Afp

La Turchia è divisa sul referendum per rafforzare il potere di Erdoğan

La Turchia si pronuncerà il 16 aprile sul rafforzamento dei poteri del presidente Recep Tayyip Erdoğan, nel corso di un referendum il cui esito potrebbe rimodellare il sistema politico del paese e ridefinire le sue relazioni con l’occidente. Leggi

Il muro tra gli Stati Uniti e il Messico è già una realtà

Mentre negli Stati Uniti e in Messico infuria il dibattito sul progetto del presidente Donald Trump di costruire un muro lungo i confini dei due paesi, i fotografi dell’Afp hanno deciso di dare un’occhiata più da vicino. Che aspetto ha questo confine? Cosa ne pensano le persone che vivono e lavorano da quelle parti? Leggi

pubblicità
Chi è Lenín Moreno, il nuovo presidente socialista dell’Ecuador

Un ritratto del socialista Lenín Moreno, in testa alle elezioni presidenziali del 2 aprile in Ecuador. Conosciuto per il suo temperamento affabile e la sua capacità di dialogo, lotta da anni in difesa dei diritti dei disabili. Sarà il primo presidente dell’Ecuador sulla sedia a rotelle. Leggi

In Afghanistan bisogna rompere il silenzio sui bambini ridotti in schiavitù

Ero seduto nel giardino della sede di Kabul dell’Afp per avere una ricezione migliore sul cellulare, nel disperato tentativo di raggiungere un padre nella remota provincia dell’Uruzgan. Il suo figlio adolescente, mi avevano riferito alcuni anziani, era stato rapito da un comandante della polizia perché diventasse il suo schiavo sessuale. Leggi

In Africa venti milioni di persone sono a rischio carestia

In Africa orientale la siccità rischia di trasformarsi in carestia. Tra i paesi più colpiti c’è il Sud Sudan, dove il governo ha già dichiarato lo stato di carestia. In Somalia, gli abitanti di molti villaggi stanno abbandonando le loro case per raggiungere le città alla ricerca di cibo. Leggi

pubblicità
Il collezionista di Aleppo

Ci sono uomini, sogni e oggetti più forti della guerra. Mohammed Mahiedine Anis, la sua collezione di automobili d’epoca, la sua pipa e il suo grammofono sono tra questi. Leggi

I miei ultimi giorni ad Aleppo

A settembre il corrispondente dell’Afp da Aleppo, Karam al Masri, dava un’idea di come fosse vivere nella città assediata, mentre Rana Moussaoui, vicecapo dell’ufficio di Beiurt dell’Afp, raccontava cosa significava ricevere notizie da lui ogni giorno. Qui Karam racconta i suoi ultimi giorni ad Aleppo, l’ultimo capitolo dopo anni di articoli dalla città devastata. Leggi

I volti di Pyongyang

“Cercavo un progetto che avrebbe prodotto foto interessanti, che non compromettessero la mia integrità giornalistica e che rappresentassero anche una piacevole esperienza di lavoro per tutte le persone coinvolte. L’idea di una serie di ritratti mi sembrava una buona soluzione, ma sarebbe stata un’attività complicata in Corea del Nord”. Leggi

Il coraggio di fare la giornalista in Pakistan

“Fare la fotografa e la videogiornalista in Pakistan significa superare molte sfide. Il paese è molto conservatore dal punto di vista sociale e la zona dove vivo – Multan, nel centro del paese – è nota per i casi di violenza sulle donne”. La testimonianza di Shazia Bhatti, 38 anni, fotoreporter dell’Afp. Leggi

Memorie di un istante: Jewel Samad racconta la foto del ragazzo pachistano in lacrime

“Era l’ottobre del 2005 e in Pakistan c’era stato un terremoto devastante”, dice Jewel Samad. “Ho visto un uomo che giaceva a terra e ho cominciato a fotografarlo, poi ho visto che un ragazzino fissava il mio obiettivo. Era il figlio e piangeva perché non poteva fare nulla per aiutare suo padre”. Leggi

pubblicità
La strada per Mosul

Ci sono solo ottanta chilometri tra Erbil, la capitale in pieno sviluppo della regione curda dell’Iraq, e Mosul, la città irachena che l’esercito di Baghdad sta cercando di sottrarre al gruppo Stato islamico. Ma raccontando l’offensiva su Mosul mi sono resa conto che a volte basta una decina di chilometri per passare da un universo all’altro, attraversando mondi molto diversi. Leggi

Un giorno nella giungla con Joseph Kony

Quando nel 2006 sono stati annunciati i colloqui di pace tra il governo ugandese e l’Esercito di resistenza del Signore, il fotografo dell’Afp Grace Matsiko ha fatto di tutto per andare nella foresta a incontrare il famigerato comandante ribelle, ricercato dalla giustizia internazionale per crimini di guerra. Leggi

La Romania al voto per scegliere tra nazionalismo ed Europa

L’11 dicembre 18 milioni di romeni saranno chiamati alle urne per scegliere tra 6.500 candidati i 466 parlamentari che entreranno nella camera e nel senato per la prossima legislatura. Le elezioni politiche arrivano dopo un anno di governo tecnico, che ha lasciato un segno positivo nel paese e sull’elettorato. Leggi

Il futuro di New Delhi è minacciato dall’inquinamento

Dalla fine di ottobre una nebbia grigia e opaca avvolge la capitale indiana. Certe mattine il fumo è così denso che sembra di poterlo toccare. Gli edifici scompaiono e le macchine sbucano all’improvviso da strade invisibili. Leggi

L’Austria ricca e impaurita torna alle urne per scegliere il presidente

Il 4 dicembre in Austria si vota nuovamente per le elezioni presidenziali. I due candidati, il verde liberale Alexander Van der Bellen e il populista Norbert Hofer, dovranno convincere gli elettori di poter affrontare in modo efficace la disoccupazione, che la destra imputa alla presenza dei lavoratori stranieri. Leggi

pubblicità
Prima del voto le carceri del Gambia si riempiono di oppositori

Un ministro caduto in disgrazia, un’ex deputata, giornalisti della tv di stato. Con l’avvicinarsi delle presidenziali del 1 dicembre, in Gambia si moltiplicano gli arresti. Nel mirino delle autorità non ci sono solo gli oppositori, ma chiunque sia sospettato di non sostenere il presidente Yahya Jammeh. Leggi

Gli invisibili del raccordo anulare parigino

A Parigi la povertà è sotto gli occhi di tutti. Impossibile non vederla, anche per chi è semplicemente di passaggio. Eppure sa anche nascondersi, come quei poveri che vivono lontano dagli altri, lungo il “périphérique”, il raccordo anulare parigino. Leggi

Ho fotografato la Kabul dei taliban, ma oggi la paura è più forte

Se ci ripenso, la fuga dei taliban e l’arrivo degli statunitensi nel 2001 rappresentavano un’immensa speranza. Anni d’oro. Avremmo finalmente potuto vivere normalmente. Ma oggi questa speranza è svanita. I taliban sono di nuovo alle porte. Il racconto di un fotografo afgano. Leggi

Una giornata di follia a Johannesburg

È stata una giornata di follia, il culmine di diversi problemi che andavano covando da settimane nel corso delle proteste studentesche contro l’aumento delle tasse universitarie in Sudafrica. Era la ricetta perfetta per un disastro, ed è esattamente quello che è successo. Leggi

Il diario di un fotografo siriano tra le macerie di Aleppo

In cinque anni ha conosciuto la prigione del regime, poi quella del gruppo Stato islamico, e ha visto morire i genitori. Ma il corrispondente dell’Afp Karam al Masri continua a raccontare ogni giorno la vita ad Aleppo. Leggi

pubblicità