando lentamente la politica italiana. I protagonisti alle elezioni dell’11 giugno. Leggi

pubblicità
I libri che smontano il mito del colonialismo buono degli italiani

I’m not your negro di Raoul Peck è basato su un inedito di James Baldwin e ripercorre con intelligenza e sentimento la stagione afroamericana delle lotte per i diritti civili. Uscendo dalla proiezione mi chiedo quanti in sala conoscessero la storia del colonialismo italiano, dei suoi crimini e dei suoi paradossi. La risposta è nei lavori di autori e autrici di origine migrante e italiani di nuova generazione che permettono di fare i conti con una storia di razzismo coloniale che è capace di ripresentarsi con nuove parole nell’Europa contemporanea. Leggi

Giro d’Italia in mille e più santi

Don Savino quasi non credeva ai suoi occhi. Aveva tra le mani la più sacra reliquia di Amatrice, il cameo della Madonna di Filetta, patrona del paese e delle frazioni vicine. L’effige era stata recuperata tra le macerie della chiesa di Sant’Agostino dopo il terremoto. Il paese non c’era più, ma lei, la piccola reliquia, era lì. Quell’immagine non era solo un simbolo religioso, ma anche un simbolo che racchiudeva le passioni e i pensieri più profondi della collettività. Ed è proprio di questa religione popolare che parla Lascia stare i santi, l’ultimo lavoro del regista Gianfranco Pannone. Leggi

Gli afroeuropei e l’invenzione del colore della pelle

Afroeuropei, che parola strana, non so bene come collocarla. Non so bene nemmeno cosa significhi. Mi sembra un ossimoro, mettere insieme Europa e Africa nella stessa parola. Mettere insieme la loro relazione tormentata e caotica. Ma in fondo Europa e Africa convivono in noi. Leggi

pubblicità
La chiusura delle frontiere è sempre un passo indietro per tutti

Mesi fa ho ricevuto una mail da un’università americana che mi invitava negli Stati Uniti per due settimane e mi assegnava una borsa di studio per scrittori. Poi è arrivato Donald Trump. E dopo di lui il muslim ban. Leggi

Il terrorismo si previene anche con una politica seria sull’immigrazione

Guardo le foto segnaletiche di Anis Amri, il terrorista di Berlino ucciso a Sesto San Giovanni. Cerco di guardare l’uomo dietro al terrorista. Non è facile. Soprattutto non è facile se penso a chi ha perso la vita in quel mercatino berlinese. Se penso ai loro corpi falciati senza pietà, mi sale una rabbia immensa. Ma ecco che dobbiamo essere lucidi, e cercare di capire come siamo arrivati fino a questo punto. Dobbiamo farlo, anche solo per capire come difenderci. Leggi

Stranieri nel nostro paese

In Italia i figli dei cittadini stranieri lottano per una legge di riforma di cittadinanza, bloccata in parlamento. Il fumetto di Gianluca Costantini e Igiaba Scego. Leggi

A Roma anche l’elefantino del Bernini è uno straniero indesiderato

Il rancore modella come cera la città. Questo ho pensato quando ho letto che qualcuno aveva sfregiato l’elefantino di piazza della Minerva, a Roma, l’elefantino di Gian Lorenzo Bernini. Non si capisce se l’elefante sia stato colpito da una pallonata o se qualcuno abbia usato le sue zanne come un’altalena. Sta di fatto che quella zanna spezzata simboleggia, più di qualsiasi altra cosa, la crisi della capitale italiana. Leggi

La storia dei cinesi negli Stati Uniti ci fa capire il razzismo di oggi

Per capire il successo di Donald Trump bisogna fare un salto indietro nel tempo e tornare al 1882, quando il congresso americano approvò un provvedimento contro gli immigrati cinesi. Una situazione che ricorda quella dei musulmani e dei messicani presi di mira dalla propaganda razzista di oggi. Leggi

pubblicità
Le piccole differenze

“A scuola”, dice il bimbo, “il mio brutto difetto occupava tutto lo spazio disponibile. Ho cominciato a pensare di essere come lui”. Per fortuna arriva un dottore dalla faccia simpatica e tutto cambia in Un trascurabile dettaglio. Leggi

La vera Mammy di Via col vento ci aiuta a superare gli stereotipi sui neri

Via col vento ha debuttato al cinema nel 1939. Io non ero nata, nemmeno mia madre era nata. Una sera degli anni ottanta mia madre mi disse: “Preparati c’è un film elegante su Rai 1”. A mamma piacciono i film in costume, i riti un po’ teatrali dell’upper class e dell’aristocrazia l’hanno sempre divertita. E anch’io ero pronta a divertirmi a più non posso. Ma dopo pochi minuti è apparsa lei. Leggi

Prima di nascere

Cos’ero prima di me? Questa la domanda filosofica che si fa un essere in formazione, una bambina (o forse un bambino) che sta per nascere. Prima di me cerca, attraverso un linguaggio poetico e lineare, di mettere in scena le domande che spesso si fanno i bambini sulla propria esistenza. Su cos’erano prima, su cosa diventeranno dopo, su chi c’era o non c’era prima di loro. Leggi

Cosa succede quando le vittime di abusi sono gli uomini

Nell’ottobre del 2011 una ragazza di 19 anni, Grace Brown, ha un’intuizione. Grace studia fotografia e le piace uscire con gli amici. È giovane, allegra, disinvolta e ha tutta la vita davanti a sé. Una sera, un sabato sera come un altro, un’amica le racconta qualcosa a cui non era preparata. Le racconta di un’aggressione sessuale che ha subìto. Leggi

Nell’Europa del burkini la strada della convivenza è ancora lunga

La diffidenza tra oriente e occidente non è diminuita. Anzi è aumentata. Ecco perché mi ha molto colpito la foto di Cannes, poteva essere stata scattata ad Algeri negli anni sessanta. Invece era il 2016, nella città del red carpet e della Palma d’oro. La stessa ossessione di sempre. Lo raccontava cinquant’anni fa lo scrittore Tayeb Salih nel suo romanzo La stagione della migrazione a nord. Leggi

pubblicità
Ritorno ad Asmara

Erminia è una donna divisa a metà tra Africa ed Europa, asmarina al 100 per cento. Ed è in uno dei suoi ritorni ad Asmara “in un tardo pomeriggio di fine novembre” che tocca con mano il dolore dei nostri tempi. Leggi

Il sogno di Wadjda

Haifaa Al Mansour è nata in Arabia Saudita negli anni settanta ed è nota al pubblico per aver scritto e diretto il film La bicicletta verde. Ora le peripezie della piccola Wadjda diventano un libro per ragazzi che conserva l’effervescenza e la leggera irriverenza del film. Leggi

Le foto di Vivian

Un oggetto può prendere la parola? E può sapere tutto di noi? Una penna, un quaderno, un aspirapolvere, un portacipria, una teiera parlano di noi e a volte per noi. Ma niente è paragonabile alla Rolleiflex che Vivian Maier si porta dietro ovunque. Quella macchina fotografica è un suo prolungamento, sono i suoi occhi. Ed è proprio la macchina fotografica a prendere la parola in Lei di Cinzia Ghigliano. Leggi

Guglielmo e le sue due ali

Guglielmo è sereno. Vive di cose piccole. Sa che la vita è nei dettagli. La sua esistenza procede tranquilla e placida. Ma un giorno, improvvisamente, la sua routine viene interrotta da un fatto straordinario. Leggi

L’omicidio di Fermo è l’ultimo atto del profondo razzismo italiano

Emmanuel Chidi Namdi, 36 anni, è morto. Davvero si può scappare da Boko haram, uno dei gruppi terroristici più efferati del mondo, e non sopravvivere all’Italia? Gli omicidi a sfondo razziale nel nostro paese non sono casi isolati, sono alimentati da un pensiero profondo che non è stato mai sradicato. Leggi

pubblicità