Giovanni De Mauro

È il direttore di Internazionale. Per scrivere alla rubrica: settimana [at] internazionale.it

Giovanni De Mauro
Cauto

Quando a un certo punto ci guarderemo intorno per capire com’è cambiato il mondo in questi mesi ci renderemo conto, tra le altre cose, di quanto sia stata paradossale la situazione dei mezzi d’informazione. Leggi

Possibile

In tempi di crisi, idee che sono considerate impossibili di colpo diventano possibili. Resta da capire quali sono quelle che prevarranno. Leggi

pubblicità
Impegniamo

La pandemia del nuovo coronavirus occupa uno spazio sempre più ampio nei mezzi d’informazione, ma pensiamo sia necessario continuare a raccontare quello che succede nel mondo. Leggi

Troveremo

Se sarà necessario, ci inventeremo tutti insieme modi nuovi per continuare a farvi arrivare Internazionale. Cercateci, ci troveremo. Leggi

Dimenticata

C’erano una volta decine di migliaia di persone che scappavano da una guerra. Erano soprattutto donne e bambini. Il viaggio attraverso il Mediterraneo era pericoloso, ma non avevano scelta. Leggi

pubblicità
Prevalenza

La circolazione delle informazioni è fondamentale nel discorso pubblico e ha un ruolo importante nel regolare le nostre emozioni, tra cui la paura. Leggi

Portuali

“Non possiamo sentirci tranquilli con la nostra coscienza quando carichiamo navi con materiale che viene usato nelle guerre in giro per il mondo”. La protesta dei lavoratori del porto di Genova. Leggi

Sole

Dal 2012 il World happiness report delle Nazioni Unite misura la felicità nel mondo analizzando alcuni elementi comuni e trasformandoli in suggerimenti per migliorare le politiche pubbliche. Leggi

Confronto

In qualunque parte del mondo, il fatto che ci siano dei bambini che vivono in condizioni di povertà è grave. Ma quando questo succede in paesi ricchi come gli Stati Uniti è scandaloso. Leggi

Coinvolgere

Quante persone servono per cambiare il mondo? Il saggio Why civil resistance works dà delle risposte interessanti. Leggi

pubblicità
Identificare

Clearview combina il riconoscimento facciale con un archivio di più di tre miliardi di fotografie scaricate da social network e milioni di siti web. Potrebbe non essere l’unica azienda a farlo. Leggi

Blackout

A tre settimane dall’inizio delle primarie da cui uscirà il nome della persona che il 3 novembre sfiderà Donald Trump alle presidenziali, la competizione tra i contendenti si fa più accesa. Leggi

Ottimismo

C’è l’ottimismo di chi dice che viviamo nei tempi migliori che l’umanità abbia mai conosciuto, ma anche quello di chi non è affatto contento per come vanno le cose e le vorrebbe cambiare. Leggi

Buon anno

Addio melatonina. Cambiare tutte le password. Come ogni anno, questi sono i buoni propositi della redazione di Internazionale. E i vostri? Leggi

Esisterà

Dove sono i bambini che non hanno l’albero di Natale con la neve d’argento, i lumini e i frutti di cioccolata? Una filastrocca di Gianni Rodari. Leggi

pubblicità
Incertezza

È sempre interessante la lettura del rapporto del Centro studi investimenti sociali, il Censis. Alcuni dati sono prevedibili, altri di interpretazione ambigua, ma in generale si scoprono tante cose. Leggi

Credibilità

Michael Bloomberg è la nona persona più ricca del mondo. Nessuno si è stupito quando ha detto che parteciperà alle primarie dei democratici. Stupisce di più la decisione presa dal direttore della sua azienda editoriale. Leggi

Convivenza

Beppe Grillo ha incontrato l’ambasciatore cinese in Italia, il signor Li Junhua. Fin qui nulla di strano. Leggi

Moderati

Secondo Martin Luther King, la moderazione di fronte all’ingiustizia è peggiore dell’ingiustizia stessa. Leggi

Sfumature

Ogni giorno vengono usati sette miliardi di volte i 3.178 emoji che si trovano su tutti i telefoni. Secondo alcuni gli emoji sono le pitture rupestri dell’era digitale. Ma chi li inventa? Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.