Francia

Francia

Capitale
Parigi
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Euro
Superficie
I cento giorni di Donald Trump

Il presidente degli Stati Uniti aveva promesso di cambiare il paese da cima a fondo, ma dopo tre mesi alla Casa Bianca sembra avere delle difficoltà. Leggi

Le atrocità di Idlib

Il quotidiano francese Libération ha vinto un premio per una sua copertina, dimostrando che ha ancora senso fare una prima pagina. Leggi

pubblicità
Carta

Piccola nota a margine delle elezioni francesi. Negli ultimi anni, la vita politica della Francia è stata segnata da due giornali. Leggi

I tre populismi francesi

Per la prima volta nella storia della quinta repubblica francese, nessuno dei due partiti che ne dominano la politica da quasi sessant’anni avrà un suo candidato al secondo turno. Leggi

Le prove di Parigi contro Assad sull’attacco chimico

Dopo l’analisi dei gas usati il 4 aprile contro la popolazione di Khan Sheikun, i servizi segreti francesi accusano Bashar al Assad per tre motivi. Leggi

pubblicità
La Francia si specchia nella stampa mondiale

Oggi la Francia è molto presente sulle prime pagine dei giornali stranieri. Questa attenzione può cambiare la scarsa opinione che i francesi hanno di se stessi. Leggi

L’Europa al centro del secondo turno francese

Ambizioni europeiste per Emmanuel Macron, ritorno delle frontiere nazionali per Marine Le Pen. Leggi

Il ballottaggio tra Macron e Le Pen commentato dai giornali francesi

All’indomani del primo turno delle elezioni presidenziali, i quotidiani affermano che i partiti tradizionali escono battuti e che si apre una nuova stagione politica. Leggi

Emmanuel Macron ha saputo riempire il vuoto politico francese

Emmanuel Macron sarà presto accusato di essere “blairista” o “thatcheriano”, ma restituirà alla Francia una centralità nello sviluppo dell’unità europea. Leggi

Con Macron i francesi voltano pagina

Salvo sorprese, il prossimo presidente della Francia sarà Emmanuel Macron. ​Adesso l’Europa può cominciare a pensare di tirare un sospiro di sollievo. Leggi

pubblicità
L’improbabile ballottaggio francese

I quattro favoriti sono attualmente così vicini nei sondaggi che al secondo turno potrebbe arrivare qualsiasi coppia di candidati. Leggi

Scontro a fuoco sugli Champs-Elysées, a Parigi.
Scontro a fuoco sugli Champs-Elysées, a Parigi. Intorno alle 21 del 20 aprile un uomo ha aperto il fuoco contro tre poliziotti, uccidendone uno e ferendo gravemente gli altri due. L’aggressore, che secondo le prime informazioni era già noto alle forze dell’ordine, è stato ucciso. I suoi familiari sono stati fermati dalla polizia. Un secondo uomo segnalato alle autorità francesi da quelle belghe si è presentato in un commissariato ad Anversa. Il gruppo Stato islamico (Is) ha rivendicato l’attacco in serata attraverso la sua agenzia di stampa Amaq.
Dopo l’attentato di Parigi i giornali francesi chiedono calma e attenzione

L’attacco terroristico della sera del 20 aprile a Parigi spinge i quotidiani francesi a chiedersi quale sarà la sua influenza sulle elezioni presidenziali del 23 aprile. Leggi

La Francia con il fiato sospeso alla vigilia del primo turno

L’Europa e le relazioni internazionali sono stati solo argomenti secondari nella campagna elettorale francese. Ma, come dimostra l’attentato di Parigi, sono fondamentali, e alla vigilia del primo turno la visione del mondo dei quattro candidati favoriti ha sollevato pesanti interrogativi. Leggi

I selvaggi, romanzo premonitore della Francia che si prepara al voto

In un periodo di grande attesa preelettorale per la Francia, esce la traduzione in italiano del primo volume del romanzo-fiume I selvaggi di Sabri Louatah, che ipotizza la candidatura alla presidenza di un arabo, musulmano e brillantissimo. Potrebbe sembrare una finzione estrema, ma anche l’eventualità che possa vincere una donna bianca e xenofoba è altrettanto poco credibile. Leggi

pubblicità
Il sistema creato da Mugabe non può risolvere la crisi dello Zimbabwe

Il 18 aprile lo Zimbabwe ha celebrato il 37° anniversario della sua indipendenza dal Regno Unito. Un’occasione da festeggiare per il regime di Robert Mugabe, ma non per i suoi oppositori, indignati per la tragica situazione in cui versa il paese. Leggi

Il voto in Francia in tre parole

Dall’affermazione di nuove correnti politiche alla crisi dei grandi partiti, le prossime elezioni presidenziali francesi sono piene di novità. La campagna presidenziale, però, è segnata da un altro fatto nuovo: l’aumento dell’uso approssimativo di parole e concetti. Molti candidati e giornalisti si sono resi colpevoli di questo peccato. Leggi

In Venezuela governo e opposizione si sfidano in piazza

In Venezuela si allarga la frattura tra il governo e l’opposizione. Alla “madre di tutte le manifestazioni” organizzata il 19 aprile dall’opposizione, il governo socialista di Nicolás Maduro ha risposto invitando i suoi sostenitori a unirsi alla “marcia delle marce”. Leggi

Theresa May ha scelto il momento migliore per indire le elezioni

Le elezioni anticipate del prossimo 8 giugno annunciate il 18 aprile dalla prima ministra Theresa May non costituiranno un nuovo referendum sull’uscita del Regno Unito dall’Unione europea. Eppure è talmente complicato negoziare questo divorzio che May ha ritenuto necessario rafforzare la sua maggioranza parlamentare. Leggi

Il dibattito che non c’è: la politica estera della Francia

È uno dei grandi paradossi della campagna elettorale francese che sta per chiudersi: la politica estera della Francia non è stata oggetto di alcun dibattito approfondito, eppure costituisce una delle linee di demarcazione più significative tra i candidati. Leggi

pubblicità